Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 3,99

Risparmia EUR 4,51 (53%)

include IVA (dove applicabile)
Leggi questo titolo gratuitamente. Maggiori informazioni
Leggi gratis
OPPURE

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Nero italiano (Odissea Digital Fantascienza) di [Stocco, Giampietro]
Annuncio applicazione Kindle

Nero italiano (Odissea Digital Fantascienza) Formato Kindle

3.7 su 5 stelle 6 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 3,99
Copertina flessibile
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 5,00

Lunghezza: 247 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

ROMANZO (225 pagine) - FANTASCIENZA - Un noir avvincente da un maestro della storia alternativa, in un'Italia degli anni Settanta in cui il fascismo è ancora al potere

Nel 1975 il regime fascista, retto dal successore di Mussolini Galeazzo Ciano, è ormai traballante. I regimi di destra nel mondo sono sempre meno, è necessaria una svolta politica, ma chi saprà imprimerla al Paese? I radicali del regime, nostalgici del pugno di ferro? I partiti politici borghesi, prima messi fuori legge e ora decisi a riprendersi il maltolto? I comunisti, forti del loro radicamento tra gli operai? Oppure il nascente Movimento Studentesco, incerto fra proposta politica e violenza?  In questo contesto storico (alternativo) un giornalista televisivo e una giovane fascista scalano il potere, professionale e politico. 

Giampietro Stocco è nato a Roma nel 1961. Laureato in Scienze Politiche, ha studiato e lavorato in Danimarca per alcuni anni. Giornalista professionista in RAI dal 1991, è stato al GR2 e attualmente lavora nella sede regionale per la Liguria di Genova, la città dove risiede. Studioso e maestro del genere ucronia, ha pubblicato finora sette romanzi: "Nero Italiano" (2003) e il sequel "Dea del Caos" (2005), "Figlio della schiera" (2007), "Dalle mie ceneri" (Delos Books 2008), "Nuovo mondo" (2010), "Dolly" (2012), "La corona perduta" (2013). Da "Dea del Caos" il regista Lorenzo Costa ha tratto un adattamento per il palcoscenico che è stato messo in scena dal Teatro Garage di Genova nel 2006 e nel 2007. Nel 2006 ha vinto il premio Alien.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1077 KB
  • Lunghezza stampa: 247
  • Editore: Delos Digital (7 luglio 2015)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B010WF5EE4
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 3.7 su 5 stelle 6 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #35.642 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Le ucronie italiane sono sempre interessanti, perché ne sono state fatte veramente poche, tuttavia pur se apprezzabile considero questo romanzo un'occasione mancata: l'autore avrebbe dovuto secondo me osare di più. Mi spiego: le premesse dell'ucronia erano buone, l'Italia non entra in guerra, il fascismo sopravvive con un nuovo Duce (Ciano). La guerra finisce con l'armistizio della Germania che la lascia grande potenza con un nuovo Fhurer, Speer (improbabile, ma possibile di fronte alla minaccia comunista). Il romanzo inizia 30 anni dopo e fa prefigurare una nuova svolta geniale: un Duce donna e l'entrata dell'Italia nel Patto di Varsavia. Grandissime prospettive ucroniche, ma in poche pagine tutto crolla miseramente in una cialtroneria dei personaggi che sembra riecheggiare il buffonesco golpe del film "Vogliamo i colonnelli". L'autore sembra voler dimostrare che pur cambiando i nodi della Storia l'Italia rimane sempre un'italietta in cui tutti, dai comunisti ai fascisti, passando per i liberali e popolari vari non aspirano altro a sopravvivere e alla poltrona; il vecchio detto seicentesco "Francia o Spagna basta che se magna" si conforma bene ai personaggi di questo romanzo. Si cita in continuazione Evola, ma perché non farlo comparire a questo punto, avrebbe fornito parecchi spunti anche esoterici. Passando alla visione geopolitica, mi sembra altamente improbabile che l'Italia sfuggita alle distruzioni della guerra si ritrovi dopo 30 anni come l'Argentina di Videla, militarmente ed economicamente; a parte le valutazioni politiche e morali non si può dire che il regime non investisse in infrastrutture, cultura e ricerca.Ulteriori informazioni ›
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Giusto preavvertire il lettore: questo libro meriterebbe il bollino: "Approvato dal Comitato Centrale per la Cultura Marxista Leninista". Non perde occasione per raccontare quanto i fascisti siano vigliacchi e deboli, e quanto invece siano eroici, disinteressati e lungimiranti i comunisti. Le squadre di sbruffoni in nero scappano alla prima occasione e una semplice sberla fa sciogliere in lacrime una figura di rilievo del regime. Invece i leader comunisti (TUTTI gli altri si vendono per una poltrona) ignorano unghie strappate e costole spezzate, e non perdono di vista il Sol dell'Avvenir, indicando, incliti figli della Lupa (ah no ops, quelli erano gli altri!), la strada per la libertà e la responsabilità alle incolte masse influenzate dalla propaganda e pronte a seguire qualsiasi bandiera con identico entusiasmo. L'Italia fascista assomiglia molto più all'URSS che alla vera Italia del regime, mentre comunisti, anarchici e perfino il braccio armato proletario degli anni di piombo, diventano combattenti per la libertà e i diritti civili, privi di qualsivoglia aspetto negativo o quanto meno criticabile. Va bè, amen, non intendo fare una disamina della reale situazione politica italiana dagli anni '30 agli anni '70, mi premeva solo avvisare il potenziale lettore, che poi sceglierà in autonomia.

Lo scenario immaginato da Stocco è anche interessante, ma i pregi del libro si fermano qui. L'intreccio... no, un attimo, QUALE intreccio? Non ci sono avvenimenti che si inseriscono uno nell'altro, è semplicemente una descrizione completamente lineare di un singolo episodio molto limitato (una Persona Molto Cattiva che tenta l'assalto al potere). I buoni da una parte e i cattivi dall'altra, tutta roba molto scontata.
Ulteriori informazioni ›
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Bellissimo thiller storico politico. Intrighi e compromessi di politica italiana negli anni '70, pur non trattandosi dell'Italia che conosciamo e che fu, ma di un'Italia alternativa, dove il fascismo esiste ancora sotto il Duce Galeazzo Ciano. Anche potendo etichettare questo bel romanzo come ucronico e quindi teoricamente fantascientifico, ci si sente proiettati in una situazione talmente reale e plausibile che qualunque amante del genere thriller politico si leccherebbe i baffi. Fantapolitica o fantastoria, sì, ma molto realistica. Gli Anni di Piombo qui sono molto più "di piombo" che nella nostra storia recente, mentre il mondo sta a guardare il nostro paese: la Russia di Breznev, l'America di Ford, come nella nostra realtà, ma anche un'ipotetica Germania non divisa e sotto il "democratico" presidente Albert Speer, che ha dato un taglio al nazismo dopo il riuscito attentato a Hitler del '44. Un Quarto Reich ora antifascista e paladino della democrazia. I camaleonti ci sono anche oltr'Alpe e guardano con sospetto l'alleanza prossima ventura dell'Italia fascista con la Russia comunista. Questo è l'antipasto; il resto del pranzo, al lettore. Scritto in uno stile scorrevole come il plot che avvinghia mentre gli avvenimenti si susseguono. Nonostante ci sia molta politica, questo romanzo mi ha dato l'impressione di essere apolitico sottolineando che dietro le quinte, da che mondo è mondo le carte di potere vengono girate e rigirate, nella storia vera come in quella alternata. Da leggere assolutamente, e non solo per gli amanti dell'ucronia e del fantastico, ma per chi ama la storia e la cronaca.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
click to open popover