Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 3,17
include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Sette giri di donna di [D'Orazio, Concetta]
Annuncio applicazione Kindle

Sette giri di donna Formato Kindle

3.9 su 5 stelle 17 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 3,17

Lunghezza: 66 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Chi era Ines? Cosa sentiva nella sua pancia? A chi appartenevano quelle voci? Nomi del passato e nomi di un presente non ancora troppo passato, nomi antichi, nomi inconsueti. Urlavano quelle voci. Ines non poteva metterle a tacere. Non doveva essere sorda alla loro chiamata; le avrebbe coperte per sempre.
Iulia chiamava Atte e poi entrambe gridavano verso Ines.
Anche Iolanda ascoltava le altre ma non poteva far nulla. Ora lei doveva pensare alla sua storia; era lì, legata, in mezzo alle fascine, guardava tutti che si agitavano intorno a lei.
E intanto Adele e Dora correvano. Non sapevano bene cosa avrebbero trovato.
Dov'era finita Isabella?
Iulia, Atte, Iolanda, Adele, Dora, Isabella. E Ines.
Sette donne e il loro giro nella storia.
Ines decide di ascoltare le voci che urlano nella sua pancia, rivendicando la propria identità, manifestando la propria forza che attraversa i secoli, dall’antichità classica, passando per il Medioevo, fino all’età contemporanea.
Ines darà voce alla sua pancia e farà parlare quelle donne. Le loro storie si animeranno, incrociandosi in una danza senza tempo. Ines e le altre donne, le sette donne, uniranno le loro forze contro la violenza e le consuetudini delle loro epoche.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 352 KB
  • Lunghezza stampa: 66
  • Utilizzo simultaneo di dispositivi: illimitato
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00A9TX5Q8
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 3.9 su 5 stelle 17 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #208.976 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?

Recensioni clienti

3.9 su 5 stelle
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Di Ant il 14 giugno 2014
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Sei donne raccontano la loro storia a Ines; donne di epoche diverse ma tutte con vite difficili, perché sono difficili le vite delle donne: a volte essere forti non basta e bisogna essere unite, donne con donne, donne per donne.
Un libro ben scritto e interessante, ed è piacevole e ben dosato l'alternarsi fra il racconto delle giornate della protagonista con le storie che lei scrive, o, per meglio dire, scopre scrivendo. Unico neo, forse, la brevità. Ma ho scritto forse. Da leggere.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Mi è piaciuta molto l'idea che siano piuttosto le storie, i vissuti, i personaggi a cercare gli autori che non il contrario. E così sono le storie di 6 donne che incalzano, fremono sotto i pollici di Ines sulla tastiera per emergere in tutta la loro essenza, profondità di sentimenti e dignità umana. Su tutte ho apprezzato di più la storia di Isabella per la sua dolorosa attualità, resa senza scadere nel buonismo o nel sentimentalismo becero, e quella di Iulia e Atte, un inno alla complicità e all'empatia che solo due cuori femminili possono raggiungere.
Nonostante non sia il mio genere, è un'opera breve che si legge volentieri grazie anche a uno stile fluido e intimistico mai pesante.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Molto particolare il modo in cui l'autrice imposta il libro. Un personaggio narrante, donna, che racconta la storia di altre donne - come partorite `dalla sua pancia'-, vissute in epoche diverse, ma dove alla fine si unirà a esse per affermare la loro natura di donne. Storia ben documentata per quanto breve. Insolita padronanza della scrittura per un'autrice che autopubblica un romanzo d'esordio, come dice uno dei recensori. Da leggere.
Commento 6 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
L'idea narrativa che sorregge tutto il libro è molto interessante,
i pensieri della protagonista diventano filo condutture delle storie che lo compongono. Ines stessa, giovane ricercatrice universitaria in cerca di affermazione, scrittrice e portavoce predestinata, diventa una delle sette figure femminili dell'opera.
Iulia ed Atte, padrona e ancella, due fanciulle entrambe schiave del loro destino, ci accompagnano in una storia di amore ambientata nell'antica Roma. Poi, gli occhi stupiti ed increduli di Iolanda, il personaggio da me preferito, disegnato con vera maestria dall'autrice, vittima delle paure e dell'ignoranza del mondo medievale. “Adele, Dora ,Isabella, verso il mare” è il racconto nel racconto che chiude la rassegna, ed è quello che meno mi entusiasma. A mio giudizio ha un taglio troppo didattico, per necessità eccessivamente emblematico,diventa poco credibile. L' epilogo mi lascia un po' perplesso, troppo enfatico, quasi agiografico.
Evidente e apprezzabile lo sforzo dell'autrice nei suoi cambi di ritmo narrativo, trovo però la parte dedicata alla “narratrice”, per i miei gusti, troppo lenta. In conclusione, a parte queste ultime osservazioni legate inevitabilmente al gusto personale, trovo il libro interessante e certamente da leggere con piacere nella sua poetica rappresentazione del mondo femminile.
Commento 4 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
La società globale in cui viviamo ci ha abituati alle emozioni forti. Libri, giornali, cinema e televisione fanno a gara nel tentativo di far colpo e scuotere la cappa di indifferenza che ci opprime, dovuta all’enorme, infinita quantità di notizie che ci bombardano senza sosta, e che ormai ci lasciano quasi insensibili di fronte a eventi che un tempo ci avrebbero profondamente sconvolti. E’ con questo atteggiamento, condizionato e in qualche misura prevenuto, che mi sono accinto alla lettura di “sette giri di donna”, titolo intrigante ma che sembrava predispormi alla lettura di un genere leggero: quello definito “rosa”. L’inizio pareva confermare la mia previsione, anche se trovavo interessante e originale l’idea dell’autrice di scrivere un libro in un libro, e cioè la storia di una scrittrice, Ines, intenta a narrare una serie di racconti le cui protagoniste sono sei donne diverse, ambientate in epoche differenti: Julia e la sua ancella Atte, nell’antica Roma; Iolanda, in epoca medievale; Adele, Dora e Isabella nei giorni nostri. Ecco, infine, il settimo giro di donna in cui la scrittrice diventa a sua volta personaggio e si unisce alle sue creature in un finale senza tempo e in un viaggio verso la speranza. Tutto qui? No. Il libro è scritto con delicatezza e maestria: non vengono mosse accuse specifiche a certi atteggiamenti, a certi usi, a certe convinzioni che l’ignoranza e una società maschilista stanno, da secoli, mantenendo immutate, è il lettore stesso che, leggendo con cura e riflettendo, si rende conto di come si sia tuttora condizionati da atteggiamenti e usanze abominevoli nei confronti della donna e del suo mondo intimo, molto particolare, inesplorato e spesso totalmente sconosciuto. Un libro assolutamente da leggere e meditare, immersi come siamo in una pseudo-civiltà che ha dovuto creare un neologismo: “femminicidio” per definire un orrore sempre più frequente.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Ricercatrice universitaria alle prese con l'incubo della precarietà, Ines lo esorcizza con la scrittura. Ma il tema non è quello imposto da un prof distratto e onnipotente nel quale si intuiscono i connotati del classico "barone" all'italiana. La tastiera - anzi la pancia - di Ines modella ritratti femminili, figure in cerca di libertà, anime in fuga dalle convenzioni e dalla paura. Il racconto è un curioso treno pendolare in viaggio tra la realtà e la fantasia, dove la sfida di Ines ai problemi quotidiani si alterna con la lotta delle sue donne per affermare la loro identità. Dalla sposa infelice e molto (troppo?) moderna dell'antica Roma alle tre studentesse universitarie degli anni 2000, passando attraverso le sventure di una ragazza più evoluta dei tempi cupi in cui vive, Ines ci accompagna alla scoperta di una scoperta, quella dell'identità femminile spesso condizionata, sacrificata, emarginata.
Libro molto femminile, abbastanza femminista e, anche per questo, consigliabile a un pubblico maschile, almeno a quello curioso di ciò che accade sul lato nascosto della Luna, che al giorno d'oggi dovrebbe (condizionale d'obbligo) essere la maggioranza. Suggestivo il finale, una fuga onirica verso il riscatto collettivo e la salvezza della più sfortunata tra le protagoniste.
Complessivamente, la trama funziona e le idee non mancano. Il limite, comune ad altre produzioni "indie", sta a mio avviso in un certo spontaneismo formale.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover