Scopri Tante idee per giocare all'aria aperta Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport

  • Dodici
  • Recensioni clienti

Dodici
Formato: Copertina flessibile|Cambia
Prezzo:11,05 €+ Spedizione gratuita con Amazon Prime


il 3 agosto 2017
Voto: 7.5

Zerocalcare riesce a mantenersi umoristico e pungente, pur mettendosi alla prova con un genere, quello apocalittico, che da sempre sfida gli scrittori a relazionarsi con un futuro tenebroso e che oggi rischia di essere banalizzato dall'abuso e superato dalla realtà.
L'autore si immagina come un personaggio di sfondo in una Roma distrutta dalla devastazione e dalla morte, dove bande rivali di sopravvissuti cercano di salvare la pelle.
Una metafora della vita di tanti uomini e donne che ogni giorno, in un'Italia popolata da ben altri zombie, si arrischiano e si barcamenano in un mondo dove non c'è spazio per loro, alla ricerca di una speranza per il futuro che ha perso il sapore del sogno.

Da alcuni è considerata una delle opere minori, ma a mio parere sa regalare qualche piccola perla e il sorriso a denti stretti di chi può riconoscersi nelle caricatura di un sopravvissuto. Consigliato.
|0Commento|Segnala un abuso
il 2 dicembre 2017
Sono un fan di Zerocalcare e ho letto praticamente tutto ciò che ha fatto...trovo che Dodici sia un po' un libro di passaggio e anche di distrazione per il nostro Calcare...come quando un violinista di livello si mette a suonare un pezzo folk irlandese per divertirsi un po'...
Mi piace moltissimo come sempre il disegno,i colori,e la storia é comunque divertente...ma non si può sempre fare dei capolavori...
Qui il disegno mi ricorda i murales di bombolette di vernice...ma non lo dico come fatto negativo,trovo che sia molto interessante.
Per il resto é puro passatempo...comunque divertente anche se da' l'idea di esser stato scritto un po' di fretta...
Non un libro proprio minore...diciamo di distrazione e svago...comunque divertente...
Grafica ottima.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
I PRIMI 1000 RECENSORIil 5 giugno 2017
Ho preso questo albo di Zerocalcare in quanto suo grande fan, è il penultimo che mi manca della sua collezione ed è più piccolo in quanto a pagine rispetto alle sue altre opere ma in quanto a contenuti non scontenta mai. E' una delle opere che bisogna avere, come le altre del resto, del mitoico Calcare.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 14 giugno 2017
La consegna è stata puntuale ed il libro è integro. Quest'opera di Zerocalcare si discosta da tutte le altre poiché esso vede come protagonista l'amico Secco, relegando Zerocalcare stesso a poco più di comparsa. L'improbabile invasione di zombie a Rebibbia è raccontata con il tipico humor cinico che tanto lo rappresenta, assumendo in più anche elementi tipici della suspence, ovviamente rivisitato in puro stile "Zerocalcariano". Consigliato.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 25 ottobre 2014
La storia è stata ideata e strutturata con attenzione, alternando tavole di pensieri in grigio a tavole del presente colorate, oltre ai pensieri di Zc in arancione chiaro e pure a dei feedback nei feedback (paragoni di Secco). La grafica è fantastica, come sempre nel suo stile, con le bocche alla Dragonball e le ombreggiature un po' "a casaccio" (che trasbordano un po') ma sapientemente distribuite. Non mancano citazioni di alta cultura (Dante ecc) ed apparizioni di personaggi dei cartoni, che danno voce a certi pensieri contorti dei personaggi della storia. Il tutto come sempre condito da irriverente umorismo ed ironia (alcune scene sono esilaranti!).

Questo lavoro di ZeroCalcare è notevole, nonostante lui stesso non ne sia tanto entusiasta, forse perchè è storia di fantasia ma alla fine è pur sempre una sua creazione, quindi un capolavoro del suo genere. Diciamo pure che "Dodici" è stato una specie di prova, che ha rivelato la capacità di Zc nel creare anche storie al di fuori della sua quotidianità e dei suoi dilemmi interiori, ci ha fatto conoscere alcune sfumature del quartiere di Rebibbia e della sua gente (o degli stereotopi tremendamente realistici), ma soprattutto ha confermato che l'amicizia con Secco e Cinghiale è più che mai forte e solida.

Personalmente trovo che, a parte certe scene splatter che avrei preferito evitare di vedere..., "Dodici" sia un lavoro ben fatto e che, ancora una volta, dimostra la maturità artistica di Zc sempre in crescendo.

Questa versione di libro è meno spessa rispetto agli altri, ma un pelino più grande come pagine.
Per chi ama i fumetti, anche questo è da conservare per i posteri.
|0Commento|Segnala un abuso
il 22 ottobre 2016
Bellissima storia di Zerocalcare, diversa come tema a ciò che ci aveva abituati in passato, ma non per questo meno coinvolgente. Piena di riferimenti alla sua adolescenza e ai personaggi di film-videogiochi che lo hanno accompagnato fin da piccolo, questa storia vi assicurerà ore ed ore di risate, con un finale che per quanto possa sembrare scontato, vi farà ridere a crepapelle. Ottima spedizione da parte di Amazon, puntuale, veloce e con un ottimo imballaggio.
review imagereview image
|0Commento|Segnala un abuso
il 13 gennaio 2015
Premetto che sono un estimatore di Zerocalcare che ho seguito dall'inizio sul suo blog e del quale ho anche tutti gli altri libri (che invece ho apprezzato)

In questo libro l'autore prova a uscire dal cliché dell'autobiografia ma questo si rivela il suo limite. La storia è poco convincente (pur nel suo genere) e la comicità è basata su poche vignette isolate. Nel quartiere di Rebibbia (Roma) orde di zombie si aggirano minacciando i sopravvissuti che cercano di mettersi in salvo scappando. Praticamente una puntata di "The walking dead" a fumetti.

Insomma consiglio di comprare questo libro come ultima opera dell'autore se si desidera averli tutti.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 19 novembre 2013
Dodici non è brutto, certamente paragonato ai precedenti lavori perde di molte grandezze.
E' divertente, non ci piove, Secco è il mio personaggio preferito e mi piace vederlo parlare a raffica, eppure qui manca qualcosa e temo che sia proprio la storia, che non ha un vero filo conduttore, che non ha una sua morale agrodolce o il colpo di scena che da' da pensare, che non è vera azione o vero racconto generazionale o popolare. Che non è, in pratica, né carne né pesce.
Non so quanto di questo volume sia voluto da Zerocalcare, è veramente lontano dalla sua poetica e non voglio pensare che abbia già esaurito la carica creativa. Per ora penso sia più un servizio fatto all'editore, un altro volume da far girare per guadagnarci, non so.
Così com'è vale la pena acquistarlo se siete fan di Zerocalcare, se volete tutti i libri, ma per cominciare è di gran lunga consigliabile 'La Profezia dell'Armadillo' o 'Un polpo alla gola', di ben altra caratura.
|0Commento|Segnala un abuso
il 8 luglio 2014
Avete presente i comici di altri tempi? Quelli che dopo un sorriso di cuore ti strappano la lacrima che ti fa dire "accidenti, accidenti a te, mi fai ridere e piangere, sentir bene e sentir male quasi allo stesso tempo, mi maltratti!".
Ecco, ZC è così, e in questo albo tira fuori se stesso, ancora di più, si mette a nudo, offre la sua Rebibbia e le sue esperienze ad una storia horror di fantasia che però di fantasia ha solo una facciata di humor - sotto cui si cela la realtà dura ma fiera di un luogo che non è facile, ma che se è tuo diventa tutto ciò per cui combattere ed in cui credere per creare un mondo migliore.
Bravo!
|0Commento|Segnala un abuso
il 17 ottobre 2015
Se ne sono lette tante su questo libro, e certamente a ragione. È diverso rispetto ai precedenti ma anche rispetto a tutta la produzione di zerocalcare.
Andiamo in ordine: lo stile è quello, unico e inconfondibile, con intreccio ai limiti della comprensione, il classico suo linguaggio.
Dall'altro lato è una storia che non lascia il segno. Quanto la profezia dell'armadillo o un polpo alla gola (ma anche dimentica il mio nome) ti lasciano emozioni forti, questo non lascia niente di sé. Sembra più un sogno senza chissà quale trasporto emotivo.
Per cui mi sembra un esercizio di stile. Ben riuscito, per carità, ma solo quello.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

Macerie prime
14,45 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui