Scopri Tante idee per giocare all'aria aperta Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport

Recensioni clienti

4,5 su 5 stelle
15
Come un dio immortale
Formato: Formato Kindle|Cambia
Prezzo:3,99 €


il 24 novembre 2017
Già dalle prime pagine di questo bellissimo romanzo dall’ampio respiro, emergono e collidono due mondi opposti: da una parte quello di Milena impegnata nei preparativi del suo matrimonio, dall’altra quello del fidanzato Flavio che non riesce a nascondere il fastidio per le inevitabili seccature dell’organizzazione. La tensione tra i due è evidente: nel salotto della futura sposa, una versione moderna del Salotto di Nonna Speranza pieno com’è di ninnoli e addirittura fornito di una gabbietta per gli Inseparabili che con le loro strida rendono evidente e concreto il nervosismo che aleggia nell’aria, Flavio avverte un misto di noia e di nausea per quella che teme sarà la sua prigione e per la vita ordinaria che la sua fidanzata sembra desiderare e addirittura incarnare. In realtà la personalità di Milena non è così lineare come Flavio suppone, perché nel suo passato c’è una colpa oscura che la tormenta. Insospettita dal comportamento di Flavio che si nega agli appuntamenti, che è reticente, sfuggente, misterioso, Milena lo seguirà di nascosto e assisterà alla sua aggressione da parte di due energumeni nel Parco di Villa Arcadia. E come il salotto di Milena è il correlativo oggettivo della incomprensione stridula tra i due, così Villa Arcadia, a dispetto del nome che evoca immagini bucoliche e una serenità classica, è un luogo di ombre e di mistero. Da questo punto in poi il mistero non abbandonerà mai il lettore: ad aumentarlo, a renderlo ancora più intricato, contribuirà una galleria di Personaggi dai contorni inquietanti, dall’incredibile e seducente Lyra che porta sulle spalle un passato difficile da accettare e a cui credere, al misterioso Tommaso che sembra appartenere più a un mondo onirico che a una dimensione reale. C’è poco da fare, che ci creda o che non ci creda il Lettore si trova irretito e travolto da una serie di enigmi, immerso nella caligine di sogni che hanno parvenza di realtà, conquistato dalla sostanza più vera del vero di un mondo che ricorda l’Iperuranio platonico. Ora a collidere non sono più le aspirazioni piccolo borghesi di Milena contro il desiderio di evasione di Flavio, ora a scontrarsi sono la grevità del mondo corporeo e la fluidità di un mondo immateriale ignoto ai più. E in questo scontro, alcuni Personaggi si muovono increduli, altri consapevoli, altri incapaci di orientarsi. Per pagine e pagine le minacce che gravano sui Personaggi si accompagnano a una sensazione di gelo che viene “fisicamente” trasmessa al lettore con grande maestria: la pioggia, il freddo, l’umidità, le gocce stillanti dai rami degli alberi, i parabrezza delle auto bagnati e appannati, la misera baracca in cui Lyra vive come una barbona, e poi la neve, le aggressioni, la paura, il lettore le sente sulla sua pelle e a stento riesce a interrompere la seduzione dei colpi di scena che lo tengono incollato a questa intensissima storia. Ma quale storia? Il giallo e il noir sono i colori che connotano questo romanzo, ma che non ne esauriscono la varietà di significati; il mondo incorporeo, il mistero dell’inaccessibile Valdiluna, la setta denominata Olimpo, le forze del Bene e del Male, gli omicidi, i faticosi percorsi che i personaggi affrontano con fatica perché minacciati o feriti, le fughe, i sogni che a volte sono incubi della stessa forza iconica dei terribili quadri di Bosch, alludono a ben altro che a una semplice trama per quanto ottimamente congegnata e perfetta nel movimento dei suoi ingranaggi: tutto il romanzo, notevole per ampiezza e per qualità di scrittura, ci parla di amore, di malvagità, di incertezze e le fotografa tutte nei gesti e nelle espressioni dei personaggi, ma soprattutto ci parla di libertà morale e di consapevolezza nelle scelte. Ci dice infine cosa significhi davvero per un uomo essere come un dio immortale.
3 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 17 novembre 2017
Un libro che non ha smesso di sorprendermi neppure dopo averlo terminato, mi è rimasto infatti addosso il mondo tanto sapientemente evocato. Un romanzo avventuroso e avvincente che merita tutte e cinque le stelle a disposizione. È il secondo libro che leggo della medesima autrice, ho riconosciuto la mano elegante, apprezzato la narrazione fluida e il mondo esoterico di cui sono rimasta ammantata. Una conferma.
Una lettura piacevole e avvolgente che mi è stato difficile interrompere. 552 pagine che scorrono davvero veloci e vorresti non finissero mai. Consigliatissimo.
3 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 18 dicembre 2017
Il mistero è il filo conduttore di questo romanzo, un mistero in cui il lettore si immerge sempre più nel suo percorso di lettura, attraverso personaggi dai contorni inquietanti, attraverso enigmi da sciogliere e mondi da svelare.
Sono stata catturata dalla narrazione fluida e precisa dell'autrice che, con sapienza, svela lentamente i contorni della storia, la vita e il passato dei protagonisti, l'incrocio dei destini dei diversi personaggi, la lotta tra il bene e il male. Un romanzo lungo 500 pagine in cui non c'è mai il tempo di annoiarsi e che scorre benissimo grazie ai colpi di scena, alla suspense e all'intensità dei personaggi. Mi è piaciuto tutto di questo libro anche il fatto che, nonostante tratti di misteri esoterici, sia molto calato nella nostra realtà. Mi sono chiesta anch'io se la nostra vita abbia un senso e se non valga la pena cercare la nostra personale Valdiluna dove ritrovare la nostra interiorità più vera.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 31 dicembre 2017
Il nuovo romanzo di Maria Teresa Steri, “Come un dio immortale”, ha molto in comune con il suo precedente “Bagliori nel buio”, sia nella trama di esistenze ordinarie sconvolte da fatti inspiegabili, sia nelle modalità della storia gialla, sia nei personaggi che si ritrovano, loro malgrado, a essere delle pedine su una scacchiera, coinvolti da un gioco di poteri senza fisionomia. Il romanzo si apre infatti con Flavio, un giovane a colloquio con la fidanzata, tutta tesa ai preparativi per il loro matrimonio, e infastidito da quel mondo piccolo-borghese in cui non si riconosce. La sua vita sembra scivolare su un binario prestabilito cui è all’apparenza rassegnato, come del resto è accaduto ai loro amici del cuore, Lorenzo e Sonia, che si dibattono nei lacci e dei doveri di una vita familiare soffocante e vissuta senza alcuna gioia e improvvisazione. Per trovare brevi momenti di sollievo, Flavio è solito andare in un parco pubblico, Villa Arcadia, per trascorrervi lunghe ore di riflessione, ed è in una di queste serate solitarie che viene aggredito da due balordi e portato in una catapecchia. Là viene assistito da una giovane senzatetto, Lyra, la cui sparizione risale a molti anni prima, all’età di sei anni, a opera di uno scrittore dell’occulto, Masterwen. Flavio è colpito dalla personalità di Lyra, un misto di ingenuità e seduzione, e desidera rivederla, mettendo in discussione il suo rapporto con la fidanzata e lo stesso progetto matrimoniale. Ma i personaggi che si affollano nelle pagine di questo bel romanzo, e che ci vengono presentati man mano, sono tutte persone ferite come Lyra: esseri considerati ai margini della società, e pure dotati di una potente capacità di “rinascita”. Essi sono separati in gruppi, ognuno dei quali ruota attorno a un personaggio dominante, ma ogni gruppo è destinato a rapportarsi con l’altro, come un grappolo di esistenze collegate in maniera indissolubile. Sono personaggi autentici, non rappresentazioni ideali, tratteggiati con particolari realistici, a strati giustapposti fatti di disagio, errori anche terribili, volgarità e petulanza, e ben calati nella quotidianità grazie a una descrizione d’ambiente e di status sociale puntuale e attenta. L’autrice conduce il lettore in un abilissimo gioco a incastri temporale, in cui ogni avvenimento serve a giustificare e preparare il lettore al successivo, in cui ci sono degli alter ego che si rispecchiano e si combattono. Ma l’angoscia che riesce a instillare nella vita quotidiana dei personaggi – il telefono che squilla a vuoto, scrittori dell’occulto, sparizioni di persone, una valle misteriosa dove si perde l’orientamento – e il senso di desolazione anche atmosferico – la catapecchia di Lyra dove si battono i denti per il freddo, la pioggia scrosciante, le nebbie di Valdiluna – si fa tracimante nel procedere della trama. Raggiunge il suo climax quando si comprende che la realtà non è quella che sembra, e soprattutto quando questa lastra di confine si spacca per far intravedere quello che c’è dietro. Questo “qualcosa” circonda le esistenze dei protagonisti e, vien da pensare, le nostre stesse esistenze. C’è una capacità di vedere oltre l’invisibile che per alcuni porta a un percorso di elevazione spirituale, per altri una vera e propria discesa agli inferi. Non dico di più: il mio invito è quello di leggere questo bellissimo e scorrevole romanzo, per lasciarsi irretire dalla sua storia.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 1 febbraio 2018
Ho comperato questo libro incuriosita dalla sua trama, essendo comunque attirata da libri di Wicca e paranormale. Questo libro mi sembrava proprio che facesse al caso mio, ma mi sono promessa che non avrei letto nessuna recensione. Questo perchè è comunque un argomento particolare e chiaramente non tutti lo possono apprezzare o comunque ognuno poi ne trae ciò che vuole. Eccomi quindi a recensire "Come un Dio immortale" di Maria Teresa Steri in maniera del tutto autonoma e senza essere in qualche modo influenzata da altri pensieri. Poi li leggerò e chissà se mi troverò d'accordo con qualcuno? Non scriverò la trama, ormai chi entra in internet e cerca il libro, la conosce e chi comunque non la conosce è chiaramente la prima cosa che legge.
Mi soffermerò invece sulle due fasi che secondo me il libro affronta.
Nella prima parte si evidenzia come la mente dell'uomo può essere debole, ma anche sempre in lotta con se stessa: vogliamo una vita libera (senza un lavoro che ci stressa, ma quindi anche senza possibilità di troppe spese per il poco denaro) o desideriamo un lavoro che magari non amiamo, un amore e sempre lo stesso ritmo di vita che potrebbe risultare noioso, una routine che porta come ad una schiavitù?
Molto spesso ci sentiamo in gabbia, ci manca il respiro, vorremmo abbandonare tutto e tutti per vivere veramente, ma come fare? Per trovare il coraggio bisognerebbe avere un motivo più che valido e tanta forza di volontà. Inoltre quello che succede ormai nel mondo ci porta ad avere molti dubbi, ansie e difficoltà ad interagire con gli sconosciuti. E' più forte di noi, non possiamo farne a meno.Nella seconda fase, invece, ci si guarda dentro, si fanno delle scelte giuste o sbagliate che siano, scelte che forse possono far del male alle persone a cui vogliamo bene. In queste scelte c'è comunque il cambiamento di vita di entrambi.
Personalmente mi piacerebbe incontrare un Tommaso (e chi ha letto il libro capirà di chi parlo) che mi faccia capire i veri valori della vita, scoprire la mia piccola Valdiluna ovunque io mi trovi!
E poi, comunque, una cosa importante, da non sottovalutare: la magia dei sogni!
Il sogno ci appartiene, è il nostro inconscio, i nostri desideri e dobbiamo saperli ascoltare ed interpretare.
Un libro quindi molto intenso, con un tema da non sottovalutare perchè, nella trama, secondo il mio punto di vista, sono celati pensieri profondi, nascosti tra le righe!
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 8 dicembre 2017
Come nel precedente romanzo, la sensazione che nasce nel lettore è quello di un gorgo, un mulinello che man mano va formandosi e chiarisce i contorni della storia, fino allo svelamento che si delinea su più livelli e che porta l'ordine nel caos. Trovo che, sotto certi aspetti, il romanzo rispetti alcune strutture narrative tipiche del racconto in cui si mescolano Bene e Male in una lotta in cui le vicende sono alterne e le forze solo apparentemente impari.
Il Bene trova alcuni espedienti per trionfare sul Male, che mostra tutta la sua sprezzante forza. Se questa forza è parte di un mondo occulto e difficile da decifrare, allora il quadro completo è un ordito in cui ci troviamo a seguire passo a passo i protagonisti col fiato sospeso.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 18 maggio 2018
Ho acquistato il libro perchè l'autrice è amica di una mia conoscente che ne aveva fatto una buona recensione.
Trovo che il titolo sia un po' pretenzioso per il genere di storia di cui tratta.
Sinceramente l'ho trovato sconclusionato, con una trama debole e poco credibile anche per un romanzo.
Leggere "Come un dio immortale" per me è stata veramente una noia mortale!
|0Commento|Segnala un abuso
il 26 dicembre 2017
Libro davvero entusiasmante. Partendo da un'aggressione ci porta a passeggio conducendoci per mano in un mondo parallelo dove sogno e incubo si intrecciano.
In questo romanzo non manca nulla. Amore, rivalità, cattiveria, delitti. Leggendolo ci si ritrova a navigare in un mare mai tranquillo, a volte in piena burrasca, senza mai sapere se l'onda che ci viene contro sarà quella che ci affogherà o se riusciremo ad averne noi la meglio.
Bello davvero! Complimenti
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 11 gennaio 2018
Un libro che mi ha colpito per il titolo, allora ho letto la sinossi e l’acquisto è stato inevitabile.
Partiamo dalla trama, inutile dire che l’esoterismo ha il suo fascino, ed è proprio di esoterismo che si parla nel libro, condito da una buona dose di suspense e una cucchiaiata di romanticismo. L’ho adorato sin dalle prime pagine, leggendo con estremo piacere una prosa non solo curatissima, ma scorrevole, dettagliata nei particolari e mai noiosa. Ho apprezzato davvero molto lo stile dell’autrice, in terza persona, che non risulta banale e neppure arzigogolato, insomma una scrittura che denota chiaramente quanto la penna della scrittrice sia capace e molto abile.
I personaggi sono delineati con attenzione, mano a mano che si prosegue con la lettura ne entrano in scena sempre di più, ma con ordine, e il lettore non si trova mai nella condizione di dover tornare indietro per recuperare qualche informazione.
Ho amato il personaggio di Flavio e quel suo improvviso anticonformismo che lo porterà a seguire una strada ben diversa da quella che l’ordinarietà della vita aveva in serbo per lui. E poi c’è lei, Lyra, il personaggio femminile, che sconvolgerà ogni certezza di Flavio.
Pur essendo un thriller non manca l’amore, ma non l’amore banale e prevedibile. L’amore che fa abbattere le insicurezze, superando ogni ostacolo per ricongiungersi a esso.Questo libro tratta di fatti attinenti al paranormale, e si può chiaramente scorgere in esso un messaggio filosofico; "Come un dio immortale" è un testo dal quale si colgono tutta una serie di sfumature che riguardano la vita reale e anche una sorta di insegnamento a non dimenticare mai chi siamo davvero.In conclusione, vi consiglio la lettura di questo libro del quale, sono certa, apprezzerete ogni singola parola.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 9 aprile 2018
Questo nuovo romanzo di Maria Teresa Steri conferma le buone qualità di questa scrittrice. Ancora una volta ci muoviamo sul terreno dell'occulto, ma rispetto all'opera precedente l'autrice ha costruito una storia più complessa, ma comunque avvincente e interessante.
I personaggi vivono una quotidianità banale e senza slanci, quasi rassegnati; ma poi succede qualcosa che li trascina e travolge. D'un tratto si apre una specie di spiraglio e tutto quello che credevano di sapere e di conoscere, prende un altro aspetto.
Flavio, il protagonista, trascina la sua vita tra un lavoro che non ama, e un futuro (il matrimonio), che lo irrita e già lo annoia. L'essere aggredito e trascinato in una baracca di un parco, lo metterà in contatto non solo con uomini e donne che vivono ai margini. Ma con una realtà nuova, inedita, dove le apparenze, i fatti hanno sì una spiegazione: ma non è affatto logica. E nonostante le resistenze, Flavio sarà costretto ad arrendersi alla prospettiva di avere uno scopo, una missione da portare a termine. Tutto cambierà, tutto avrà un altro fine, ben poco della vita di "prima" resterà. Il passato, sepolto e quasi dimenticato, tornerà per pretendere finalmente una soluzione, un qualche esito che possa permettere di comprendere, e di capire.
Scrittura impeccabile, bella costruzione dell'intreccio, convincente storia e sviluppo. Maria Teresa Steri ha confezionato un'opera di ottima qualità.
|0Commento|Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

Bagliori nel buio
2,99 €
Silverlight
1,99 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui