Prezzo Kindle: EUR 2,99

Risparmia EUR 10,01 (77%)

include IVA (dove applicabile)
logo kindle unlimited
Leggi questo titolo gratuitamente. Maggiori informazioni
Leggi ora
OPPURE

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Come hai detto che ti chiami? di [Fruzzetti, Simona]
Annuncio applicazione Kindle

Come hai detto che ti chiami? Formato Kindle

4.5 su 5 stelle 38 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
EUR 2,99

Lunghezza: 358 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Le novità di Amabile Giusti
Scopri ora tutti i romanzi della regina del rosa contemporaneo Clicca qui

Descrizione prodotto

Sinossi

Giulia fin da piccola ha dovuto fare i conti con qualcosa di scomodo: il suo nome che non è semplicemente Giulia, ma Giulia Agrippina Augusta. Appassionata conoscitrice del significato dei nomi, figlia di un insegnante di storia e di una istruttrice di pilates vegetariana fissata con la forma fisica, vive in un appartamento della nonna insieme al fratello gemello.
La comparsa di Erika, nuova fidanzata del fratello, e l'arrivo di Valerio, il nuovo coinquilino, scombineranno le carte e l'equilibrio già precario della sua vita.
Tra scontri per lo spazio della casa, gelosie, tradimenti e prese di coscienza, Giulia riuscirà nella difficile impresa di collocare al posto giusto tutti i pezzetti dell'intricato puzzle famigliare e a ricredersi sull'idea dell'amore.
Situazioni comiche, scene grottesche e personaggi bizzarri fanno da cornice a una commedia romantica, ironica e frizzante dove la famiglia ne esce protagonista in ogni sua sfaccettatura.

L'autrice:
Simona Fruzzetti vive in provincia di Pisa dove, oltre alla scrittura, si dedica al suo blog acasadisimo.blogspot.it. Ha vinto numerosi premi letterari e ha curato una rubrica di salute e benessere su un portale tutto al femminile. Dopo aver esordito in selfpublishing con “Il male minore” (2013) e “Chiudi gli occhi” (2014), è approdata alla casa editrice Piemme per la quale ha pubblicato nel 2015 “Mi piaci, ti sposo” e “Parigi mon amour” per la collana digitale In love.
“Come hai detto che ti chiami?” è il suo quinto romanzo.

Dal romanzo:
«Come si chiama il micio?» mi chiede Valerio guardandosi intorno.
«Gatto.»
«Gatto?» domanda incredulo.
«Gatto,» ripeto. «Perché non si può?»
«Certo, ma è come chiamare un cane Cane o un pappagallo Pappagallo. Ti pare normale?»
«Per me sì!» Ma ha da ridire anche sul nome che ho dato alla mia bestiola?
«Perché non ha un nome decente, santiddio?»
«Gatto è decente!» mi difendo. «Non mi sono sentita di dargli un nome qualsiasi, un nome che piacesse a me più che altro, senza tenere conto della sua personalità. E quando l'ho preso era talmente piccolo che ancora non era chiara la sua inclinazione caratteriale e quindi, siccome indiscutibilmente è un gatto, l'ho chiamato Gatto. Semplice!»
Valerio mi sta guardando strano. Non mi sorprenderei se adesso prendesse il telefonino e chiamasse il reparto di psichiatria per un ricovero coatto.
«Bene,» mi fa dopo aver pensato un attimo. «Seguendo il tuo filo logico da oggi dovrei chiamarti Donna. Tuo fratello mi aveva avvertito che eri fissata coi nomi ma non pensavo fino a questo punto.»
«I nomi sono importanti,» dico convinta. «È una cosa che ti porti dietro tutta la vita, è il tuo biglietto da visita, la prima cosa che dici quando ti presenti, l'ultima che verrà affissa sulla tua tomba. E rimarrà sempre lì, magari a far ridere i ragazzini il giorno di Ognissanti quando le madri se li portano dietro perché non sanno a chi lasciarli.»
Mille volte mi sono immaginata essere derisa davanti alla mia lapide Qui giace Giulia Agrippina Augusta Randazzo. E giù grasse risate. Una tristezza sciocca mi pervade al pensiero che non mi libererò mai da questo nome ridicolo e non avranno rispetto di me nemmeno quando sarò defunta.
«Io ho un amico che si chiama Francesco La Morte.» Valerio ora è serio.
Okay, c’è chi sta peggio di me.


Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1373 KB
  • Lunghezza stampa: 358
  • Numeri di pagina fonte ISBN: 1520389116
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B06X91CQ7K
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.5 su 5 stelle 38 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #13.712 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?


Recensioni clienti

Leggi altre recensioni che citano

Principali recensioni dei clienti

24 ottobre 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
29 giugno 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
2 persone l'hanno trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
21 marzo 2017
Formato: Copertina flessibile|Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
29 marzo 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
2 persone l'hanno trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
5 aprile 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
2 persone l'hanno trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
20 agosto 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
|Commento|Segnala un abuso
19 febbraio 2017
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
|Commento|Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover

Dove è il mio ordine?

Spedizioni e resi

Hai bisogno di aiuto?