Ne hai uno da vendere? Vendi i tuoi articoli qui
Ci dispiace. Questo articolo non è disponibile in
Immagine non disponibile per
Colore:

 
Dillo alla casa editrice.
Vorrei leggere questo libro su Kindle

Non hai un Kindle? Scopri Kindle, oppure scarica l'applicazione di lettura Kindle GRATUITA.

OP : osservatore politico : settimanale Mino Pecorelli n.11 13/06 [Rivista a unico numero]

Mino Pecorelli


Attualmente non disponibile.
Ancora non sappiamo quando l'articolo sarà di nuovo disponibile.



Offerte speciali e promozioni

  • Amazon Warehouse Deals, la nostra selezione di prodotti usati e ricondizionati in offerta. Scopri di più


Descrizione prodotto

13 Giugno 1978 n.11 OP : osservatore politico : settimanale di fatti e notizie di Mino Pecorelli . 63 pagine + indice, brossura editoriale spillata. OP-Osservatore Politico (noto per brevità come OP) è stato un giornale settimanale di approfondimento politico. Suo proprietario unico, fondatore e direttore è stato Carmine (Mino) Pecorelli (1928-1979). Nato verso la fine degli anni '60 come agenzia ciclostilata quotidiana a Roma, si distinse ben presto per la forza dirompente dei suoi articoli, riguardanti politici, militari e magistrati. Nonostante molti pezzi fossero in realtà frutto di delazioni prive di solide fonti, rasentanti la diffamazione e l'attacco personale, in alcuni casi il giornale risultava essere assai attendibile e per questo temuto. Il suo fondatore e direttore Carmine (Mino) Pecorelli riuscì a creare una fitta rete di informatori posti in posizioni chiave dello Stato italiano, grazie all'opera continua di velato ricatto da egli attuata. Questo potere si concretizzò anche in aiuti finanziari attraversoAntonio Bisaglia (chiamato sulle pagine di OP con il nome di Tony Wilde Bisaglia, con chiare allusioni) e Francesco Cosentino, all'epoca segretario generale della Camera. L'agenzia si arricchì grazie a due contributori di peso: Nicola Falde (ex capo dell'ufficio del Servizio Informazioni Difesa (SID) per le ricerche economiche ed industriali con supervisione sul commercio delle armi) e Annibale Ilari, prelato del Vicariato di Roma, tribunale della Sacra Rota. OP condusse campagne contro personaggi allora sconosciuti ai più, come Camillo Crociani e Antonio Lefebvre (Scandalo Lockheed), avvalendosi del contributo di Vito Miceli, capo del SID. Nel corso dei primi anni '70 Pecorelli stabilì buoni rapporti anche con Franco Evangelisti e Egidio Carenini, due big partitici in quota DC, entrando anche in contatto con la loggia P2 (alla quale risultò iscritto).

Dettagli prodotto

ARRAY(0xb7a491d4)

Vendi la versione digitale di questo libro nel Kindle Store

Se sei un editore o un autore e detieni i diritti digitali di un libro, puoi vendere la versione elettronica nel Kindle Store. Maggiori informazioni

Recensioni clienti

Non sono ancora presenti recensioni clienti.
5 stelle
4 stelle
3 stelle
2 stelle
1 stella

Ricerca articoli simili per categoria