Scopri Books Cloud Drive Photos Scopri CE Scopri Scopri Fire Shop Kindle Shop now Scopri Scopri Sport

Recensioni clienti

4,8 su 5 stelle
51
4,8 su 5 stelle
Formato: Vinile|Cambia
Prezzo:29,67 €+ Spedizione gratuita con Amazon Prime
La tua valutazione(Cancella)Vota questo articolo


Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

il 31 dicembre 2016
Da sempre innamorato dei Rolling Stones! Questo disco è un ritorno alle origini prettamente Blues della band . Molti storcono il naso , tacciandolo di cover , in senso dispregiativo... io invece penso si tratti di un omaggio di lusso ai grandi del genere...arrangiamenti bellissimi al pari dei tempi migliori e una verve che manifesta in modo palese la grande gioia di suonare di questi "vecchietti" miei pari (peccato per me...) solo di età... un bel disco che non esiterei a definire disco dell'anno!
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 17 dicembre 2016
Un album di cover, vero, ma per chi volesse conoscere cosa ha fatto scoccare la scintilla che avrebbe portato agli Stones è fondamentale.
Brani ri-arrangiati alla grandissima, ottimo blues, davvero bel disco.
Spedizione puntuale, aggiornamenti continui, soprattutto per un import.
Soddisfatto!!
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 16 dicembre 2016
Il suono "rozzo", a volte apparentemente distorto e diretto, è stato voluto in sala d'incisione.
Chi critica dicendo che il lavoro di produzione o mastering è stato scarso, può accomodarsi a recensire Stash e compagnia bella.
Sull'album personalmente lo trovo geniale e di grande ispirazione. Si, sono cover, sono tutte cover blues, ma parliamo del ri-arrangiamento? Fantastico!! E per chi screditasse gli Stones dicendo che ormai sono bolliti e sanno fare olo cover, volevo ricordare che il signor Richars lo scorso anno se ne è uscito con certo "Crosseyed Heart" , album solista di inediti.
Lunga vita!
0Commento| 5 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 dicembre 2016
Blue & Lonesome
Ancora Loro, maledizione, sempre Loro, i più grandi. Questa volta ci hanno fatto salire sulla loro DeLorean e ci hanno riportato lì, dove tutto ebbe inizio Richmond, Eel Pie, e piccoli pub dove Loro si esibivano come una giovane Blues Band. Hanno chiuso il cerchio sono ritornati a casa.....da maestri. 12 brani, 12 Blues, non loro, ma appertenenti ai maesti del blues: Howlin' Wolf, Jimmy Reed, Otis Rush Little Walter, Magic Sam, Willie Dixon, e altri nomi più per intenditori come Eddie Taylor, Little Johnny Taylor, e Lightin' Slim. 12 brani “minori” o meno noti, non rifanno i soliti pezzi strafamosi (solo I Can't Quit You Baby, cavallo di battaglia degli Zep.), espolrano il lato oscuro della materia (perdonatemi la contraddizione in termini so bene che il Blues è il lato oscuro). Quest'album è il Loro omaggio al Blues, alla loro fonte, forse è il loro ringraziamento.
Blue & Lonesome è un disco di Chicago Blues, poco moderno, fuori dal tempo, è un disco sporco, polveroso sofferto, odora di whisky, e Loro come novelli Magneto dominano la materia, non sono patetici, non sono bolsiti sono credibili sono gli Stones. Zio Keith e Ron Wood “il nuovo degli Stones” (è da quarant'anni che è il “nuovo degli Stones”) saranno andati a nozze con questi brani, loro il cuore nero degli Stones, Mick che dire di lui, semplicemente grandioso, canta divinamente, ha compituto la sua trasformazione, Charlie il saggio (saggio?) preciso impeccabile. 12 brani dicevamo, partiamo dalla Title Track, bella da far male, saltatela se non volete soffrire, lenta, desolata dannata, nella sua solitudine. Hoodoo Blues (alla batteria Jim Keltner grande batterista) qui chitarra, armonica e la voce di Mick ci portano sulle rive del Mississippi. Commit A Crime, Jagger ulula alla Howlin' Wolf e l'armonica fa il resto; Just your fool il brano che apre album è potente grezza, I Can't Quit You Baby arricchita dalla presenza di “Slowhand” Clapton e dal suo tocco inconfondibile; Everybody Knows About My Good Thing, troviamo Clapton anche qui con un titolo che parla da solo.
Don Was. Il produttore ha detto " questo disco è un testamento della purezza del loro amore verso il fare musica, e il blues è, per gli Stones, la sorgente di tutto quello che fanno"; sempre secondo Don Was “Blue and lonesome è stato in lavorazione per cinquant’anni ma è stato registrato in soli tre giorni”
Ascoltate quest'album la sera, sorseggiando ciò che vi pare, chiudete gli occhi e brinderete con gli spiriti di questi quattro maledetti ragazzi che sono riusciti ad espolare tutti gli angoli della nostra anima.
Quest'album non porterà nuovi adepti alla causa, è un album “per noi” che li abbiamo sempre seguiti e sempre li seguiremo sin nel girone più profondo dell'inferno in quella che probabilmente è la loro casa.
0Commento| 32 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 22 dicembre 2016
I Rolling Stones sono una blues band, fino al 1966 altro non hanno fatto che riproporre brani di grandi bluesman e questo richiamo al blues lo troviamo in ogni album.
A chi consigliarlo ? a tutti gli amanti del blues e del rock, perchè, se non lo sapete, il blues ha un figlio e si chiama Rock'n roll.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 14 gennaio 2017
francamente come si fa a non apprezzare un disco simile degli stones? o a criticarlo negativamente? musicisti ottimi, canzoni classiche (blues) fatte veramente bene...e che dire? bravi....speriamo in un altro album simile
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 6 gennaio 2017
Uno dei migliori dischi di blues dei Rolling Stones, dopo parecchi anni finalmente un nuovo disco anche se di cover, comunque cantato e suonato benissimo. Assolutamente da ascoltare. Per tutti gli amanti dei Rolling stones e del blues.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 31 dicembre 2016
Ho dato questa valutazione perchè sono riusciti a riprodurre con la loro bravura quelle atmosfere che solo il blues di quegli anni poteva dare.
Eccezionali.....lo consiglio a tutti coloro che amano oltre i R.S. il blues.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 13 gennaio 2017
Ricordano le prime grandi cover : possiedo il 45 originale di Satisfaction con facciata B "the under assistant west coast promotion man",e il 33 giri The Rolling Stones (England's Newest Hit Makers) (1964 !!!). Ho dovuto aspettare qualche annetto prima di ritrovarli quasi come allora !
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 9 dicembre 2016
Il vinile, comperato su amazon uk, scorre piacevolmente sul mio vpi classic, arriva alla fine della prima facciata e sento nell'ultimo brano una chitarra nuova ma conosciuta quella di Eric che ha voluto onorare i colleghi bluesmen con i misurati tocchi, idem alla fine della seconda side dove la sua slide da' un'immagine ancora piu' polverosa al vecchio blues, e' il fantasma di Robert Johnson che riemerge dal crocicchio del diavolo! Con un colpo di testa geniale questi impertinenti ragazzini ritornano indietro di oltre 50 anni con meno ingenuità ed improvvisazione anche considerati i soli tre giorni di registrazioni, quasi un live in studio. Ogni paragone con gruppi storici, reunion piu' o meno commerciali, supergruppi raffazzonati cade di fronte alla verve giovanile ed al divertimento che li anima e che ci trasmettono in studio e dal vivo, al prossimo tour ed al prossimo disco! Voi di sicuro ci sarete...io vostro coetaneo spero di esserci (tocco ferro!)
0Commento| 6 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

32,00 €
15,60 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui