Attualmente non disponibile.
Ancora non sappiamo quando l'articolo sarà di nuovo disponibile.
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza l'immagine

Adriano Olivetti. Una sorpresa italiana Copertina flessibile – 16 mag 2001


Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon Nuovo a partire da Usato da
Copertina flessibile
"Ti preghiamo di riprovare"

Offerte speciali e promozioni

  • Amazon Warehouse Deals, la nostra selezione di prodotti usati e ricondizionati in offerta. Scopri di più



Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 319 pagine
  • Editore: Rizzoli (16 maggio 2001)
  • Collana: Saggi italiani
  • ISBN-10: 8817867772
  • ISBN-13: 978-8817867771
  • Peso di spedizione: 789 g
  • Media recensioni: 4.0 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (1 recensione cliente)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 621.598 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)

Recensioni clienti

4.0 su 5 stelle
5 stelle
0
4 stelle
1
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi la recensione del cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Le recensioni più utili

2 di 2 persone hanno trovato utile la seguente recensione Di il Romagnolo RECENSORE TOP 500 il 6 gennaio 2012
Formato: Copertina flessibile
"Metà degli intellettuali italiani lavorava per l'Olivetti. L'altra metà sognava di entrarvi."
Questa non è una biografia. È un piccolo omaggio... come ricordi appuntati su un taccuino.

Soavi è stato Art Director della Olivetti e genero di Adriano (ha sposato la figlia Lidia).
Circondandosi di artisti e designer dell'epoca (perfetti sconosciuti diventati poi celebrità, grande fiuto!)
ha inventato lo "Stile Olivetti", oggi diremmo la "corporate image" di una delle aziende più grandi al mondo
(basti pensare che all'inizio degli anni Settanta contava oltre 70.000 dipendenti distribuiti in ogni parte
del pianeta). In pratica, la prima vera multinazionale italiana.

Con una scrittura fine, e maledettamente divertente, ricostruisce l'esperienza e il lascito culturale
di quell'impresa e dell'uomo che la rese unica. Il libro si chiude con una serie di testimonianze che
sorprenderanno gli appassionati di arte, architettura, fotografia e design.
Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback. Se questa recensione è inappropriata, comunicacelo.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.