• Prezzo consigliato: EUR 18,00
  • Risparmi: EUR 2,70 (15%)
  • Tutti i prezzi includono l'IVA.
Spedizione gratuita in Italia per ordini sopra EUR 29.
Disponibilità: solo 2 --ordina subito (ulteriori in arrivo).
Venduto e spedito da Amazon. Confezione regalo disponibile.
Storia di un corpo è stato aggiunto al tuo carrello

Spedire a:
Per vedere gli indirizzi, per favore
Oppure
Inserisci un codice postale corretto.
Oppure
+ EUR 2,90 spedizione in Italia
Usato: Ottime condizioni | Dettagli
Condizione: Usato: Ottime condizioni
Commento: DISPONIBILITA' IMMEDIATA. Questo volume è venduto dal Centro Libri Larizza, libreria fondata nel 1969 con sede a Solaro (Milano). Il libro è usato ma in ottime condizioni. Può presentare piccoli segni di usura e pieghe ai bordi della copertina. Nel caso di edizioni datate, le pagine possono avere un aspetto 'ingiallito'. All'interno del testo tutte le pagine sono integre e pulite (non ci sono scritte, note o sottolineature). Spediamo in tutta Italia con corriere espresso. Oltre 100.000 volumi venduti ogni anno con sconti fino al 90%. Eccellente qualità del servizio clienti e soddisfazione garantita! Per qualsiasi necessità o problema con il tuo acquisto, contatta direttamente il nostro servizio clienti. Potrai contare sulla professionalità del nostro staff e sulla nostra provata esperienza nel mercato del libro e dell'editoria scolastica.
Ne hai uno da vendere?
Passa al retro Passa al fronte
Ascolta Riproduzione in corso... In pausa   Stai ascoltando un campione dell'edizione audio udibile.
Maggiori informazioni
Visualizza tutte le 2 immagini

Storia di un corpo Copertina flessibile – 24 ott 2012

4.2 su 5 stelle 69 recensioni clienti

Visualizza tutti i 5 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
Copertina rigida
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 21,25
Copertina flessibile, 24 ott 2012
EUR 15,30
EUR 11,20 EUR 4,99
Nota: Questo articolo può essere consegnato in un punto di ritiro. Dettagli
Ritira il tuo ordine dove e quando preferisci.
  • Scegli tra gli oltre 8.500 punti di ritiro in Italia
  • I clienti Prime beneficiano di consegne illimitate presso i punti di ritiro senza costi aggiuntivi
Come inviare un ordine presso un punto di ritiro Amazon.
  1. Trova il tuo punto di ritiro preferito ed aggiungilo alla tua rubrica degli indirizzi
  2. Indica il punto di ritiro in cui vuoi ricevere il tuo ordine nella pagina di conferma d’ordine
Maggiori informazioni
click to open popover

Spesso comprati insieme

  • Storia di un corpo
  • +
  • Come un romanzo
  • +
  • Diario di scuola
Prezzo totale: EUR 29,76
Acquista tutti gli articoli selezionati

Descrizione prodotto

Recensione

Che cos’è il corpo di un uomo? Galeno avrebbe risposto una mescolanza disordinata di fuoco, aria, terra, acqua. Cartesio, una pompa idraulica. Un qualsiasi enciclopedista francese ne avrebbe fatto una macchina meccanica non troppo dissimile da un orologio. Lacan, una costellazione di sintomi, mappa involontaria della nevrosi. Il corpo umano, nella sua fisicità, nello ieratico scandalo della sua condizione mortale, è da sempre un enorme serbatoio di immagini. Sezionato, descritto, raffigurato sulle tavole anatomiche ora come un albero fatto di tubi e intersezioni, ora aperto e disteso nella nuda pergamena del suo involucro, il corpo attraversa la storia del pensiero occidentale come un’entità mutevole, sempre sfuggente, impossibile a cogliersi in una forma duratura. Un vero e proprio fantasma, condensato delle paure e dei desideri di coloro che lo abitano. Un animale-metafora. Una macchina narrativa. Nell’ultimo romanzo di Daniel Pennac il corpo umano è il centro assoluto del discorso. Il corpo del protagonista, per la precisione. Non il protagonista stesso (un uomo, francese, nato negli anni ’20, prima partigiano poi personaggio pubblico, probabilmente un’alta carica dello Stato, sposato con due figli). Non lui, il suo corpo. Un corpo in quanto entità fisica fatta di sudore, sperma, succhi gastrici, catarro, ossa, cartilagini. Un agglomerato pulsante osservato come altro-da-sé e descritto minuziosamente in un diario che dal dodicesimo fino all’ottantasettesimo anno di vita verrà redatto in prima persona nella più stretta osservanza di un rispetto di verità e di precisione assolute. Senza risparmiare nulla, né l’amore nella sua intimità, né il dolore, né la malattia, né la morte. Con una ricerca che ormai da anni lo allontana sempre più dalla definizione di “brillante scrittore di genere” a cui il ciclo Malaussène lo aveva (felicemente) inchiodato, Pennac punta qui a una messa in rilievo totale della fisicità all’interno del quadro narrativo, a un evidente prevalere della materia sull’anima, dell’animale sull’uomo. In realtà, questa scommessa riesce solo in parte. Fin dalle prime righe il corpo descritto di Pennac sembra sfuggire alla propria solitudine di massa ossea e carnosa per farsi materiale duttile di conduzione e propagazione di sensazioni, pensieri, parole e soprattutto relazioni. Il corpo di Pennac – il corpo di tutti – non può esistere senza l’Altro. Non ci può essere vita che sia solo vita del corpo. Non ci può essere romanzo che sia solo pura descrizione di nei o di svuotamenti della vescica. Attraverso le date del diario si dipana così, giorno per giorno, la storia di una vera e propria transustanziazione laica, del farsi anima (anima relazionale) di un corpo, o meglio, del continuo e progressivo evidenziarsi della loro inscindibile unitarietà. Attraverso le innumerevoli autodescrizioni fisiche del protagonista veniamo a conoscenza del suo odio per la madre, della venerazione per la sua domestica Violette, dell’amore per il nipote Grégoire, della vita stessa della madre, della vita di Violette, di quella di Grégoire. Dal corpo dell’io al corpo degli altri, quindi. Dalla storia di un corpo alla costruzione di un romanzo.

recensione di "www.bookdetector.com"

Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.



Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 341 pagine
  • Editore: Feltrinelli (24 ottobre 2012)
  • Collana: I narratori
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8807019213
  • ISBN-13: 978-8807019210
  • Peso di spedizione: 422 g
  • Media recensioni: 4.2 su 5 stelle  Visualizza tutte le recensioni (69 recensioni clienti)
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 112.133 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)
  • Garanzia e recesso: Se vuoi restituire un prodotto entro 30 giorni dal ricevimento perché hai cambiato idea, consulta la nostra pagina d'aiuto sul Diritto di Recesso. Se hai ricevuto un prodotto difettoso o danneggiato consulta la nostra pagina d'aiuto sulla Garanzia Legale. Per informazioni specifiche sugli acquisti effettuati su Marketplace consultaMaggiori informazioni la nostra pagina d'aiuto su Resi e rimborsi per articoli Marketplace.

    Se sei un venditore per questo prodotto, desideri suggerire aggiornamenti tramite il supporto venditore?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Questo libro è un capolavoro: illustra perfettamente le sensazioni e le emozioni che si provano nelle varie fasi della vita!!! In plus è molto divertente e innovativo; finora nessuno aveva mai parlato della vita vista attraverso il corpo, le sue trasformazioni, i rapporti con l'altro sesso, lo sport e via dicendo, fino a parlare dei bisogni fisiologici...
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Libro meraviglioso, appassionante e scritto divinamente! Una storia davvero originale scritta come un diario...ma che un diario non è...Pennac non delude mai!
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Adoro Pennac da sempre e ho trovato questo libro geniale per il tema che tratta, scritto come sempre con il suo stile inconfondibile
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Molto bello, anche se un po troppo al maschile. Emozionante lo sviluppo del corpo dall'infanzia, alla decadenza senile, alla morte.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Morxx il 13 luglio 2014
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Non saprei come definirlo eccetto come "singolare". La vita di un uomo descritta letteralmente fino alla morte. Realistica la descrizione dell'attività medica
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Impossibile resistere alla tentazione di leggere questo libro dopo averne intuito la trama dalla quarta di copertina: la "Storia di un corpo" è il diario di un uomo, tenuto dall'infanzia fino alla morte in età avanzata, osservando e annotando i cambiamenti, le gioie e i dolori del proprio corpo. Non parlando della propria vita, ma solo del corpo fisico.

Le prime pagine sono fulminanti, ti fanno sentire odore di piccolo capolavoro, di gioiello che terrai spesso a portata di mano per rileggerlo. Subentra poi una certa stanchezza, un'appena accennata ripetitività di temi e espedienti letterari che mette in crisi il lettore e lo costringe ad andare avanti solo per affetto dello scrittore. La seconda parte del testo risorge, sontuosa come un dettaglio che colpisce e stupisce, fino a concludersi in un crescendo di ansia e di compartecipazione.

Questo romando di Pennac, scritto in forma di diario, credo che sarà apprezzato solo da chi qualche anno sulle spalle ce l'ha, cioè è intorno almeno alla boa del mezzo del cammin. Troppo diretta è l'empatia che si crea con il protagonista per non sentirsi coinvolti. E a vent'anni non ci si crede che la vita va davvero così.

I temi affrontati sono messi in fila in maniera spietatamente lucida: nell'infanzia si scopre il proprio corpo, nell'adolescenza i timori e il fascino della condivisione con gli amici, nella giovinezza è tutto un fiorire di esperienze sessuali, la mezza età non lascia quasi traccia (se non ci sono problemi di salute), la vecchiaia è un lungo cammino verso la fine.

Arguto, ironico, osservatore, amante del dettaglio e della frase pungente, Pennac non finisce mai di stupirmi.
Commento 17 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Buona l‘idea di un diario centrato sulla vita del proprio corpo. Ma come ė per altre performance del narratore Pennac dopo che il successo del ciclo Malaussene l‘ha autorizzato a sentirsi e proporsi come antropologo o filosofo o politico, all'enunciazione dell'idea fa seguito una compitino volonteroso sì ma irrimediabilmente monotono e dunque noioso.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Puntualizziamo: non racchiude segreti inenarrabili né espone barbosi resoconti di una quotidianità altrettanto noiosa, bensì porta impressi le sensazioni, i malesseri e le scoperte meravigliosamente fisiche che hanno colmato la sua vita, annotati dal giorno in cui, da bambino, cade vittima di un episodio imbarazzante causato dal suo corpo, incapace di controllare. Perciò, per vincere la paura che lo paralizza, appende la tavola anatomica di Larousse allo specchio, sua grande nemesi, e comincia a osservare se stesso e i cambiamenti continui che lo coinvolgono con il rigore di uno scienziato e lo stupore dei suoi occhi di bimbo. Esplora il mondo attraverso i sensi, fidi strumenti con cui analizza i meccanismi e le reazioni di quella strana macchina di carne, ossa e sangue, i cui ingranaggi sono gli organi, i cavi le vene, il motore il cuore, e, col passare degli anni, pur acquistando maggiore consapevolezza, conserva una certa timida curiosità nei confronti del proprio corpo che lo spingerà a tenerne traccia per quasi un secolo, fino alla ruggine, ai cigolii e alla caduta in pezzi. Sia per poche righe o per intere pagine, l’uomo non manca di trascrivere i pensieri suscitatigli dagli eventi corporei su cui posa lo sguardo ironicamente pudico, dedicando attenzione anche a piccole cose, solitamente giudicate insignificanti, come uno sbadiglio o un neo, e soffermandosi in particolare sulle emozioni che imperversano dentro di lui e sui loro effetti: la nostalgia di Violette, il suo ricordo celato nel sapore del mosto cotto sulla sua lingua; l’insofferenza amara verso la madre, la cui memoria è solo un vuoto spoglio nel suo petto; l’amore bruciante per Mona, in grado di farlo ardere come un tizzone.Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti


Ricerca articoli simili per categoria