Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 2,99

Risparmia EUR 6,00 (67%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Principe Azzurro di [Tosatti, Vieri]
Annuncio applicazione Kindle

Principe Azzurro Formato Kindle

4.1 su 5 stelle 11 recensioni clienti

Visualizza tutti i 5 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 2,99
Copertina flessibile
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 8,99

Lunghezza: 192 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Il Principe Azzurro vuole vivere, e si proietta fuori del proprio libro. Cade, assolutamente spaesato, in una società fine ‘800 già in buona parte corrotta. Scambia la notte di Carnevale per un girone infernale e una riunione sindacale per un’accolita di stregoni; trova un lavoro di giornalista e lo perde dopo essersi autosmentito; viene introdotto nella buona società per controllare le mosse di un terzetto di imbroglioni che cercano di sabotare una ferrovia; conosce due bambini che vorrebbero tanto che lui fosse quel che dice di essere, ed un’istitutrice che invece cerca di psicoanalizzarlo. Il finale è enigmatico: il Principe ritrova la Bella Addormentata, ma costei lo sfugge, rifugiandosi alfine in un ambiguo Luna Park, dove interpreta se stessa dormendo...

L'autore

Vieri Tosatti (1920-1999) è un importante musicista del ‘900, le cui opere furono rappresentate in tutti i principali Teatri italiani, alla RAI e all’estero. La “Partita a Pugni” soprattutto riscosse successo internazionale, e fu purtroppo ritirata dallo stesso Autore, che preferiva fosse eseguita come “cantata profana”. Ritiratosi dalla composizione per “incompatibilità ambientale” con le correnti musicali predominanti nella metà del ‘900 e reso cieco dal glaucoma si dedicò alla letteratura, scrivendo il presente romanzo, due libretti di racconti, uno di pensieri e polemiche ed una selezione di 50 poesie in tedesco con traduzione contestuale, 6 delle quali furono anche musicate.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 630 KB
  • Lunghezza stampa: 192
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00UT9YWYM
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.1 su 5 stelle 11 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #238.836 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?

Recensioni clienti

4.1 su 5 stelle
5 stelle
1
4 stelle
10
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 11 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle
Tanti anni or sono io e la mia compagna facemmo una scelta radicale di vita, abbandonando la città dopo avere acquistato il rudere di un antico palazzo in uno dei più strabilianti centri storici d’Italia: Rocca Calascio, a quasi 1.500 msm nel Parco Nazionale del Gran Sasso. Lì viviamo, e lì abbiamo creato quel che oggi si chiama un “albergo diffuso”: non casermoni di cemento, bensì le stesse vecchie case del borgo, accuratamente restaurate nel pieno rispetto della loro età e della loro estetica. Oggi esse servono da residenze per i turisti, da ristorante, ecc. e la più grande è stata perfino adibita ad Auditorium, ove teniamo ogni anno una piccola ma intensa stagione musicale.
Qualcuno dopo quest’esordio penserà: “certo, questo sig. Baldi deve essere un gran pezzo di furbone: con la scusa di recensire un libro intanto fa pubblicità alla propria attività turistica”. Potrebbe così sembrare, ma la verità è che tra le mie faccende e il libro di Vieri Tosatti corre un nesso davvero non di poco conto: nell’ Auditorium di cui sopra infatti troneggia….lo Steinway fine ‘800 che fu suo, e che sopra di esso compose tutte le sue opere. Tosatti infatti non fu uno scrittore; la sua attività in tale campo risale ai suoi ultimi anni. Fu invece un musicista, e di grande fama tra gli anni ’50 e ’70, le cui opere hanno lasciato un’ orma profonda nella cultura musicale.
Ulteriori informazioni ›
Commento 3 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
…..Soltanto che pensavo all’inizio che si trattasse di un romanzo “rosa”, sia pure alquanto tinto di fantastico, cioè di una vicenda essenzialmente sentimentale, ambientata in tempi moderni. Mi sono molto stupita quando mi sono resa conto che invece si tratta proprio di un “fantasy”, con un “vero” Principe Azzurro staccatosi dal suo libro e scaraventato in un mondo ottocentesco già pieno di corruzione. Gran parte delle vicende ruota infatti sulle peripezie del Principe, dapprima sballottato tra manifestazioni e complicazioni contemporanee che gli sembrano incomprensibili se non pure diaboliche, poi “arruolato” in una sorta di complotto diretto a salvare una ferrovia da un terzetto di lestofanti e infine conteso tra due bambini che vorrebbero fargli ammettere di essere davvero quello che credono e la loro istitutrice che pensa invece ad un caso di schizofrenia…..
Davvero ambiguo il finale, con la ritrovata Principessa che lo sfugge e si chiude in un Parco Divertimenti per interpretare il ruolo di Bella Addormentata! Questo totale rifiuto della società vuole essere una condanna dell’Autore contro tutto il mondo contemporaneo, oppure è la fanciulla che comprende di non essere sufficientemente “reale” per potervi esistere, e quindi deve per forza rifugiarsi in un non-luogo?
La scrittura è scorrevole, di alto livello, e si legge d’un fiato. Le intricate vicende sono condotte con tale maestria da susseguirsi e intrecciarsi tra loro senza che neppure se ne noti il peso. Leggendo le note mi sono anche chiesta come abbia fatto questo “esordiente” di 70 anni a scrivere il suo primo (ed unico) romanzo con tanta leggerezza di stile.
Ulteriori informazioni ›
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
ll " Principe Azzurro" l ho cominciato a leggere solo per passare il tempo in uno di quei giorni di vacanza nei quali non si ha voglia di fare nulla di particolare. È un libro che si legge tutto di un fiato, è scritto benissimo, scorrevole e molto interessante. Sembra pura evasione, ma alla fine ci si accorge che una rilettura si impone, per tentare di far luce sulle tante questioni enigmatiche e lasciate sospese.Lo stesso autore dice di non possedere chiavi di lettura ne soluzioni o indizi da fornire. Mi è parso davvero strano che questo sia il primo ed unico romanzo di un esordiente settantenne ma il dubbio si è tolto qnd cercando su internet ho letto che è stato un grande musicista .Lo stile però non è tutto : ci si trovano descrizioni esilaranti delle peripezie del povero Principe fuggito dal suo libro per vivere nel mondo vero..ci si ritovano personaggi notevoli come i due bambini che fanno il finimondo per convincere il principe a dichiararsi x tale.Finale all insegna dell enigma : Cn la ritrovata principessa che va a nascondersi in un parco divertimenti per passare il tempo dormendo ( consapevolezza di essere reale solamente a metà? Oppure qualcosa di più profondo ancora). Sicuramente merita un altra lettura!!
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Ho letto in questi giorni il “Principe Azzurro”, breve romanzo fantastico di Vieri Tosatti, e mi ha affascinato. Pensavo a dire il vero che si trattasse di un “rosa”, cioè un racconto sentimentale, mentre invece si tratta di un atipico “fantasy”, con un Principe che diserta il suo libro e prende consistenza umana in una società di fine ‘800. Il poverino ne passa di tutti i colori, sorretto a quanto pare dal proprio totale candore che gli vale come una sorta di immunità, incontra giornalisti, lestofanti, dame dell’alta società, un politico stranamente onesto, una prostituta che lo è ancora di più, ecc. Viene poi arruolato in una sorta di “comitato di difesa ante litteram” di una ferrovia minacciata dai lestofanti e finisce per ritrovare la sua Principessa, che però non vuole più saperne né di lui né di null’altro, forse perché stressata da una “incarnazione” riuscita peggio di quella del suo compagno, oppure dalla consapevolezza di essere viva e reale soltanto a metà. Molte altre cose ambigue sono presenti, ma su tutte nulla viene detto che possa far luce. L’autore sembrerebbe volerci dire che, alla fine, tutto quanto è sempre un enigma, e che la sola cosa che può confortarci, presi come siamo tra vita e non-vita, è soltanto una leopardiana compassione. Susanna Salvati
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover