Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 1,99
include IVA (dove applicabile)
Leggi questo titolo gratuitamente. Maggiori informazioni
Leggi gratis
OPPURE

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Scala reale (Delos Crime) di [Dio, Diego Di]
Annuncio applicazione Kindle

Scala reale (Delos Crime) Formato Kindle

4.9 su 5 stelle 7 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle, 17 giu 2014
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 1,99

Lunghezza: 72 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

RACCONTO LUNGO (30 pagine) - THRILLER - Giocare a poker è un suicidio, se punti la tua vita e se quelli contro cui stai giocando hanno ucciso tuo padre e hanno reso un inferno la vita di tua madre

Giocare a poker può essere pericoloso, quando sul piatto non ci sono solo soldi. Giocare a poker può essere "molto" pericoloso, quando al tuo tavolo siedono Don Pasquale, il Bolscevico e Bruce Lee: la triade che regge le fila dei clan camorristici della zona da quando eri bambino. Giocare a poker è un suicidio, se punti la tua vita e quelli contro cui stai giocando hanno ucciso tuo padre e hanno reso un inferno la vita di tua madre. Un piatto che può essere l'ultima occasione di ristabilire i conti in una Napoli divorata dalla criminalità organizzata, in cui le pallottole e l'omertà tolgono spazio a ogni speranza. Perfino all'amore.

Diego Di Dio è nato nel 1985 e vive a Procida. Lettore onnivoro, collezionista di fumetti, si divide tra la scrittura e la passione per l'editoria. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo libro, "È tempo sprecato uccidere i morti" (Dunwich Edizioni), una raccolta di racconti thriller e noir, con prefazione di Barbara Baraldi e postfazione di Andrea Carlo Cappi. Ha pubblicato una trentina di racconti di diverso genere e con differenti editori. Nel tempo si è aggiudicato parecchi premi: premio Mario Casacci (Orme Gialle 2011) con il racconto "La signora", premio Nero Lab (2012) con il racconto "Troppo bella", premio "Writers Magazine Italia" (2013) con il racconto "C'è ancora tempo" e, da ultimo, il Nero Premio, con il racconto "Il coltellaio". È apparso, due volte, in appendice al Giallo Mondadori, con due brevi noir ambientati nella sua isola. Ha pubblicato, in ebook, il thriller sovrannaturale "Condannati a morte" (Milano Nera). Sul secondo versante, collabora da qualche anno come correttore di bozze e editor per case editrici, agenzie letterarie e committenti privati.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 365 KB
  • Lunghezza stampa: 72
  • Editore: Delos Digital (17 giugno 2014)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00L1G5P2U
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.9 su 5 stelle 7 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #142.534 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

4.9 su 5 stelle
5 stelle
6
4 stelle
1
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Vedi tutte le 7 recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Il racconto ha un ottimo ritmo, una tensione che inchioda alla lettura come i protagonisti siedono intorno al tavolo da gioco. In una sequenza apparentemente statica si dipana l'intero passato di Pietro, le ragioni che lo hanno spinto a quel tavolo e la vendetta, costruita con calma e metodo. Al tavolo da poker tutti i personaggi si rivelano, e sono vivi e reali nelle loro bassezze, nelle paure e nell'arroganza. E quando tutto sembra già stato detto, il racconto cambia ritmo: un gioco forsennato fra la vita e la morte in cui i colpi di scena si susseguono come i proiettili, in un crescendo continuo che porta fino alla conclusione. Inevitabile e precisa, un cerchio che si chiude alla perfezione. In che modo? Per scoprirlo bisogna leggerlo.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Una partita a poker in cui la posta in gioco non è solo la vita ma anche la vendetta. Diego Di Dio ci apre la porta e ci conduce, come lui sa fare bene, con le parole in un angolo di mondo dove la camorra non è più quella dei nostri padri. Ora la camorra vede protagonisti anche cinesi, russi, e chissà quanti altri.
Questa volta i buoni vincono.
Piacerebbe fosse sempre così.
Racconto consigliatissimo.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Max il 25 giugno 2014
Ho letto molti racconti di Diego di Dio e questo, a mio avviso, è uno dei migliori. La trama è perfettamente intrecciata attorno a personaggi che si staccano dalla pagina per trascinare il lettore in una napoli malavitosa. Il racconto è un crescendo di emozioni e colpi di scena, la narrazione e lo stile sostengono il tutto con grande potenza. Consiglio questa lettura vivamente.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Un'altro racconto di Diego Di Dio che con una narrazione affettata ti conduce fino alla conclusione facendoti scivolare su una lama di rasoio, accompagnandoti attraverso luoghi oscuri, dove la crudeltà prolifera nell'animo dei personaggi che li abitano. Consigliato.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
click to open popover