Opzioni di acquisto

Prezzo Kindle: EUR 8,82
include IVA (dove applicabile)
Leggi questo titolo gratuitamente. Maggiori informazioni
Leggi ora
OPPURE

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

<Incorpora>
Annuncio applicazione Kindle

Erotikon Formato Kindle


Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle, 8 nov 2014
EUR 8,82

Lunghezza: 302 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Iniziative "18app" e "Carta del Docente"
Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente. Verifica i termini e condizioni delle iniziative.

Descrizione prodotto

Sinossi

EROTIKON – Brevi estratti
L’inizio della sua educazione musicale da parte dello zio Antonio:
Da quel momento lo zio non mi lasciò in pace un istante. Buttava due monetine sul tavolo di marmo e mi domandava quale aveva il suono più acuto. O prendeva due bicchieri, li riempiva d’acqua in modo diverso, uno a tre quarti e uno a metà. Li batteva con un coltello e mi faceva sentire bene i suoni. Poi mi faceva girare e senza che vedessi mi domandava che bicchiere stava battendo. Dopo le prime volte indovinavo sempre. Allora prendeva i legnetti. Me ne dava uno e lui col suo faceva un po’ di colpi. Ma non tutti uguali. Più lenti o più svelti e io dovevo rifare esatto come lui. Questo era il gioco che mi piaceva di più perché diventava sempre più difficile. Ogni tanto lo zio Antonio saltava su a gridare a mio padre: «Ma hai sentito che sincopi che ha fatto! Xe un genio te digo, mona!» Papà non si scomponeva troppo. E un giorno lo zio Antonio si è messo a gridare che era un sacrilegio che fossi nato in una famiglia di ottentotti, sacramèn, che gli piangeva il cuor a veder sprecare così la grazia di dio, che se in quella famiglia di ottentotti, sacramèn, non c’era nessuno che avesse un filo di giudissio, le lezioni di piano me le avrebbe pagate lui, di tasca sua, lui povero impiegato e non capostazion! Capìo? Non l’avevo mai visto così arrabbiato. Gli menava il dito sotto il naso al papà, e siccome il papà non diceva niente ha gridato: «E alora... in mona to mare!». E il papà: «Ma xe anca la tua». Lo zio lo ha guardato fisso per un po’ e ha detto: «Mi rifiuto!» E non l’abbiamo visto per due settimane.

L’amore con Laura che sarà moglie e compagna d’arte:
Abbiamo fatto l’amore diverse volte quella notte. Era come se dovessimo saziare una fame secolare. Più volte lei mi ha detto, quasi implorando: «Ciccino, dormiamo adesso.» Ci mettevamo sotto le coltri, ma dopo alcuni secondi proprio lei riapriva quegli incredibili occhi verdi e ricominciavamo a baciarci, ad accarezzarci, a stuzzicarci. Solo poco prima dell’alba, Laura si è addormentata. Stavo anch’io per raggiungerla nella terra dei sogni, quando mi ha risvegliato uno strano ciottolìo, di orme felpate e ruzzolanti. Sembrava una carrozza, ma mi pareva impossibile. Sciogliendomi dal suo abbraccio, sono andato alla finestra a vedere. Nella strada ancora coperta di neve avanzava un vecchio fiacre, tirato da un cavallo bianco. Sembrava che avesse le redini abbandonate. A cassetta non c’era nessuno. Sono andato a scuotere Laura, l’ho trascinata ancora insonnolita alla finestra. Non poteva crederci. Mentre la stringevo per riscaldarla, siamo rimasti a guardare, fin che è arrivato lentamente in fondo alla strada, ha girato ed è scomparso. Cominciava appena il grigiore dell’alba, l’ora delle chimere e delle visioni. Siamo tornati a letto. Secondo Laura era proprio un sogno. E se non era un sogno era in ogni caso un segno. Ma di che cosa? Abbiamo discusso un po’, però non siamo riusciti a capirlo. Finalmente lei si è girata con la schiena sul mio petto, si è avvolta addosso le mie braccia e ha fatto un uggiolio soddisfatto: «Ciccino, in vita mia non avevo mai goduto tanto! E tu?» «Una volta sola, tanti anni fa. Ma è durato pochissimo...»

Una descrizione dei rapporti fra musica e eros:
… e poi un capriccio di Gottschalk: ‘Suis moi’. Seguimi! L’indolente e languorosa musica creola. Sai, è un pezzo costruito sull’alternanza di due temi. Il primo brillante, quasi imperioso. Sembra una ragazza che dica: ma lei che vuole da me? Come si permette! C’è un po’ di sussiego, un po’ di alterigia. Temperati di amabilità, di grazia. Il secondo è su un languido ritmo di habanera, implorante e sornione. Come, che voglio da te… Voglio lecarte el grembial, el cappotto, lo scafandro… Non vedi che sto a morì? Mettici le spiagge dei Caraibi, con le palme, la luna e il mare che sciacquetta… Non vedi come sono ridotto? Un pezzo di pastafrolla. Meno questo coso qui. Duro come il ferro. Brucia. Vuoi sentire?

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 2282 KB
  • Lunghezza stampa: 302
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00PEWS52E
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: Recensisci per primo questo articolo
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #1.045.213 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Nessuna recensione cliente


Recensisci questo prodotto

Condividi i tuoi pensieri con altri clienti

click to open popover