EUR 12,75
  • Prezzo consigliato: EUR 15,00
  • Risparmi: EUR 2,25 (15%)
  • Tutti i prezzi includono l'IVA.
Spedizione gratuita per ordini sopra EUR 19.
Disponibilità immediata.
Venduto e spedito da Amazon. Confezione regalo disponibile.
Quantità:1
La solitudine dei numeri ... è stato aggiunto al tuo carrello
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza tutte le 2 immagini

La solitudine dei numeri primi Copertina flessibile – 29 giu 2010

3.5 su 5 stelle 155 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
Copertina flessibile
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 12,75
EUR 5,78 EUR 5,90

3 euro da leggere: questo libro fa parte della promozione
Utilizza il tuo codice su questo e molti altri titoli fra cui scegliere. Scoprili tutti

Offerte speciali e promozioni

  • Amazon Warehouse Deals, la nostra selezione di prodotti usati e ricondizionati in offerta. Scopri di più


Spesso comprati insieme

  • La solitudine dei numeri primi
  • +
  • L'eleganza del riccio
Prezzo totale: EUR 21,17
Acquista tutti gli articoli selezionati

Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone

Per scaricare una app gratuita, inserisci l'indirizzo e-mail o il numero di cellulare.




Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 304 pagine
  • Editore: Mondadori (29 giugno 2010)
  • Collana: Oscar grandi bestsellers
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8804589655
  • ISBN-13: 978-8804589655
  • Peso di spedizione: 295 g
  • Media recensioni: 3.5 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (155 recensioni clienti)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 2.700 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)

Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Di pietragi il 2 gennaio 2012
Formato: Copertina rigida
Il libro a me è piaciuto.
Il tema di fondo è la solitudine e la difficoltà, per alcune persone, a vivere una vita "normale".
I protagonisti sono quelli che oggi consideriamo dei perdenti per la loro difficoltà di relazionarsi e di comunicare, ma a me questo pugno nello stomaco ha fatto riflettere su quante volte la vita piega chi è più debole, sulla omogeneizzazione che il mondo di oggi ci impone.
Il libro può piacere o non piacere, ma suscita emozioni e questo mi basta.

Per un libro di esordio direi un buon livello, sono curioso di vedere se Giordano continuerà o se rimarrà un autore di un libro
22 persone su 23 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Un romanzo scritto non alla perfezione, diffusi errori grammaticali( coniugazioni errate dei verbi, ed altro..),punteggiatura a volte inesistente e altre superflua. La trama non del tutto da buttare anche se sviluppata in modo abbastanza lento. La prima meta' del romanzo e' abbastanza scorrevole e interessante ma nella meta' successiva diventa piuttosto noioso e ripetitivo. Un finale scontato. Leggendolo sembra quasi che siano due racconti uniti a formare un romanzo, forse sarebbe stato meglio scrivere due storie separate, quella di Alice e quella di Mattia e pubblicare due racconti separati, piu' corti e forse meno noiosi. Complessivamente una lettura abbastanza scorrevole, ma sicuramente non e' un romanzo da catalogare assieme ai grandi della letteratura. Purtroppo al giorno d'oggi le case editrici stanno puntando a pubblicare i romanzi commerciali e la valutazione vera di quello che viene presentato dallo scrittore a volte si perde. Se la trama fosse stata sviluppata da uno Stephen King o da altri scrittori sicuramente il romanzo sarebbe stato piu'interessante. La trasposizione cinematografica del romanzo e' peggio, pessima.
2 persone su 2 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Il titolo è la ragione per cui sono stata inizialmente attratta a questo libro ed è la stessa ragione, o meglio la tematica trattata, per cui mi è piaciuto. E' scritto bene (non benissimo come alcuni suggeriscono) ma a mio giudizio è scarsa la reale comprensione (e conseguente descrizione) della solitudine, sconforto ed difficoltà dei numeri primi che in misura maggiore o minore caratterizzano ciascuno di noi e non solo nell'adolescenza. Temo di aver riposto delle aspettative troppo grandi verso questo libro e di non averlo apprezzato abbastanza proprio a causa di queste. Sicuramente non mi pento di averlo letto e lo consiglio specialmente ai 20-30enni.
2 persone su 2 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Un libro senza dubbio interessante sotto molti punti di vista, dal linguaggio allo stile introspettivo che si aggrappa ai personaggi quasi fosse loro avvinghiato addosso.
Le vicende dei due protagonisti si susseguono quasi a capitoli alterni fino a intrecciarsi inevitabilmente, e poi separarsi e intrecciarsi in un gioco continuo di avvicendamenti simili, tanto per restare in tema matematico, a due sinusoidi sfasati di π/2.
Punto di debolezza che mi ha perseguitato per tutta la lettura: la storia va avanti per più di 20 anni, ma Alice e Mattia sembrano sempre intrappolati in loro stessi, incapaci di mutare ed evolversi oltre la loro condizione di vittime di un trauma che si porteranno per sempre appresso, come un bagaglio troppo ingombrante per le loro vite. Loro non sembrano voler andare oltre, si ancorano disperatamente a quell'alibi d'infanzia per non rischiare di migliorare (o peggiorare) la loro condizione.
Questo rende la storia in sé statica e priva di svolte ed epifanie che possano in qualche modo dare un senso "letterario" a tutto quello che Giordano va a narrare.
Tutto sommato è però un libro che mi sento di consigliare, specialmente a chi cerca una lettura che si concentri più sull'interiorità dei personaggi che non sugli eventi che attraversano.
1 persone su 1 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Si legge bene, è vero, ma lascia un retrogusto troppo amaro. "Crescere" è sofferenza, d'accordo, ma nella vita qualche spiraglio si trova. Perfino l'interminabile sequela di disgrazie che costituisce i libri di Dickens mostra qua e là delle... crepe, dei barlumi di luce!
Un indulgere al pessimismo, un costante ripiegamento su se stessi, un lasciarsi andare alla deriva che in certi punti non è neppure verosimile... Non c'è MAI speranza.
Personaggi ben caratterizzati, lo riconosco, ma quasi volontariamente vittime di una vita matrigna che non vogliono cambiare!! L'autocontrollo di Mattia, poi, è agghiacciante. Che i matematici siano tutti così?
Un libro che ho letto in fretta -forse per sapere come andava a finire- ma che non mi ha convinto del tutto. Titolo bellissimo, peccato che la solitudine abbia indurito talmente gli animi da renderli freddi, ma così freddi da far pensare a cadaveri vivi!
1 persone su 1 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Sì,lo devo ammettere,sono rimasto un po' deluso. Il libro inizia presentando i protagonisti da bambini con i loro sentimenti,le loro paure e stati d'animo che permettono al lettore di affezionarsi fin da subito.Un susseguirsi di eventi che hanno il potere di coinvolgere e di appassionare.Poi però andando avanti mi ha dato l'impressione che questo coinvolgimento e queta passione si va ad affievolire.Le pagine scorrono ,con i protagonisti ormai adulti, senza catturare il lettore, con una descrizione di particolari a volte inutile e senza fornire nuovi spunti per continuare la lettura in maniera "vorace".
Scritto con un linguaggio molto semplice,fin troppo in certi punti,si prosegue sperando in qualche colpo di scena o una quasiasi evoluzione della storia che però non arriva.
Finale piuttosto anonimo.
1 persone su 1 l'hanno trovata utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti


Ricerca articoli simili per categoria