Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 7,99

Risparmia EUR 7,01 (47%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

L'ultima volta che ho avuto sedici anni di [Buzzi, Marino]
Annuncio applicazione Kindle

L'ultima volta che ho avuto sedici anni Formato Kindle

4.9 su 5 stelle 7 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 7,99

Lunghezza: 176 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Giovanni e la sua irrequieta adolescenza, le sue paure, le sue debolezze. Un ragazzo dal corpo troppo ingombrante per poter passare inosservato, vittima perfetta dei bulli della scuola. Il sadico equilibrio creatosi all’interno della piccola comunità si rompe quando Giovanni scompare nel nulla, improvvisamente.
È lui stesso a raccontare in presa diretta cosa succede in paese dopo la sua scomparsa, quali sono le reazioni di tutti, da una prospettiva obliqua e lucidissima, utile a restituire i comportamenti e gli umori della gente di fronte a un evento tristissimo e inspiegabile.

L’ultima volta che ho avuto sedici anni racconta una storia purtroppo quotidiana, tanto feroce quanto possono esserlo i ragazzi. Ci racconta l’inconsapevolezza che a volte guida i più giovani nel mettere in pratica le violenze più ignobili e ottuse.


Mi chiamo Giovanni, ho quasi diciassette anni, porto occhiali con lenti spesse e ho superato da poco i centoventi chili.
Mi chiamano ciccione, maiale, lurido porco, malato, merendina, grassone, cicciobomba, panzone, trippone, barile, latrina, lardoso e in un milione di altri modi anche se il soprannome che usano più spesso è Palla di lardo, come il personaggio del film.
Quel giorno, il giorno che ho deciso di andarmene, non avevo capito che aprendo una porta la mia vita sarebbe cambiata per sempre.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 588 KB
  • Lunghezza stampa: 102
  • Editore: Baldini&Castoldi (2 ottobre 2015)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B0162O65CO
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.9 su 5 stelle 7 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #82.323 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

4.9 su 5 stelle
5 stelle
6
4 stelle
1
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 7 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Ma noi genitori lasciamo veramente liberi i nostri figli?
Chiudo l’ultima pagina del romanzo e mi rimane in testa questa domanda. La storia scritta da Marino Buzzi è sicuramente una storia che affronta il tema molto attuale del bullismo giovanile. I sedici anni sono una età difficile: i ragazzi si sentono adulti ma sono fragilissimi e bisognosi di approvazione da parte dei loro simili. Leggendo questa storia di diversità multiple: l’obesità del protagonista Giovanni, l’essere gay di Manuel, l’autodistruzione di Spillo, e la lotta per farsi accettare ogni giorno dal branco, alla fine dell’esposizione raccapricciante delle violenze becere che potrebbero appartenere a tanti altri romanzi del genere, io mi soffermo sull’aspetto del romanzo che più mi è piaciuto: nella lotta quotidiana dei ragazzi per crescere e affermarsi con la loro fisicità e personalità, soprattutto in casi di diversità, quanto incide l’aspettativa della famiglia? Quanto pesa combattere contro la delusione che si pensa di dover dare ai genitori se non se ne condividono i sogni e i desideri? Più che un urlo contro i propri simili, io credo che Giovanni e gli altri lancino una precisa richiesta di libertà vera e profonda alla famiglia. I legacci veri, quelli che strozzano, quelli che reggono ogni peso per tornare al romanzo, e opprimono fino alla morte sono proprio quelli imposti da un ambiente famigliare con aspettative o troppo alte o troppo diverse da quelle dei ragazzi.
Concludo con un plauso a Marino nel dipingere la figura di Bamby (Manuel) e la sua omosessualità con dignità. Manuel è un ragazzo bravo a scuola, che sa tenere testa a chi lo prende in giro, forte delle sue scelte, quasi il contraltare di Giovanni, e non il gay confuso e pauroso, o comunque vittimizzato di troppi romanzi in circolazione.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Andrea il 18 novembre 2016
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Tutto bene, anche l'interfaccia per poterlo leggere da qualsiasi dispositivo. Sicuramente comperò altri libri perché appunto è un sistema molto comodo
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Mi ha sorpreso che il libro abbia potuto catturare la mia attenzione già alla seconda riga. Mi sono ritrovata a ricordare il mio passato, mentre leggevo. Mi ha aiutata a riflettere su un problema davvero grande come il bullismo, ha confermato quel che già pensavo che le famiglie non conoscono i loro figli e la scuola i suoi ragazzi. Non so cosa questo libro può dire ad ognuna delle persone che lo leggeranno ma di sicuro non passerà in silenzio. Libro attualissimo, di questo triste argomento si deve parlare per cambiare le cose. Lo consiglierei ai genitori, agli insegnanti e lo farei leggere nelle scuole.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Ho partecipato alla sua presentazione in libreria e da subito mi aveva colpito, ma non da comprarlo, ho aspettato di trovarlo su amazon ad un prezzo più contenuto e ne ho approfittato, ma devo ammettere che presenta alcune abrasioni nella parte della rilegatura e nel caso fosse stato un regalo non avrei fatto una bellissima figura.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
click to open popover