Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 0,99

Risparmia EUR 5,25 (84%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Necrotica: Trama di un sogno e sottile raso d'incubo di [Tommasi, Jessica]
Annuncio applicazione Kindle

Necrotica: Trama di un sogno e sottile raso d'incubo Formato Kindle

4.5 su 5 stelle 15 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 0,99

Lunghezza: 36 pagine

Descrizione prodotto

Sinossi

"L’Immortalità ha da sempre affascinato l’uomo. Sacerdoti, alchimisti, ricercatori basano i loro studi per prolungare la vita umana quanto più possibile, per combattere la paura della morte.
Poi ci sono i Vampiri.
Il lapislazzuli non protegge dalla luce del sole, che è rigorosamente vietata.
I sentimenti scemano pian piano, lasciando solamente una gran collera dentro di te, una furia incapace di essere colmata anche col sangue. Doversi attenere a Patti Antichi andando contro il tuo essere, dover rifuggire le persone che si amano, con cui si è stretto un profondo legame. Dover mentire sulla propria identità, sulla propria età, mostrarsi più stolti ed ignoranti di quanto non si è davvero. Dover custodire il segreto dei Secoli passati. Dover combattere contro superstizioni umane.
È la dannazione, non il raggiungimento della Perfezione.
I Figli vanno scelti con cura. Coloro che hanno un animo predisposto all’adattamento e alla sapienza. Coloro che sono pronti a rinunciare a tutto, senza paura, seppur con riverenza. Coloro che non pongono mai interrogativi, ma sottomettono il loro volere ai più Anziani. Coloro che sono fedeli e che mai mostrano pentimento.
Quindi pensateci. Pensateci prima di compiere un passo su un terreno instabile e pregno di dolore, di rabbia, d’insoddisfazione, di vendetta.
Questa è la Condanna più grande che Dio potesse dare."


Silloge poetica costituita da cinquantacinque componimenti, in ordine non cronologico, inerenti alla figura del Vampiro.
Essa è volutamente atipica, in quanto strutturata in maniera più simile a una raccolta di racconti o a un romanzo breve. (Prefazione, preambolo, prologo...).
Contiene, dopo le svariate poesie, alcune curiosità e un racconto bonus a fine libro.

L'autore

A Jessica appartiene da tempo la voglia di scrivere e disegnare, ovvero da quando frequentava le elementari. Ha pubblicato la sua prima opera nel 2014, a cavallo fra i diciotto e i diciannove anni, grazie alla Kimerik Edizioni. Partecipa ai concorsi letterari più disparati (genere narrativo e poetico). Inoltre frequenta vari corsi inerenti all’editoria e non, perché studiare le è sempre piaciuto tanto. In particolare, spicca quello proposto dalla Panesi sulla correzione di bozze, un’esperienza che le ha consentito di affinare le sue sviluppate potenzialità. Dal dicembre 2015 avvia la collaborazione con la testata giornalistica online e cartacea Sociart Network, come articolista della sezione londinese grazie all'invito e al supporto della sua cara amica Annarita Tranfici. Gli articoli sono liberamente consultabili alla pagina corrispondente o sul sito del magazine in questione. Sempre nello stesso periodo entra a far parte della redazione di un'altra rivista online, NoèLife, improntata sul mondo animale. Anche in questo caso, i suoi articoli sono liberamente consultabili alla pagina corrispondente o sul sito del magazine in questione. Nel maggio 2016 avvia la sua prima collaborazione editoriale con Panesi Edizioni, una piccola casa editrice ligure assai attenta alle esigenze degli autori e dei lettori. Il contributo che offre è a livello di lettura e valutazione dei testi inediti che giungono in redazione, con la stesura delle schede di lettura. A giugno 2016 prende parte a una nuova, emozionante avventura. Partecipa, in qualità di giurata, al concorso letterario “300 parole per un incubo”, indetto dal portale Scheletri.com. Da fine gennaio 2017 affianca la sua passione per la lettura e la scrittura all’attività di editor e correttrice di bozze, opportunità resale disponibile dall’Officina Editoriale Kairòs, lavorando spalla a spalla con Tatiana Sabina Meloni. Ama il genere gotico in tutte sue forme e declinazioni. Infatti posa in qualità di fotomodella alternative/goth dal 2014. “Necrotica. Trama di un sogno e sottile raso d’incubo” rappresenta la sua prima silloge poetica, costituita da cinquantacinque componimenti, resa disponibile tramite la nuova realtà del self-publishing. La svolta, però, arriva ad aprile 2017: esce “Necrotica. Trama di un sogno e sottile raso d’incubo” in lingua inglese, tradotta da professionisti del settore (Annarita Tranfici e Laura J. Davey) e cinque copie del libro vengono distribuite in varie free libraries a Londra.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 473 KB
  • Lunghezza stampa: 36
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B01D7UFYZU
  • Word Wise: Non abilitato
  • Miglioramenti tipografici: Non abilitato
  • Media recensioni: 4.5 su 5 stelle 15 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #235.615 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?

Recensioni clienti

4.5 su 5 stelle
5 stelle
8
4 stelle
7
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 15 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle
Ho iniziato la mia carriera letteraria con una saga di romanzi gotici e amo profondamente questo genere. La prosa di questo tipo di componimenti è lirica, si basa su un linguaggio di immagini che da sempre è stato proprio della poesia. Ed è proprio di poesie che questa volta vado a parlarvi. Necrotica è una silloge di poesie, introdotta da splendide prefazione e presentazione, per non parlare di un prologo che ben dispone il lettore ai temi che verranno trattati dai vari componimenti poetici.
Parliamo di vampirismo nel senso più puro. Il vampiro classico viene analizzato a tutto tondo da Jessica Tommasi. Proprio come viene descritto dal principe del romanzo gotico, il mio adorato Bram Stoker, il vampiro è sinonimo di nobile decadenza. E’ amore caricato di erotismo, è morte in vita, fu umano poi demone, rimanendo in sospeso tra le due realtà. In pochi versi, con parole stupendamente efficaci, Scarlett Rose riassume ciò che è stato scritto dai classici.

Magnetismo vampirico
Avvalliamo con noncuranza
gli aspetti mesmerici e ferini
verso l’esplorazione di Thanatos.
Eros,
suo gemino,
si abbraccia
con il complementare
nell’essere demoniaco
che vive la tristezza
di una foglia
in perenne caduta
che mai toccherà
il sacro suolo.
L’immortalità del bello e letale vampiro ha in realtà due nature: da una parte è liberazione dal vincolo dei vincoli dell’umano: la morte, dall’altra è un’eterna decadenza. E’ stupenda l’immagine descritta sul finire della poesia: Una foglia in perenne caduta. Sì, è questo il vampiro.
Ulteriori informazioni ›
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
L'ho letto tutto d'un fiato sia perché amo i gotici e sia perché sono da sempre particolarmente affascinata dalla figura del vampiro. Il vampiro è stata considerata fin dai tempi antichi una figura contradditoria, sia per il suo personalità macabra come bevitore di sangue umano e sia per la sua figura immortale che ha incuriosito molti studiosi e filosofi delle varie epoche.
Ma diciamolo.. il vampiro è sempre stato reputato come inviato del male, un discendente del diavolo, un mostro a tutti gli effetti che rubava l'anima degli umani e li dannava per l'eternità. Esso rappresenta inoltre l'ancestrale paura della morte, la dannazione e il mistero. Da un altro lato il vampiro è stato il sogno di tanti uomini che desideravano l'immortalità, l'eterna giovinezza, la forza sregolata e il potere di corrompere la mente umana. 
Con il passare dei tempi il vampiro ha assunto diverse figure illusorie, a volte sconfinando nella menzogna e nell'assurdità, ma l'unica cosa certa che sappiamo è che è da sempre considerato una figura demoniaca che va contro i canoni della vita e della morte cristiana.
Tornando al componimento, posso affermare di aver letto svariate sillogi ma mai nulla di simile scritto da una giovane ventenne. Jessica ha un talento naturale nel saper utilizzare un linguaggio articolato e affinato, sicuramente a seguito di studi della letteratura e di assimilazioni impeccabili e sopraffine del linguaggio tipico di un filosofo.
La silloge è un'opera complessa e come tale si discosta dalle usuali poesie con cui siamo abituati ad approcciarci.
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Ho avuto la possibilità di leggere l'anteprima della copia cartacea e ne sono rimasta piacevolmente stupita.
Nessuno, o quasi, si immagina che a soli ventuno anni si ha la capacità di redigere una silloge ufficiale di cinquantacinque poesie. (L'autrice afferma perfino che il numero reale sfiora il centinaio, ma che ha ritenuto opportuno non inserirle tutte).
Nonostante ciò, è proprio vero che l'età non fa necessariamente la persona.
Come sottolinea l'autrice nella descrizione dell'opera, essa è surreale, si discosta dai canoni comuni del genere poetico, vengono inserite parti che ci si aspetterebbe di fronte a una raccolta di racconti o un romanzo breve. Rimane uno dei punti di forza di questo libriccino, secondo me.
Dal basso della mia esperienza, le poesie sono profonde, sia per come sono state impostate, sia per ciò che vogliono esprimere. Sono empie di lirismo ed ermetismo.
Il vampiro diventa così emblema contorto e ambivalente del sogno e dell'incubo, il volto di Giano che non ha più nulla di umano, se non la parvenza, ma che agogna - sembrerebbe - al ritorno della condizione adamitica. Se da un lato pare non avere rimpianti per ciò che è; dall'altro percepisce la mancanza di qualcosa.
È una creatura scarnificata, incomprensibile a occhi umani per quanto si tenti di inquadrare le sue ragioni, i suoi pensieri.
Le composizioni non seguono un filo cronologico ed è qui, che sorgono le domande: è un artefatto? Un modo per confondere il lettore o bensì indurlo a intuire lo scheletro di una trama evanescente, sfuggente alle regole della razionalità?
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover