Attualmente non disponibile.
Ancora non sappiamo quando l'articolo sarà di nuovo disponibile.
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza l'immagine

Areopagitica. Discorso per la libertà di stampa. Testo inglese a fronte Copertina flessibile – 20 feb 2002


Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon Nuovo a partire da Usato da
Copertina flessibile, 20 feb 2002
"Ti preghiamo di riprovare"

Offerte speciali e promozioni

  • Amazon Warehouse Deals, la nostra selezione di prodotti usati e ricondizionati in offerta. Scopri di più



Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 140 pagine
  • Editore: Bompiani (20 febbraio 2002)
  • Collana: Testi a fronte
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8845291618
  • ISBN-13: 978-8845291616
  • Peso di spedizione: 222 g
  • Media recensioni: 5.0 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (1 recensione cliente)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 276.011 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)

Recensioni clienti

5.0 su 5 stelle
5 stelle
1
4 stelle
0
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi la recensione del cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Le recensioni più utili

Scritto nel 1644, nel pieno della Guerra Civile, Areopagitica è uno degli scritti più importanti del Milton "politico", nel momento in cui il grande scrittore Inglese si schiera apertamente a favore dello schieramento puritano contro Carlo I, abbandonando l'attività letteraria coltivata fino a quel momento. Parlando alla Camera dei Comuni, Milton afferma uno dei valori fondanti del mondo, cioè la libertà di stampa, avversando pubblicamente la decisione presa dal Parlamento, nel 1643, di avvalersi dell'esercizio della censura. Milton conclude che "uccidere un buon libro e' quasi lo stesso che uccidere un uomo. Chi uccide un uomo uccide una creatura ragionevole, immagine di Dio. Ma chi distrugge un buon libro uccide la ragione stessa, uccide l'immagine di Dio", ma soprattutto chiede che gli vengano date "la libertà di conoscere, di parlare e, su tutte, la libertà di discutere secondo coscienza". Cento anno dopo l'affermazione della libertà di coscienza pronunciata da Lutero a Worms, Milton fa lo stesso, affermando l'importanza della stampa per la diffusione delle idee e del pensiero, opponendosi a qualsiasi censura preventiva. Da leggere assolutamente
Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback. Se questa recensione è inappropriata, comunicacelo.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.

Ricerca articoli simili per categoria