Recensioni clienti


7 recensioni
5 stelle:
 (6)
4 stelle:    (0)
3 stelle:
 (1)
2 stelle:    (0)
1 stella:    (0)
 
 
 
 
 
Media recensioni
Condividi la tua opinione con altri clienti
Crea la tua recensione
 
 

La recensione favorevole più utile
La recensione critica più utile


5.0 su 5 stelle Un libro molto interessante da un bravo giornalista
Non tutti devono avere le stesse idee, e questo libro può piacere o interessare alcuni e magari altri no. A me, che ho lavorato per decenni in ambito internazionale e che conosco bene gli USA, il libro è piaciuto molto. Non so se siamo arrivati al declino dell'occidente, almeno dal punto di vista economico, ma di sicuro la scena internazionale ci...
Pubblicato 3 mesi fa da RG da Roma

versus
26 di 36 persone hanno trovato utile la seguente recensione
3.0 su 5 stelle Le opinioni di Rampini - un bel libro offuscato da qualche errore...
In questo libro Federico Rampini, che ci aveva abituato a saggi intelligenti sul lontano oriente (Cina, India ed un po' di Giappone) e sugli USA, ci racconta un po' più di se stesso. E così apprendiamo della sua adolescenza trascorsa a Bruxelles a seguito del padre funzionario della Comunità Economica Europea, della sua giovinezza spesa come...
Pubblicato il 20 novembre 2011 da Max


Prima le più utili | Prima le più nuove

5.0 su 5 stelle Un libro molto interessante da un bravo giornalista, 3 settembre 2014
Acquisto verificato(Cos'è?)
Questa recensione è su: Alla mia Sinistra: Lettera aperta a chi vuole sognare insieme a me (Strade blu. Non Fiction) (Formato Kindle)
Non tutti devono avere le stesse idee, e questo libro può piacere o interessare alcuni e magari altri no. A me, che ho lavorato per decenni in ambito internazionale e che conosco bene gli USA, il libro è piaciuto molto. Non so se siamo arrivati al declino dell'occidente, almeno dal punto di vista economico, ma di sicuro la scena internazionale ci riserverà molte sorprese, non solo dalla Cina e dall'India, ma anche dagli Stati Uniti. E l'Europa starà solo a guardare o sarà capace di risvegliarsi.

E' stata davvero una bella lettura.
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


3 di 4 persone hanno trovato utile la seguente recensione
5.0 su 5 stelle Un libro da consigliare, 20 luglio 2012
Non possiedo le conoscenze tecniche di Max e non avevo pertanto rilevato le sottigliezze da lui messe in evidenza. E' veramente fondamentale fare una distinzione tra subito e qualche giorno, tra scozzese e inglese. Quello che conta è il concetto che si vuole esprimere.
Inoltre, se ricordo bene Rampini voleva dire che, nel caso che la parte politica che è al governo non faccia funzionare lo stato, se il governante è di destra, questa scelta politica fa parte del suo bagaglio culturale e il suo elettorato non fa una piega, se è di sinistra, è una grave sconfitta politica e ne paga sempre le conseguenze. Rampini ricorda più volte la frase di Reagan: "Lo stato non è la causa dei problemi, lo stato è il problema". Non mi sembra una grossa novità e non vedo dove sia il non riconoscimento della parte politica avversa.
Per quanto riguarda chi ruba, quando viene accusato uno di destra, è un coro di "toghe rosse", "proprio in questo momento, guarda un po'", mentre per il popolo di sinistra i casi di Bari (il sindaco Emiliano) e della provincia di Milano (Penati) sono vissuti come un vero dramma; purtroppo non dal PD. A questo proposito: "è più facile vedere la pagliuzza nell'occhio degli altri che la trave nel proprio"
Fatte queste premesse, è il primo libro che leggo di Rampini (comunque lo conosco perché sono un lettore di "Repubblica"). L'ho trovato ben scritto ed interessante; pieno di notizie che ti aiutano a capire un po' di più il mondo occidentale in cui viviamo e anche altre realtà economiche basate su altri principi (Cina e Brasile, ad esempio).
Dimenticavo il titolo del libro è "Alla mia Sinistra" e non credo che Rampini si voglia riferire alla sua mano.
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


5.0 su 5 stelle bellissimo!, 4 marzo 2014
raramente mi è capitato di sentirmi coinvolta nella lettura di un saggio come se fosse un thriller.......Argomenti interessanti, scrittura scorrevole......bravissimo Rampini!
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


5.0 su 5 stelle Interessante, 17 febbraio 2014
Acquisto verificato(Cos'è?)
Spedizione veloce e libro consigliato per gli utili spunti e riflessioni che l'autore fa e che fa fare a tutti
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


26 di 36 persone hanno trovato utile la seguente recensione
3.0 su 5 stelle Le opinioni di Rampini - un bel libro offuscato da qualche errore..., 20 novembre 2011
Di 
Max (Italy) - Visualizza tutte le mie recensioni
(TOP 1000 RECENSORE)   
In questo libro Federico Rampini, che ci aveva abituato a saggi intelligenti sul lontano oriente (Cina, India ed un po' di Giappone) e sugli USA, ci racconta un po' più di se stesso. E così apprendiamo della sua adolescenza trascorsa a Bruxelles a seguito del padre funzionario della Comunità Economica Europea, della sua giovinezza spesa come funzionario del PCI e giornalista di periodici di partito, fino al momento in cui non pubblicò un articolo su una mini tangentopoli che aveva coinvolto il PCI in Puglia e fu espulso dal partito. Veniamo a conoscere anche eventi più recenti, come la sua "adozione" di due fratellini cinesi appartenenti ad una etnia sfavorita ed il razzismo che questi hanno dovuto subire da parte della maggioranza han. Come sempre Rampini offre delle ottime sintesi e "general overview" degli ultimi sviluppi socio-economico-politici. E cosi questo libro ci porta nel Messico del Nord a costatare gli effetti del trattato NAFTA, in Brasile a vedere la rivoluzione capitalista-socialdemocratica di Lula ed il "morbo olandese" (leggere per capire), negli USA per conoscere il movimento del Tea Party e le sue origini.Il libro ha anche alcuni difetti. In primo luogo imprecisioni. Per esempio, a pagina 127 Rampini afferma che il parlamentare USA Weiner si dovette "dimettere immediatamente" per aver spedito ad alcune sue elettrici delle foto "sconvenienti" via Twitter. In realtà Weiner si dimise dopo giorni e giorni di drammatiche (ed un po' ridicole) smentite ed ammissioni. Altro esempio, a pagina 130 l'autore cita il "celebre storico inglese Niall Ferguson". In realtà Ferguson è scozzese. Di per sè non sarebbe un errore grave, ma denota un difetto assoluto di conoscenza delle opere di Ferguson, il quale nelle sue opere non manca mai di publicizzare la propria scozzesità (si veda per esempio il capitolo sui loan sharks di East Glasgow nel celebre "the Ascent of Money"). Ma l'errore più grande del libro non è un'imprecisione, ma un errore di fondo. Infatti, a pagina 175 Rampini sostanzialmente afferma che chi vota a destra è intrinsecamente un ladro- cito "se rubano a destra o se la destra non fa funzionare i servizi pubblici, paradossalmente è una conferma della sua ideologia di fondo". Che tristezza - con tutti i suoi viaggi e la sua esperienza internazionale, Rampini non ha ancora imparato che la base fondante delle democrazie liberal-democratiche è il riconoscimento della legittimazione dello schieramento politico opposto.
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


2 di 3 persone hanno trovato utile la seguente recensione
5.0 su 5 stelle Libro essenziale per cercare di capire dove va il mondo, 7 dicembre 2012
Questo libro di Federico Rampini, è utile a molti giovani distratti, ai meno giovani che non hanno la possibilità di conoscere altri popoli, a tutti coloro che hanno qualche anno di troppo, e che pertanto hanno una memoria labile. Ecco questo libro aiuta a capire, dove stiamo andando, e quali saranni i scenari futuri, e quali sfide ci attenderanno.A me ha fatto piacere conoscere una parte di vita, di un grande giornalista, quale è Federico Rampini.Egli è, un conoscitore di società a noi lontane, fino a quando, non sono entrate in campo prepotentemente con la globalizzazione. Egli racconta flash del passato, che per i più sono sconosciuti, e che per altri erano ricordi sopiti.Inoltre apre una riflessione, sul dato della fame nel mondo, che molti di sinistra, negli anni prima del berlusconismo, nè avevano fatto una bandiera. Oggi che alcuni miliardi di persone tentano, non di avere un tenore di vita come gli opulenti occidentali, ma semplicemente consumando qualche chilo in più di riso, ecco che ci preoccupiamo. Tutto ciò perchè non ci possiamo più permettere il cappottino al nostro amato cane.Mi fermo qui', ma se si legge il libro di Rampini, senza pregiudizi, e con attenzione, si capirebbe molto meglio, quale futuro ci attende.
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


0 di 2 persone hanno trovato utile la seguente recensione
5.0 su 5 stelle Ottimo, 26 febbraio 2014
Acquisto verificato(Cos'è?)
Prodotto conforme alla descrizione, buono l'imballo. Tempi di spedizione perfetti. Ottimo acquisto. Non ho problemi ha definirlo : consigliatissimo!!! Grazie
Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 
Questa recensione ti è stata utile?  No


Prima le più utili | Prima le più nuove

Questo prodotto