paola fusetti

(TOP 500 RECENSORE)
 
Classifica Top recensori: 153
Valutazioni utili ricevute su recensioni: 90% (505 di 560)
 

Recensioni

Classifica Top recensori: 153 - Totale voti utili: 505 di 560
Memorie di un vecchio giardiniere (Raggi) di Reginald Arkell
2 di 2 persone hanno trovato utile la seguente recensione
Un romanzo breve, una lettura rilassante.
La storia della lunga vita di un giardiniere inglese, vissuta senza traumi, regolare, dove le stagioni si succedono nel mondo come nella vita del protagonista.
Se fosse un film, sarebbe uno di quelli che si ricordano per la fotografia splendida, la perfezione dei paesaggi e dei particolari. Uno di quelli dove la storia passa in secondo piano rispetto ai personaggi e alla loro interiorità espressa nella delicatezza di piccoli gesti, alla dignità di un'esistenza dedicata a un lavoro rigoroso, paziente e gentile, che è anche una grande passione.
È un libro buono per rilassarsi in un pomeriggio tranquillo… Leggi di più
L'ora delle streghe. La saga delle streghe Mayfair di Anne Rice
5.0 su 5 stelle Bellissimo e inquietante, 22 gennaio 2014
Il primo e il migliore della trilogia delle streghe Mayfair. Un romanzo lungo e avvincente che appassiona e che non si fa dimenticare facilmente. Anne Rice era davvero al suo meglio quando ha scritto quest'opera.

Narra la saga di una famiglia straordinaria, dalle origini nell'Europa che bruciava le streghe fino alle paludi della Louisiana e alla bellezza decadente di New Orleans, la città dove vivono anche tanti dei vampiri della Rice.
Le streghe Mayfair sono tutte personaggi affascinanti, lo zio Julien, la piccola Mona, Rowan. Alla fine, nonostante tutto quello che succede, non si sogna altro che essere un membro della famiglia (o magari uno studioso del… Leggi di più
Il diario del vampiro. 10 romanzi in 1 (eNewton Na&hellip di Lisa Jane Smith
Non ci si aspetta moltissimo dall'ultima generazione di storie di vampiri, sono molto al di sotto di quelli della mitica Anne Rice, tanto per citare una contemporanea, ma questa saga è davvero la peggiore che io abbia letto (e ne ho lette parecchie).

Fino al quarto volume è leggibile e anche godibile, se pure non un capolavoro, ma dal quarto volume in poi tutto assume un tono surreale e perfino grottesco: la protagonista che prende una deriva pseudo-mistica, fluttua come un palloncino, diventa un'anima pura tutta buonismo e amore per qualsiasi piccola creaturina (pur restando una narcisista da competizione e una fastidiosa testarda comandina) e partono inoltre… Leggi di più