Acquista usato
EUR 6,70
+ EUR 2,90 spedizione
Usato: Ottime condizioni | Dettagli
Venduto da Librodifaccia
Condizione: Usato: Ottime condizioni
Commento: Copertina: Ottime Pagine: Ottime
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza tutte le 2 immagini

Il cimitero di Praga Copertina flessibile – 29 giu 2011

3.2 su 5 stelle 114 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
Copertina rigida
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 9,90
Copertina flessibile, 29 giu 2011
EUR 13,57 EUR 6,70

Offerte speciali e promozioni

  • Amazon Warehouse Deals, la nostra selezione di prodotti usati e ricondizionati in offerta. Scopri di più

Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone

Per scaricare una app gratuita, inserisci l'indirizzo e-mail o il numero di cellulare.




Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 520 pagine
  • Editore: BOMPIANI (29 giugno 2011)
  • Collana: Vintage
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8845268969
  • ISBN-13: 978-8845268960
  • Peso di spedizione: 640 g
  • Media recensioni: 3.2 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (114 recensioni clienti)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 81.598 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)

Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Copertina flessibile
Eco è un grande erudito e fa sfoggio della sua infinita cultura con dettagli che il lettore medio, anche se di buona istruzione, fa fatica a cogliere o non coglie tout court. Il libro è a tesi, e vuole dimostrare che i complotti sono sempre esistiti, per cui figuriamoci a che livello siamo arrivati oggigiorno. La prosa di Eco è spesso prolissa e la sovrapposizione di ben tre narratori rende pesante e talvolta complicato seguire la trama. Ho letto random queste critiche, sui giornali e su Amazon: tutto vero.
Resta però il fatto che, a dispetto dell'indubbia passione dell'autore per gli esercizii di stile e del suo mal represso autocompiacimento nell'esibizione della propria enciclopedica cultura, il romanzo si legge benissimo, fila liscio come l'olio dal punto di vista del plot e, se anche all'inizio si fatica a raccapezzarsi tra Simonini, abate Dalla Piccola e narratore super partes (che fa tanto Manzoni), la storia è avvincente nonchè a tratti esilarante.
Certo io personalmente ero molto più giovane quando lessi Il nome della rosa e La misteriosa fiamma della regina Loana, e può darsi che li trovai più ostici per questo, tuttavia la mia impressione è che Il cimitero di Praga sia un esperimento infinitamente più riuscito di narrativa d'intrattenimento coniugata alla cultura. Se non altro perchè giunti alla fine del libro, fine peraltro abbastanza prevedibile - e forse qui sta il bello - ci si sente subito spinti a cambiare nomi e luoghi per verificare l'adattabilità dell'intreccio al tempo presente... e purtroppo, com'è ovvio, il giochetto è tristemente facile.
Promosso.
38 persone su 41 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Bisogna riconoscerlo: l'impianto di questo romanzo è geniale, la storia di un falsario smemorato e dalla doppia personalità richiama motivi di Borges e di Pirandello. Il protagonista è quello che si chiama un 'narratore non affidabile', per più di una ragione. Eco gli attribuisce una quantità incredibile di falsificazioni, intrighi e imbrogli, e delinea un personaggio che, nella sua totale amoralità e negatività, è tuttavia affascinante come il Ripley di Patricia Highsmith. Simonini, il protagonista, l'unico inventato, come dice Umberto Eco, partecipa del nefasto antisemitismo del suo tempo, ma vedremo che il suo disprezzo non si limita agli ebrei, ma si estende a tutta l'umanità. E le menzogne di cui si avvolge lo hanno isolato da quell'umanità che disprezza e sfrutta. Sullo sfondo, eventi storici come il risorgimento Italiano, la guerra franco-prussiana, l'affare Dreyfus, tutto visto attraverso le lenti deformanti della mentedi uno dei più interessanti personaggi negativi che la letteratura abbia prodotto.
84 persone su 95 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
L'incipit del romanzo è grandioso, poco ha da invidiare ai grandi incipit di Dickens come quelli di Bleak House o Our mutual Friend. Gli stimoli sono tanti e tutti storiograficamente accurati. Ma forse è la pesantezza dovuta a questa enorme massa di stimoli ad appesantire un po' la lettura: il risultato a parer mio è comunque di eccellente fattura, ma aver fatto confluire tutte le trame occulte dell'800 europeo in un unico individuo può sembrare una forzatura persino per un feuilleton. Questa più che una critica è una rilevazione di un limite che il romanzo di Eco potrebbe avere, ed è il limite di ogni feuilleton, ma l'autore ha saputo in modo veramente magistrale tenere uniti tutti questi fili, accomunandoli non tanto al Simonini della storia, ma ai tanti possibili Simonini che sono esistiti e che tuttora esistono. Concludo con una citazione di Eco in cui mette in relazione il nazionalismo con l'odio che a me è piaciuta parecchio. Tra parentesi, non me la sono sentita di dare meno di cinque stelline a un libro che ha richiesto un tale lavoro di ricerca. “Qualcuno ha detto che il patriottismo è l'ultimo rifugio delle canaglie: chi non ha principi morali si avvolge di solito in una bandiera, e i bastardi si richiamano sempre alla purezza della loro razza. L'identità nazionale è l'ultima risorsa dei diseredati. Ora il senso dell'identità si fonda sull'odio, sull'odio per chi non è identico. Bisogna coltivare l'odio come passione civile. Il nemico è l'amico dei popoli. Ci vuole sempre qualcuno da odiare per sentirsi giustificati nella propria miseria. L'odio è la vera passione primordiale. È l'amore che è una situazione anomala.Ulteriori informazioni ›
2 persone su 2 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Premessa, Eco mi piace, anche il suo letterario pavoneggiarsi. Ma. C'è un ma. Lo stile Eco ti cattura all'inizio del libro, anche il personaggio appare misterioso e la sua insanità mentale intrigante. Il viaggio nella storia di un personaggio inventato (volgarmente stile forrest) è istruttivo e divertente. Ma purtroppo in molti punti appare slegato, come quelle fiction che devono mettere puntate di riempimento per arrivare alla 20ma puntata. L'alone di mistero di Simonini cade dopo pochi capitoli e diventa troppo prevedibile. Il romanzo ha una morale denuncia del antisemitismo, ma che sguazza troppo in tale fogna da farlo diventare personalmente fastidioso. Ridondante, che diventa prevedibile, soprattutto nel finale. E personalmente quando ha dovuto andare a pescare nel satanismo... Bah. Forse se fosse stato più corto e meno allungato con episodi inutili e filosofeggiamenti antisemiti sarebbe stato più piacevole.
1 persone su 1 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti


Ricerca articoli simili per categoria