Peace Trail è stato aggiunto al tuo carrello
Versione MP3 inclusa senza costi aggiuntivi.

Spedire a:
Per vedere gli indirizzi, per favore
Oppure
Inserisci un codice postale corretto.
Oppure

Ne hai uno da vendere? Vendi su Amazon

Peace Trail

4.5 su 5 stelle 4 recensioni clienti

Prezzo: EUR 20,89 Spedizione GRATUITA per ordini superiori a EUR 29. Maggiori informazioni
Tutti i prezzi includono l'IVA.
La Versione MP3 di quest'album è inclusa senza costi aggiuntivi
AutoRip è disponibile solo per CD e Vinili venduti da Amazon EU Sarl (ma non si applica in caso di opzione regalo o ordini Prime Now). Consulta le Condizioni Generali d'Uso per maggiori dettagli, inclusi i costi applicabili alle versioni MP3 in caso di reso o cancellazione dell'ordine.
Disponibilità immediata.
Venduto e spedito da Amazon con imballaggio apertura facile certificato. Confezione regalo disponibile.
Nota: Questo articolo può essere consegnato in un punto di ritiro. Dettagli
Ritira il tuo ordine dove e quando preferisci.
  • Scegli tra gli oltre 8.500 punti di ritiro in Italia
  • I clienti Prime beneficiano di consegne illimitate presso i punti di ritiro senza costi aggiuntivi
Come inviare un ordine presso un punto di ritiro Amazon.
  1. Trova il tuo punto di ritiro preferito ed aggiungilo alla tua rubrica degli indirizzi
  2. Indica il punto di ritiro in cui vuoi ricevere il tuo ordine nella pagina di conferma d’ordine
Maggiori informazioni
Completa il tuo ordine per salvare la versione MP3 nella tua Libreria musicale.
Nuovi: 24 venditori da EUR 17,61 Usati: 2 venditori da EUR 17,60
Visualizza tutti i 3 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Vinile, 13 gen 2017
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 20,89
EUR 17,61 EUR 17,60
Negozio Vinili
Se sei un amante dei vinili, visita il negozio dedicato per scoprire tutte le promozioni, le novità e le esclusive dedicate al disco nero.

Spesso comprati insieme

  • Peace Trail
  • +
  • You Want It Darker
Prezzo totale: EUR 40,88
Acquista tutti gli articoli selezionati

Dettagli prodotto

  • Vinile (13 gennaio 2017)
  • Data di prima pubblicazione: 6 gennaio 2017
  • Numero di dischi: 1
  • Etichetta: Reprise
  • ASIN: B01MSIN33W
  • Edizioni in stampa: Audio CD  |  Vinile  |  Musica MP3
  • Media recensioni: 4.5 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (4 recensioni clienti)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 17.831 in Musica (Visualizza i Top 100 nella categoria Musica)
  • Garanzia e recesso: Se vuoi restituire un prodotto entro 30 giorni dal ricevimento perché hai cambiato idea, consulta la nostra pagina d'aiuto sul Diritto di Recesso. Se hai ricevuto un prodotto difettoso o danneggiato consulta la nostra pagina d'aiuto sulla Garanzia Legale. Per informazioni specifiche sugli acquisti effettuati su Marketplace consultaMaggiori informazioni la nostra pagina d'aiuto su Resi e rimborsi per articoli Marketplace.

    Se sei un venditore per questo prodotto, desideri suggerire aggiornamenti tramite il supporto venditore?

  • Ascolto Tracklist (Estratto)
1
30
5:32
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
2
30
2:45
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
3
30
5:41
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
4
30
4:02
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
5
30
2:29
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
6
30
3:17
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
7
30
5:12
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
8
30
3:54
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
9
30
2:53
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 
10
30
2:33
Ascolta ora Acquista: EUR 1,29
 

Descrizione prodotto

Gentle 2016 album! Intimate acoustics 'n' sparse folk-rock, recorded as a trio set-up at Rick Rubin's Shangri-La Studios. Includes "Indian Givers".


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

4.5 su 5 stelle
5 stelle
2
4 stelle
2
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Vinile Acquisto verificato
È bello immaginare Neil Young come un gigante che attraversa a larghi passi il continente nordamericano seguendo un immaginario sentiero, si ferma e posa il suo sguardo torvo ovunque ci sia una giusta causa, testimoniando con la sua presenza la coscienza di un’epoca in cui la musica popolare era portatrice di un messaggio e chiamando all’azione (e non solo alla riflessione, il che fa differenza) con quella chitarra lancinante che ha sferzato le menti di diverse generazioni. È proprio questo il senso di Peace Trail, ennesimo disco (è il numero 38) di Neil Young che, dopo l’impegno ambientalista di Earth, non sta troppo tempo in silenzio e torna per strada con 10 tracce in cui racconta se stesso, il mondo e le contraddizioni dell’ingombrante colosso americano. Un disco scarno, splendidamente lo-fi, totalmente privo di considerazione per cose come la pulizia del suono, per non parlare ovviamente delle regole commerciali.
Il Gigante Neil entra sporco con l’attacco di feedback mozzato e le maracas quasi fuori tempo della title track e non si ferma più, non chiede mai permesso e investe tutto quello che si trova davanti senza risparmiare assoli elettrici, giri di armonica e arpeggi acustici e parlando sempre molto chiaro: Peace Trail è l’urgenza della testimonianza (“Il mondo è pieno di cambiamenti / A volte questi cambiamenti mi fanno suonare”), Indian Givers, già lanciato da un videoclip minimale e sublime che unisce riprese televisive e immagini girate con il telefonino da un Neil in versione YouTuber, è la protesta contro un oleodotto costruito sulle terre dei Nativi, My New Robot è una surreale favola sulla follia della modernità in cui Neil racconta: “È arrivato il mio nuovo robot comprato su Amazon.
Ulteriori informazioni ›
Commento 9 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Vinile Acquisto verificato
Come fan di Neil Young ogni anno,di recente anche due,compro speranzoso i nuovi lavori dell'artista.
Devo dire che gli ultimi dischi non sono stati niente di che,anzi...alcuni tediosi.Bisogna tornare a praire wind del 2005 con la parentesi "le noise"(molto notturno e puo' non piacere cmq).
Finalmente questo "peace trail" riporta il cantautore canadese a livelli medio alti.Certo non un capolavoro,ma sicuramente non delude.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Io RECENSORE TOP 500 il 30 gennaio 2017
Formato: Audio CD Acquisto verificato
ATTENZIONE: LA PRESENTE RECENSIONE COMPARE ANCHE SULLA RIVISTA ON-LINE "ARTISTS AND BANDS", QUI PUBBLICATA PER GENTILE CONCESSIONE DELL'AUTORE (CHE SONO IO)

Ho già convintamente asserito, recensendo un'altra sua opera discografica, che Neil Young si piega a leggi matematiche ben precise: per un disco molto bello, egli ne pubblica una manciata di livello appena sufficiente e almeno uno, se non due, di tenore scarsissimo (fatta eccezione per i live, invece, che sono invece tutti generalmente apprezzabili).
Orbene, con questo 38° album, è il momento del plauso, pur con contenute riserve.
Accompagnato dal batterista Jim Keltner (noto per la sua attività al servizio, tra gli altri, di Bob Dylan, Ry Cooder e dei Traveling Wilburys) e dal (pressoché sconosciuto) bassista Paul Bushnell, il canadese confeziona un disco che - a parte la breve incursione nella compagine angosciosa tratteggiata nel primo brano dai feedback di chitarra e dal lancinante stridio dei suoi assoli rugginosi - è meravigliosamente impregnato di suggestioni folk e magnetismi acustici che richiamano il meglio della produzione di genere dell'artista.

Questo vale anche quando egli naviga nell'ordinario, come in "Show Me", un giro blues piuttosto scontato che però viene sublimato da ascendenze harvestiane di fascino irresistibile.
Percorrendo invece l'inusuale, è certamente apprezzabile la doppia stratificazione vocale in "My Pledge", ove, al suo conosciuto timbro, egli sovrappone con garbo una linea cantata con voce artefatta.
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Vinile Acquisto verificato
disco bellissimo. non si finirebbe mai di ascoltarlo, Neil Young in splendida forma, si ritorna alle armonie di HARVEST E RUST NEVER SLEEP
Commento 3 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le recensioni clienti più utili su Amazon.com (beta) (Potrebbero essere presenti recensioni del programma "Early Reviewer Rewards")

Amazon.com: 3.9 su 5 stelle 129 recensioni
50 di 52 persone hanno trovato utile la seguente recensione
4.0 su 5 stelle Neil being Neil again" I hated it. Then 12 dicembre 2016
Di Stephen Greenslade - Pubblicato su Amazon.com
Formato: Audio CD Acquisto verificato
I must admit when I first heard this I thought "what the hell?!? Neil being Neil again" I hated it. Then, being a Neil Young fanatic (yes, I have everything he has released) I thought, let me try again. Lo and behold now I love it. I don't know why, but I didn't get it on first listen. Thank goodness I gave it another bash. And this is what is taken from this album. It is very challenging. It needs repeated listening. It may not be for everyone, (certainly for Neil Young fanatics this one.) I love the sound of his distorted Guitars, the nearly throwaway style he sings every song, like he doesn't care, but, obviously he does. I repeat, a very challenging set of songs, but, boy is it worth keeping at it. He has the formidable Jim Keltner on Drums and (admittedly someone I have never heard of on Bass) Paul Bushnell. Like a power trio sort of thing. Someone said on here that he would love to hear these songs Live, I know what he means. Live, these songs would be more fleshed out and would sound really powerful, knowing how Neil would do it. So, in a nutshell folks. If you are new to Neil, steer clear of this. There are more palatable records for the first time Neil Young listener. For Neil Young fanatics this is heaven. Neil being Neil. Love it.
21 di 21 persone hanno trovato utile la seguente recensione
4.0 su 5 stelle I like this record 29 dicembre 2016
Di Pete Zolli - Pubblicato su Amazon.com
Formato: Audio CD Acquisto verificato
So... This is no "Tonight's The Night"... Or "After The Gold Rush"... Or even "Harvest Moon." This is much more of a "what was on Neil's mind that week" kind of record. And as such, it's a good one.

There are some nice melodies, some hilariously Big Muff-ed harp solos, and plenty of quirk. Just Neil being Neil, in other words. Furthermore, Mr. Keltner turns in a nice and uncharacteristically loose performance, the bassist is very musical, and the vocals are mixed so that you can actually hear them (unlike some of the 90s/00s Crazy Horse outings). Recommended to fans of Young's "smaller" records, who just enjoy his point of view.
46 di 50 persone hanno trovato utile la seguente recensione
5.0 su 5 stelle Classic Neil with a new Twist 10 dicembre 2016
Di Brian - Pubblicato su Amazon.com
Acquisto verificato
(4.5 stars) Wow - I heard the warning signs about this one and did not expect the power, presence and stripped down intensity (cool bass and drums throughout). One of Neils best in years! Track #5 is a bit of a throwaway at first but has an odd way of becoming catchy. Unique sounding songs and different sounding compared to the rest of his releases. It is a bit on the short side though at 36 minutes.

The production is ramshackle but the sound still sounds fresh and melodic in it's own beatnik/rootsy style (although #9 does use autotune in a cool way). This is a raw, stripped down semi-acoustic effort (intense electric guitar on John Oaks and Peace Trail) . The album challenges and offers some reward to the emotional and topical investment. If you are still listening to Neil in 2016 and are not interested in the experimentation/creativity in songs like #8 My Pledge or #10 My New Robot, well then go cue up Zuma and enjoy that long gone era....After 50+ years, I am glad he is still creating and pushing the envelope. Most artists can't say that after 10 years.

The politics are pared down (unlike Monsanto...) but are still there - OK Neil we are with ya!. This is a very strong Neil effort in my opinion - I have all of 'em. Sounds like a semi-acoustic, more intense version of Greendale with some fresh ideas and "one-take" production. Overall it is a very cool listen - not dinner music but music to live by.
7 di 7 persone hanno trovato utile la seguente recensione
4.0 su 5 stelle Trail Mix(ed) 28 gennaio 2017
Di Dr. Petray - Pubblicato su Amazon.com
Formato: Audio CD Acquisto verificato
This album reminds me of ON THE BEACH, COMES A TIME, HAWKS AND DOVES, A LETTER HOME and STORYTONE. What does THAT sound like? Moments of sublimity combined with a complete mess. Neil seems to need a strong voice to come in and help him to edit his work. I used to feel the same way about Bright Eyes and Ryan Adams. You don't need to record and release everything you think of. PEACE TRAIL is certainly interesting but it's also one of the ones that is for long-term Neil fans, not the ones who show up to Crazy Horse shows wanting to hear Neil rock out.
13 di 14 persone hanno trovato utile la seguente recensione
4.0 su 5 stelle The best Neil album in queit some time 16 dicembre 2016
Di Doug Hardy - Pubblicato su Amazon.com
Formato: Audio CD Acquisto verificato
The best Neil album in queit some time.I've been waiting eons for him too do what he does best,mixing Eletric&Acoutic.It sounds like he put some time in on these lyrics,and not just write down the first thing that pops in his head. Sparse backup featuring,the one & only Jim Keltner!!! Neil is in fine Voice.Give this a chance,ya might not get it on the first listen,but it will grow on you.Great Stuff!


Ricerca articoli simili per categoria