Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 8,99

Risparmia EUR 8,01 (47%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Fossi in te io insisterei: Lettera a mio padre sulla vita ancora da vivere di [Gabardini, Carlo G.]
Annuncio applicazione Kindle

Fossi in te io insisterei: Lettera a mio padre sulla vita ancora da vivere Formato Kindle

4.6 su 5 stelle 19 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 8,99

Lunghezza: 241 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

«Ciao papà, non so se ti spedirò mai questa lettera, ma intanto la scrivo. Ti devo dire delle cose perché qua la vita si fa complessa ed è sempre più difficile capire, restare lucidi, trovare un senso, interrogarsi sulla felicità.» Inizia così la lettera di Carlo G. Gabardini al padre. Una lettera che è il dialogo a lungo rimandato fra un figlio diventato adulto e un padre troppo esemplare e troppo amato a cui, chi scrive, deve dire addio per affrontare la vita ancora da vivere. Alternando ciò che è stato e ciò che è, Gabardini dà voce a un «romanzo famigliare» che prende avvio nella Milano degli anni Settanta-Ottanta in un appartamento nel quale i protagonisti – un padre, una madre e cinque figli, fra maschi e femmine – consumano cene «politicamente scorrette», si confrontano e si contano per scegliere la nuova auto da acquistare o il luogo dove trascorrere uno specialissimo compleanno, giocano partite di Trivial Pursuit, si danno appuntamento in cucina per tè notturni che diventano il momento più atteso e più intimo della loro quotidianità. È lì che Carlo deve imparare a poco a poco a districarsi fra le inquietudini, i sogni e le delusioni prima di bambino e poi di adolescente: le spavalderie infantili, le insicurezze liceali, la decisione di fare l'attore tradendo le aspettative di chi già lo immagina avvocato, i primi innamoramenti e turbamenti sessuali. E poi la morte del padre, inaccettata e inelaborabile, che scandisce il passaggio lacerante a una maturità a cui si sente impreparato. Allora non resta che ingolfarsi di lavoro (il teatro, il cinema, la televisione, la radio) e stordirsi di ogni possibile eccesso, togliendo spazio ad amori e affetti, ma soprattutto a se stesso. Fino a quel 31 ottobre 2013 quando il suicidio di un ragazzo omosessuale lo spinge a scrivere alla «Repubblica» una lettera in cui dichiara con fermezza che essere gay è bellissimo. Fossi in te io insisterei è un racconto intimo e coraggioso, ironico e struggente, in cui è impossibile non riconoscersi perché, come scrive Gabardini, «il coming- out non è un'esclusiva degli omosessuali, ma di tutti. Perché "venir fuori", mostrarsi per chi si è realmente, urlare cosa si desidera per la propria esistenza, non concerne solo la sfera sessuale, riguarda il nostro senso di stare al mondo. Fare coming-out significa cominciare a vivere». Un libro che è un invito a non aver paura, a uscire allo scoperto, a rivelare agli altri (e prima ancora a noi stessi) chi siamo realmente e cosa vogliamo per la nostra vita. Un invito a non mollare. A insistere. Perché solo così possiamo riprendere in mano il filo della nostra esistenza.

Dalla quarta di copertina

«Ciao papà, non so se ti spedirò mai questa lettera, ma intanto la scrivo. Ti devo dire delle cose perché qua la vita si fa complessa ed è sempre più difficile capire, restare lucidi, trovare un senso, interrogarsi sulla felicità.» Inizia così la lettera di Carlo G. Gabardini al padre. Una lettera che è il dialogo a lungo rimandato fra un figlio diventato adulto e un padre troppo esemplare e troppo amato a cui, chi scrive, deve dire addio per affrontare la vita ancora da vivere. Alternando ciò che è stato e ciò che è, Gabardini dà voce a un «romanzo famigliare» che prende avvio nella Milano degli anni Settanta-Ottanta in un appartamento nel quale i protagonisti – un padre, una madre e cinque figli, fra maschi e femmine – consumano cene «politicamente scorrette», si confrontano e si contano per scegliere la nuova auto da acquistare o il luogo dove trascorrere uno specialissimo compleanno, giocano partite di Trivial Pursuit, si danno appuntamento in cucina per tè notturni che diventano il momento più atteso e più intimo della loro quotidianità. È lì che Carlo deve imparare a poco a poco a districarsi fra le inquietudini, i sogni e le delusioni prima di bambino e poi di adolescente: le spavalderie infantili, le insicurezze liceali, la decisione di fare l’attore tradendo le aspettative di chi già lo immagina avvocato, i primi innamoramenti e turbamenti sessuali. E poi la morte del padre, inaccettata e inelaborabile, che scandisce il passaggio lacerante a una maturità a cui si sente impreparato. Allora non resta che ingolfarsi di lavoro (il teatro, il cinema, la televisione, la radio) e stordirsi di ogni possibile eccesso, togliendo spazio ad amori e affetti, ma soprattutto a se stesso. Fino a quel 31 ottobre 2013 quando il suicidio di un ragazzo omosessuale lo spinge a scrivere alla «Repubblica » una lettera in cui dichiara con fermezza che essere gay è bellissimo. Fossi in te io insisterei è un racconto intimo e coraggioso, ironico e struggente, in cui è impossibile non riconoscersi perché, come scrive Gabardini, «il comingout non è un’esclusiva degli omosessuali, ma di tutti. Perché “venir fuori”, mostrarsi per chi si è realmente, urlare cosa si desidera per la propria esistenza, non concerne solo la sfera sessuale, riguarda il nostro senso di stare al mondo. Fare coming-out significa cominciare a vivere». Un libro che è un invito a non aver paura, a uscire allo scoperto, a rivelare agli altri (e prima ancora a noi stessi) chi siamo realmente e cosa vogliamo per la nostra vita. Un invito a non mollare. A insistere. Perché solo così possiamo riprendere in mano il filo della nostra esistenza.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 804 KB
  • Lunghezza stampa: 258
  • Editore: MONDADORI (31 marzo 2015)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00V9D0UG6
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.6 su 5 stelle 19 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #49.932 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

4.6 su 5 stelle
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Questa è la mia prima recensione, ma doverosa perchè il libro di Gabardini mi ha tenuta compagnia per diversi giorni e diversi stati d'animo, avrei voluto durasse ancora di più, l'ho letto troppo velocemente..
Si entra nella storia di una persona, una bella persona che con egual misura ci fa ridere e piangere, sempre emozionare perchè parla col cuore aperto permettendoci coi suoi racconti così amichevoli di essere anche noi seduti con lui ed il papà a bere il tè della sera.
Ho dato il massimo del voto perchè non c'è nulla di negativo in chi ti apre il cuore e consiglio questo libro a tutti quelli che vogliono semplicemente emozionarsi.
Francesca
Commento 4 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Ho letto "Fossi in te io insisterei" tutto d'un fiato. L'autore scrive con una sincerità che mi ha lasciata a bocca aperta, in più momenti ho pensato che sarebbe stato bello essere faccia a faccia, a prendere un caffè con lui. E' un libro pieno di emozioni e di situazioni in cui penso che ognuno di noi si sia trovato, durante la propria vita. Ringrazio Carlo per aver deciso di pubblicare una lettera così importante e vera.
Commento 4 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Perché è semplice e straordinario, come la vita che ti istiga a vivere.
E per questo passo: «Io penso che vivere sia realmente molto molto difficile. Però non farlo è davvero come avere i gettoni in tasca al luna
park e decidere di non giocare».
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Sono fortunata ad avere Carlo come amico, quindi questa recensione non vale niente: posso solo dirvi che dopo averlo letto mi invidierete moltissimo perché vorrete anche voi fortissimo avere Carlo come amico ma mi dispiace, niente da fare, me lo sono già preso io.
Commento 10 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
sSrittura limpida, semplice, ma arguta e stimolante, tocca un argomento comune: il lutto e la sua elaborazione e lo fa in maniera esaustiva e diretta, dritto al cuore del lettore mettendo in luce sentimenti a volte solo pensati e vissuti. Come parlare con un amico e confrontarsi per lo stesso vissuto. Lo stesso metodo viene utilizzato per approffondire il mondo gay, chiarezza, semplicità e intelligenza. Obbliga il lettore a immergersi nei sentimenti personali e in quelli che muovono la.lotta per il.riconoscimento dei.diritti degli omosessuali con il metodo dell'empatia. È un libro duale, scritto con cuore e intelligenza. Bellissimo. Si legge e si consiglia avanti.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
un libro che esplora momenti e pensieri intimi dell'autore con la capacita' di tirarne fuori grandi esperienze di valore per tutti. Narra la difficolta' di vivere entro i confini delle aspettative di altri cosi' come di quelle che ognuno ha creato per se stesso e poi narra la lotta per riscattarsi e per accettarsi nella propria interezza. Un libro che insegna come a volte il luogo di origine e la famigla da cui si proviene diventa erronamente una definizione che ci limita, quando invece dovrebbe essere solo un punto di partenza. É proprio questo il viaggio che l'autore compie, libera se stesso e fiorisce.
Grazie Carlo per aver condiviso cosi' tanto.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Letto tutto d'un fiato ... non riuscivo a staccarmi dalle sue pagine. Alla fine mi è dispiaciuto fosse finito...

Uno spaccato molto reale dei problemi della generazione dei nati negli anni '70, figli nati nel boom del primo benessere, schiacciati dal successo "facile" dei genitori e in difficoltà a trovare una loro collocazione nella vita, insicuri, che si sentono inadeguati, sbagliati...

Uno scritto colloquiale con il padre che (per chi ha ancora sentito parlare Carlo alla TV) ti dà l'impressione di averlo lì davanti a parlare in prima persona con te...
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Calarsi nei panni di una persona in difficoltà che cerca di superare un vuoto così importante lasciato dal padre non è cosa da poco.
Dopo questa lettura si ottiene sicuramente una consapevolezza di sé e degli eventi passati tutta nuova, senza dimenticarsi di ridere.
Il confronto con chi si è e cosa si diventerà nei panni di una persona che tutti ricordiamo come Olmo, l'inetto tecnico informatico di Camera Cafè, ma che in realtà nasconde un tesoro inestimabile.
Consigliato!
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover