ARCHIVIO STORICO FOTO LOCCHI

L'Archivio storico Foto Locchi, posto sotto la tutela del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è considerato per il suo alto valore storico ed artistico uno tra i più importanti a livello internazionale. Un corpus d'immagini in costante divenire, che conta oggi oltre 5 milioni di fotografie sulla storia di Firenze e la Toscana, dagli anni Trenta ad oggi, conservate sotto forma di negativi originali. Immagini dal mondo dello sport e dello spettacolo, della moda e della grande Storia, ma anche frammenti pittoreschi che raccontano consuetudini e quotidianità della vita di ieri e di oggi.

Nel 1924 il fotografo paesaggista Tullio Locchi, già apprezzato fotoreporter di guerra e fotografo ufficiale della famiglia reale, decise di fondare il suo studio nel cuore della città. Nacque così la Foto Locchi in Piazza Vittorio, attuale Piazza della Repubblica.
A seguito della prematura morte di Tullio nel 1926, l'attività venne rilevata dalla famiglia Corcos.
Sarà Silvano Corcos, già presente in azienda alla fine degli anni Venti, a prendere le redini della società diventandone anima stessa.
Anch'egli ritrattista di casa reale, seppe distinguersi non soltanto per le capacità tecniche, quanto per le sue rare capacità imprenditoriali, che fecero della Foto Locchi uno dei più importanti e rinomati studi di Firenze, rendendo questa “bottega di arte e tecnica fotografica” il vero e proprio fotografo ufficiale della città.

Negli anni più fecondi della propria attività, la ditta arrivò a contare fino a trenta fotografi tra dipendenti e collaboratori. Come nella tradizione della tipica bottega artigiana i giovani apprendevano il mestiere attraverso l'esempio e l'insegnamento dei più anziani, ai quali era affidato il compito di tramandare lo stile Foto Locchi:
uno stile sempilce, pulito, caratterizzato dalla necessità di cogliere l'attimo tipica del fotogiornalismo, senza mai rinunciare però non soltanto alla qualità dello scatto ma soprattutto al gusto per la composizione fotografica. I vecchi maestri cercavano di infondere negli apprendisti la consapevolezza che attraverso il proprio obiettivo l'artista non si limita a documentare la realtà ma la rappresenta, interpretandola con sforzo creativo. La lezione che si insegna da Foto Locchi è che il fotografo professionista non deve essere solo un bravo tecnico, ma deve saper sviluppare una propria sensibilità artistica capace di rendere ogni scatto un'opera fotografica.

Bottega artigiana certificata dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte, che ne garantisce la rispondenza ai requisiti di autenticità e artigianalità del prodotto e del processo di lavorazione.


Prodotti in evidenza Prodotti in evidenza