EUR 10,20
  • Prezzo consigliato: EUR 12,00
  • Risparmi: EUR 1,80 (15%)
  • Tutti i prezzi includono l'IVA.
Spedizione gratuita in Italia per ordini sopra EUR 29.
Disponibilità: solo 2 --ordina subito (ulteriori in arrivo).
Venduto e spedito da Amazon. Confezione regalo disponibile.
Rosso fuoco è stato aggiunto al tuo carrello

Spedire a:
Per vedere gli indirizzi, per favore
Oppure
Inserisci un codice postale corretto.
Oppure
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza tutte le 2 immagini

Rosso fuoco Copertina flessibile – 30 apr 2016

4.9 su 5 stelle 17 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Copertina flessibile, 30 apr 2016
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 10,20
EUR 10,20
Nota: Questo articolo può essere consegnato in un punto di ritiro. Dettagli
Ritira il tuo ordine dove e quando preferisci.
  • Scegli tra gli oltre 8.500 punti di ritiro in Italia
  • I clienti Prime beneficiano di consegne illimitate presso i punti di ritiro senza costi aggiuntivi
Come inviare un ordine presso un punto di ritiro Amazon.
  1. Trova il tuo punto di ritiro preferito ed aggiungilo alla tua rubrica degli indirizzi
  2. Indica il punto di ritiro in cui vuoi ricevere il tuo ordine nella pagina di conferma d’ordine
Maggiori informazioni
click to open popover

Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.



Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 134 pagine
  • Editore: Alter Ego (30 aprile 2016)
  • Collana: Specchi
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8893330245
  • ISBN-13: 978-8893330244
  • Peso di spedizione: 259 g
  • Media recensioni: 4.9 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (17 recensioni clienti)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 170.064 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)
  • Garanzia e recesso: Se vuoi restituire un prodotto entro 30 giorni dal ricevimento perché hai cambiato idea, consulta la nostra pagina d'aiuto sul Diritto di Recesso. Se hai ricevuto un prodotto difettoso o danneggiato consulta la nostra pagina d'aiuto sulla Garanzia Legale. Per informazioni specifiche sugli acquisti effettuati su Marketplace consultaMaggiori informazioni la nostra pagina d'aiuto su Resi e rimborsi per articoli Marketplace.

    Se sei un venditore per questo prodotto, desideri suggerire aggiornamenti tramite il supporto venditore?

Recensioni clienti

4.9 su 5 stelle
5 stelle
15
4 stelle
2
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 17 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Acquisto verificato
Letto in un volo, ma i segni che lascia sono profondi. Una scrittura pulita e diretta che evoca immagini forti. Una storia torbida, maledetta ma dannatamente coinvolgente. Di sicuro un grandissimo esordio!
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Se leggi “Rosso Fuoco” per te i Cannibali sono tornati.
Se leggi “Rosso Fuoco” I cannibali ci sono sempre stati, li hai sempre cercati e ora ne hai trovata una.

OK, non è più il tempo dei cannibali, lo riconosco.
Sono passati, morti, defunti.

Ma chi sono i CANNIBALI, in letteratura, quella Italiana, intendo.

Urge spiegone, resistete, eccolo, SPIEGONE DA WIKI: Il termine “cannibali” fu un’etichetta attribuita dai media a una serie di scrittori dopo l’uscita dell’antologia Gioventù cannibale, curata da Daniele Brolli e pubblicata da Einaudi nell’autunno del 1996. Giornalisti culturali e critici letterari, nella primavera del 1996, cominciarono ad accomunare questi libri sotto l’etichetta del pulp, nell’accezione postmoderna in riferimento al film Pulp Fiction di Quentin Tarantino, per il crudo ed efferato realismo di alcuni fra questi romanzi, e soprattutto l’ibridazione dei generi letterari colti e popolari, apporti di cultura pop, memoria delle avanguardie letterarie: in questo, il pulp italiano è stato un fenomeno che si è manifestato contemporaneamente all’Avantpop statunitense, e in assoluta autonomia rispetto a esso.
La fortuna dell’antologia Gioventù cannibale, nell’autunno del 1996, fece sì che l’etichetta pulp tendesse a essere progressivamente sostituita, sui media, da quella di “scrittori cannibali”.

Torniamo a “Rosso Fuoco”, che ha cannibalizzato la gioventù cannibale per regalarci una discesa nel Maelstrom del disagio, del degrado, dello squallore di Moira, benzina innocua e un po’ patetica fino all’ignizione di Fiamma, la ragazza che ama sfregiarsi col fuoco, che ama il dolore, che ha un segreto inconfessabile.
Ulteriori informazioni ›
Commento 3 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Ci sono libri che ti parlano in un momento particolare della vita. Ecco, Rosso Fuoco, mi ha sputato in faccia quello che per un anno ho creduto essere un momento importante e, invece, era solo dipendenza. Da tutto. Il libro ti obbliga a guardare nei cassetti che hai tenuto chiusi per anni e non lo fa con delicatezza. Non c'è amore o 'le colline sono in fiore' ma soltanto la brutalità della realtà o degli incubi.
Le pagine scorrono veloci mentre lo stomaco si stringe, si passa da un intro quasi realista a un finale degno dei migliori film di Refn e Lynch.
Ciascuno di noi ha avuto la sua Fiamma ad alitare incessante sulla sua vita.
Grazie Anna.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Libro acquistato al Salone di Torino, uno dei migliori acquisti.
Spiegatemi, però, cosa succede alle giovani autrici italiane come Anna Cambi...
Sensibili, intelligenti e dannate. Tanto dannate da diventare affascinanti e da farti desiderare la compagnia impossibile di Fiamma. La vorrei con me la notte con tutta la perversione, l'autolesionismo e il mistero che porta con sé.
Si può desiderare il personaggio di un libro?
A me è capitato con Rosso Fuoco, divorato e assorbito.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Ho letto il romanzo con piacere. È bello, anche se abbastanza distante dalle mie letture abituali. Meglio così, da un lato, perché mi sono abbandonato alla lettura senza pregiudizi di sorta, scivolando nella storia grazie alla penna fluida ed elegante dell'autrice. Una delle frasi che amo di più appartiene a Tom Waits e dice: "I like beautiful melodies telling me terrible things". La frase è stata pensata per la musica ma io credo si adatti molto bene anche alla scrittura. Il romanzo di Anna Cambi, infatti, pur narrando eventi e situazioni disturbanti, a tratti spaventose, lo fa senza mai indulgere in parole che ammicchino al lettore suggerendogli ciò che dovrebbe provare; la scrittura è pulita, essenziale e molto, molto buona. Bellissimo il rapporto tra Moia e Fiamma (o Alice), bello il modo in cui si costruisce poco a poco e l'effetto che ha sulla vita di Moira. Bellissimo il rapporto tra Moira e sua madre, che anche qui, senza inutili spiegoni e lunghe e noiose introspezioni, dice tutto quello che c'è da dire su questo tipo di rapporti difficili. Lo squallore dell'abitazione delle due donne, anche questo reso con poche ma efficaci pennellate, è un rospo bello grosso che s'ingoia con difficoltà. Epilogo che chiude la vicenda come un cerchio, anche qui senza sbavature.
Un esordio notevole. Date una possibilità a quest'autrice promettente e comprate il libro: merita.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Gran bell'esordio per Anna Cambi, con un romanzo che tratta temi, personaggi e situazioni difficili, non si sa quanto onirici e soprattutto per niente accattivanti o consolatori.
Eppure si rimane attaccati alla pagina, con l'autrice che schiva con grande abilità narrativa molte scene difficili dal punto di vista descrittivo, facendole apparire naturali come delle scene di un gran bel film maledetto.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Ho letto questo libro in pochissimo tempo e ho rivissuto la mia adolescenza tra le sue pagine.
Moira e Fiamma sembrano le eredi delle protagoniste dei romanzi di Isabella Santacroce che leggevo tanti anni fa. Due ragazze complesse, difettate ma allo stesso tempo dolcemente irrestistibili.
Spero davvero che questa opera prima apra la strada ad una prolifica produzione.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti


Ricerca articoli simili per categoria