EUR 10,20
  • Prezzo consigliato: EUR 12,00
  • Risparmi: EUR 1,80 (15%)
  • Tutti i prezzi includono l'IVA.
Spedizione gratuita per ordini sopra EUR 29.
Disponibilità: solo 2 --ordina subito (ulteriori in arrivo).
Venduto e spedito da Amazon. Confezione regalo disponibile.
L'ultimo cranio del march... è stato aggiunto al tuo carrello
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza l'immagine

L'ultimo cranio del marchese di Sade Copertina flessibile – 8 mar 2012


Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
Copertina flessibile
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 10,20
EUR 10,20
Nota: Questo articolo può essere consegnato in un punto di ritiro. Dettagli
Ritira il tuo ordine dove e quando preferisci.
  • Scegli tra gli oltre 8.500 punti di ritiro in Italia
  • I clienti Prime beneficiano di consegne illimitate presso i punti di ritiro senza costi aggiuntivi
Come inviare un ordine presso un punto di ritiro Amazon.
  1. Trova il tuo punto di ritiro preferito ed aggiungilo alla tua rubrica degli indirizzi
  2. Indica il punto di ritiro in cui vuoi ricevere il tuo ordine nella pagina di conferma d’ordine
Maggiori informazioni

Su questo libro è presente la recensione di Tuttolibri
La trovi più in basso nella pagina. Curiosa tra tutte le recensioni e i percorsi di lettura dello storico settimanale. Scopri
click to open popover

Descrizione prodotto

Recensione

Chessex: l’ultimo provocatorio romanzo dello scrittore svizzero. La folle caccia al cranio di mister Sade

Christian Frascella, Tuttolibri - La Stampa

La bandella subito ci informa che pubblicato a due mesi dalla scomparsa del suo autore, quest'ultimo romanzo di Chessex è stato censurato in Svizzera e accusato di pornografia. Ne prendiamo atto, rammentando con Orson Welles che in Svizzera hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di democrazia, e cos'hanno prodotto? Gli orologia a cucù. Ci permettiamo di aggiungere il cioccolato, Dürrenmatt e Frisch per le Lettere, e Federer e Pirmin Zurbriggen nello sport.
Certo raccontare nei più sgradevoli dettagli l'ultimo anno di vita del marchese di Sade e, a seguire, gli spostamenti veri o fasulli del suo cranio in giro per il continente può apparire impresa blasfema, ma l'inclinazione a ritenere gli individui moderni capaci di sopportare certi abissi è forte, considerandoli in grado come sono - dati alla mano - di sorbirsi ore su ore di reality televisivi in cui trionfano cattivo gusto, ripicche, amorazzi e lacrime di coccodrillo.
In questo sua ultima opera (ce la caviamo così, poiché non si tratta di romanzo canonico né di biografia né solo di affresco storico) Jacques Chessex, già autore del mai troppo lodato L'orco (premio Goncourt 1973), si congeda dal mondo con una ricostruzione in parte plausibile e in parte dettata dalla fantasia di ciò che accadde all'imprigionato marchese di Sade nel manicomio di Charenton tra l'estate e il dicembre 1814.
In quel macabro luogo in compagnia di pazzi e agitati mentali «affinché la società della gente onesta sia protetta dalle ideologie, dalle tesi, dalle scabrose invenzioni letterarie e dagli atti perversi sempre rinnovati di quello scellerato... colpevole di delitti abominevoli commessi su ragazze e su donne, e che ha insudiciato ostie e oggetti di culto», il nostro, ormai passati da un pezzo i settanta, sia pur debilitato da anni di nefandezze irripetibili, trascorre a suo piacimento la reclusione, ospitato più che detenuto, grazie ai buoni uffici di un prete ambizioso, don Fleuret. Che tutto gli concede, anche il sollazzo di un'amante nella stanza attigua e le ripetute visite della sedicenne Madeleine Leclerc. Nella «cella», strumenti di sodomia quali spilloni e fruste sono tollerati dall'uomo del clero e dai dottori, che non vogliono privare il (ricco) malato dei suoi abituali passatempi. Passatempi che Chessex descrive sì con dovizia di particolari, ma sempre con piglio pratico, tanto da renderli - come in effetti sono - bassi, animaleschi, ridicoli, come a dire di un Male il quale, rapportato all'esperienza di noi uomini e donne del Terzo Millennio che tutto abbiamo ormai visto e sentito, si fa male minore, sgradevole tuttalpiù nei dettagli, ma non al punto da indurci al totale rigetto del testo.
Con esattezza storica l'autore ci conduce fino alla morte del marchese, che ha ordinato non vi siano né croci al funerale né autopsie sul suo cadavere. Ordine quest'ultimo eseguito in gran parte, secondo Chessex (e qui è lo snodo tra realtà e fiction), ma non per quel che concerne il cranio di di Sade che, quattro anni dopo, viene disseppellito, studiato e comincia il suo vagabondare nel mondo: lo ritroviamo (lui o il suo calco) nel corso dei secoli tra le grinfie di preti infatuati, di amanti impotenti, anatomisti, adoratori del demonio, collezionisti eccentrici - tutti destinati a morti sciagurate, oppure alla follia: entrare in contatto col cranio equivale a esporsi sull'abisso. Ultimo a impadronirsene risulterebbe l'io narrante, forse Chessex stesso che, dato beffardo, morirà prima che questo suo libro raggiunga la tipografia. Cento pagine di pura inquietudine, di prosa eterodossa, di commiato sacrilego. «Forse bisognerebbe considerare la passione per un cranio come una manifestazione disperata di amore di sé e del mondo già perduto». Chapeau.

Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.



Dettagli prodotto

Recensioni clienti

Non sono ancora presenti recensioni clienti.
5 stelle
4 stelle
3 stelle
2 stelle
1 stella

Ricerca articoli simili per categoria