Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 3,89
include IVA (dove applicabile)
Leggi questo titolo gratuitamente. Maggiori informazioni
Leggi gratis
OPPURE

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Come hai detto che ti chiami? di [Fruzzetti, Simona]
Annuncio applicazione Kindle

Come hai detto che ti chiami? Formato Kindle

4.6 su 5 stelle 19 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 3,89

Lunghezza: 356 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Giulia fin da piccola ha dovuto fare i conti con qualcosa di scomodo: il suo nome che non è semplicemente Giulia, ma Giulia Agrippina Augusta. Appassionata conoscitrice del significato dei nomi, figlia di un insegnante di storia e di una istruttrice di pilates vegetariana fissata con la forma fisica, vive in un appartamento della nonna insieme al fratello gemello.
La comparsa di Erika, nuova fidanzata del fratello, e l'arrivo di Valerio, il nuovo coinquilino, scombineranno le carte e l'equilibrio già precario della sua vita.
Tra scontri per lo spazio della casa, gelosie, tradimenti e prese di coscienza, Giulia riuscirà nella difficile impresa di collocare al posto giusto tutti i pezzetti dell'intricato puzzle famigliare e a ricredersi sull'idea dell'amore.
Situazioni comiche, scene grottesche e personaggi bizzarri fanno da cornice a una commedia romantica, ironica e frizzante dove la famiglia ne esce protagonista in ogni sua sfaccettatura.

L'autrice:
Simona Fruzzetti vive in provincia di Pisa dove, oltre alla scrittura, si dedica al suo blog acasadisimo.blogspot.it. Ha vinto numerosi premi letterari e ha curato una rubrica di salute e benessere su un portale tutto al femminile. Dopo aver esordito in selfpublishing con “Il male minore” (2013) e “Chiudi gli occhi” (2014), è approdata alla casa editrice Piemme per la quale ha pubblicato nel 2015 “Mi piaci, ti sposo” e “Parigi mon amour” per la collana digitale In love.
“Come hai detto che ti chiami?” è il suo quinto romanzo.

Dal romanzo:
«Come si chiama il micio?» mi chiede Valerio guardandosi intorno.
«Gatto.»
«Gatto?» domanda incredulo.
«Gatto,» ripeto. «Perché non si può?»
«Certo, ma è come chiamare un cane Cane o un pappagallo Pappagallo. Ti pare normale?»
«Per me sì!» Ma ha da ridire anche sul nome che ho dato alla mia bestiola?
«Perché non ha un nome decente, santiddio?»
«Gatto è decente!» mi difendo. «Non mi sono sentita di dargli un nome qualsiasi, un nome che piacesse a me più che altro, senza tenere conto della sua personalità. E quando l'ho preso era talmente piccolo che ancora non era chiara la sua inclinazione caratteriale e quindi, siccome indiscutibilmente è un gatto, l'ho chiamato Gatto. Semplice!»
Valerio mi sta guardando strano. Non mi sorprenderei se adesso prendesse il telefonino e chiamasse il reparto di psichiatria per un ricovero coatto.
«Bene,» mi fa dopo aver pensato un attimo. «Seguendo il tuo filo logico da oggi dovrei chiamarti Donna. Tuo fratello mi aveva avvertito che eri fissata coi nomi ma non pensavo fino a questo punto.»
«I nomi sono importanti,» dico convinta. «È una cosa che ti porti dietro tutta la vita, è il tuo biglietto da visita, la prima cosa che dici quando ti presenti, l'ultima che verrà affissa sulla tua tomba. E rimarrà sempre lì, magari a far ridere i ragazzini il giorno di Ognissanti quando le madri se li portano dietro perché non sanno a chi lasciarli.»
Mille volte mi sono immaginata essere derisa davanti alla mia lapide Qui giace Giulia Agrippina Augusta Randazzo. E giù grasse risate. Una tristezza sciocca mi pervade al pensiero che non mi libererò mai da questo nome ridicolo e non avranno rispetto di me nemmeno quando sarò defunta.
«Io ho un amico che si chiama Francesco La Morte.» Valerio ora è serio.
Okay, c’è chi sta peggio di me.


Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 810 KB
  • Lunghezza stampa: 356
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B06X91CQ7K
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.6 su 5 stelle 19 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #1.064 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?
    Se sei un venditore per questo prodotto, desideri suggerire aggiornamenti tramite il supporto venditore?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Non è il solito romanzetto d'amore sdolcinato e noioso. Tutti i personaggi, ma soprattutto quello della protagonista, sono interessanti e ben delineati, Oltre quella principale vi sono altre storie, che si sviluppano in parallelo, degne di interesse. La prosa è scorrevole e divertente. In definitiva una lettura molto piacevole.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Un romanzo che finalmente riesce a staccarti dalla vita di tutti i giorni e che ti catapulta nella mente della protagonista ed è lì che ti fai un sacco di risate.
Una pittura di personaggi ciascuno con una caratteristica che ti lega alle sue pagine.
Assolutamente da leggere.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Il nome è una cosa importante, ti segna per tutta la vita e ti dovrebbe presentare agli altri nel modo migliore. La protagonista è fissata con i nomi, oltre a Giulia porta altri due nomi importanti con i quali non si sente a suo agio. Ogni capitolo, quindi, è introdotto da un nome di un personaggio. Cosa insolita e piacevole a tal punto di andare a cercare il significato, l'origine ed altri dettagli del tuo (se non già menzionato). Brava ancora una volta a Simona Fruzzetti che con allegria e humor delinea personaggi moderni, descrive situazioni quotidiane e ti fa ridere, sorridere ed arrabbiare.... e poi con dispiacere volti l'ultima pagina del libro pensando "...peccato, il libro è finito! .....quando il prossimo?"
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
È un romanzo rosa, ma non sdolcinato. Lei è una ragazza come tante dall'inizio alla fine. Nessuna trasformazione fisica da bruttina a super bellona., ed è talmente vera da essere quasi antipatica. Lo stesso vale per lui. Stra consiglio questo libro,specie se convinte che l'amore,quello reale, non è mai tutto rose e fiori.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di fabiana il 19 febbraio 2017
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Giulia Agrippina Augusta sogna di essere chiamata solo Giulia, come darle torto!
Giulia ha una famiglia decisamente alternativa e variegata, come quella in cui viviamo un po tutti, ha una vita sentimentale molto incasinata e un carattere indefinibile, perchè reagisce sempre come un gatto accarezzato contro pelo per difendersi dalla sua paura di soffrire, quindi sembra sgorbutica, antipatica, intrattabile e non addomesticabile......poi arriva il suo gemello che va a convivere con la sua amata EriKa e il nuovo coinquilino Valerio.
Anche i gatti accarezzati contro pelo possono trovare persone e situazioni che le fanno cambiare modo di mostrarsi agli altri.
il tutto condito con tante battute esileranti, infatti quando ho cominciato a leggere il libro, prima di dormire, dopo l'ennesima risata il marito mi fa: "hai cominciato a leggere il nuovo libro di Simona?"
Scordavo, odio le storie d'amore, ma qui ce ne è più di una, ma nessuna sdolcinata.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Simona con la quale condivido la non passione per il nostro nome, non é solo una blogger che seguo, una scrittrice, é soprattutto un’amica. Un’amica che mi fa schiantare dalle risate ad ogni suo post (provate un po’ ad immaginare di persona) e della quale colleziono le sue creature, fin dal primo libro, io sono quella che lo compra subito, accantona quello che sta leggendo per leggere gli scritti di Simona e che subito dopo le scrive:”ecco, brava…aspetto il prossimo”.

Il prossimo é arrivato anche questa volta e finalmente in cartaceo, appena Simona ha dato l’annuncio della nascita mi sono (come consuetudine) fiondata su Amazon per fare il mio acquisto, poi mi sono imbattuta in “leggi un estratto” cosa che per ovvi motivi non faccio mai e…dopo l’estratto ho comprato anche l’ebook. Non potevo aspettare l’arrivo del cartaceo ormai in questa storia c’ero già con tutti e due i piedi.

Il libro ben più corposo dei precedenti (come piace a me) mi ha preso, la protagonista l’ho amata per le battute geniali, l’avrei attaccata al muro per la sua tipica paura di amare e soffrire ancora, dopo una storia finita. La sua acidità da controllo sulle emozioni ha rischiato di precludere una storia d’amore capitatale un po’ per caso direttamente a domicilio. Riluttante come un cavallo imbizzarrito Giulia Agrippina Augusta é una appassionata del significato dei nomi, ancor prima di presentarci i personaggi lei gioca sui nomi e sulle caratteristiche che contraddistinguono tutte le persone che gravitano nel suo mondo.
Ulteriori informazioni ›
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Bellissimo libro...divertente ma in alcuni tratti pieno di spunti di riflessione, perché sono convinta che ci sia un po di Giulia in me...soprattutto nel lasciarsi andare dopo una delusione che non necessariamente deve essere amorosa...e forse anche un libro può insegnare 😍. Come sempre i libri di Simona sono divertenti e ironici ma sono anche pieni di spunti di riflessioni, forse per il suo modo schietto di dire le cose...chissà.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Se state cercando una lettura che scacci brutti pensieri o la fatica della settimana, allora dovete assolutamente leggere questo pregevole Rosa ironico che saprà regalarvi risate e occhi lucidi, in un'irresistibile altalena di emozioni, dalla più frivola alla più intensa. Perchè la vita in fondo è così.
Simona Fruzzetti è stata una bellissima scoperta, una penna magistrale che ha saputo tratteggiare personaggi "necessari" per la sua sceneggiatura italianissima.
Primo punto a favore l'ambientazione italiana con qualche dialogo in romanesco (non resisto!). Una commedia rosa ironica che ci presenta dei bellissimi personaggi, un cast indispensabile per una storia carinissima che mi ha strappato risate di pancia. Mi sono ritrovata più volte a ridere fino alle lacrime per certe scene troppo esilaranti, protagonista nonna Italia.
In questo romanzo l'ironia si intreccia con l'emozione grazie alle peripezie di Giulia la protagonista trentenne alle prese con l'amore, il disincanto e la difficile ammissione dei propri difetti, sarà per molte lettrici l'immagine restituita dallo specchio; non nego di essermi fatta un piccolo esamino di coscienza su certi punti deboli di noi donne.
Intorno a lei le vite degli altri personaggi che loro malgrado dovranno sopportare i suoi repentini cambi d'umore e il suo pungente sarcasmo (l'ho adorata!).
Filo conduttore del romanzo saranno i nomi e il loro significato che in diversi modi influenza chi lo porta, cominciando proprio dalla protagonista Giulia Agrippina Augusta, da Marco Aurelio suo fratello gemello, per proseguire con Valerio, Nestore e Italia... Insomma un cast che avrà tanto da raccontare invitandoci in una commedia brillante e intensa.
Ulteriori informazioni ›
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover