Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 9,99

Risparmia EUR 6,41 (39%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

È così che si uccide di [Zilahy, Mirko]
Annuncio applicazione Kindle

È così che si uccide Formato Kindle

3.3 su 5 stelle 72 recensioni clienti

Visualizza tutti i 3 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 9,99

Lunghezza: 410 pagine

Descrizione prodotto

Sinossi

La pioggia di fine estate è implacabile e lava via ogni traccia: ecco perché stavolta la scena del crimine è un enigma indecifrabile. Una sola cosa è chiara: chiunque abbia ucciso la donna, ancora non identificata, l’ha fatto con la cura meticolosa di un chirurgo, usando i propri affilati strumenti per mettere in scena una morte.
Perché la morte è uno spettacolo.
Lo sa bene, Enrico Mancini. Lui non è un commissario come gli altri. Lui sa nascondere perfettamente i suoi dolori, le sue fragilità. Si è specializzato a Quantico, lui, in crimini seriali. È un duro. Se non fosse per quella inconfessabile debolezza nel posare gli occhi sui poveri corpi vittime della cieca violenza altrui. È uno spettacolo a cui non riesce a riabituarsi. E quell’odore. L’odore dell’inferno, pensa ogni volta.
Così, Mancini rifiuta il caso.
Rifiuta l’idea stessa che a colpire sia un killer seriale. Anche se il suo istinto, dopo un solo omicidio, ne è certo. E l’istinto di Mancini non sbaglia: è con il secondo omicidio che la città piomba nell’incubo.
Messo alle strette, il commissario è costretto ad accettare l’indagine... E accettare anche l’idea che forse non riuscirà a fermare l’omicida prima che il suo disegno si compia. Prima che il killer mostri a tutti – soprattutto a lui – che è così che si uccide.

Questo romanzo non è solo il thriller italiano che ha conquistato gli editori internazionali prima dell’uscita. Non è soltanto un esordio travolgente, scritto con maestria inedita. Questo romanzo è una sfida irresistibile, che avvolge il lettore nell’incantesimo della più pura tensione narrativa.

Storia di un caso editoriale di successo

Fine 2014: In una Roma sferzata dalla pioggia, Mirko Zilahy e il protagonista del suo romanzo, Enrico Mancini, iniziano a conoscersi. Nascono così un incipit e una prima scena folgoranti che convincono un’importante agente letteraria: quella storia va raccontata fino in fondo.

Gennaio 2015: Mirko Zilahy decide di ascoltare la voce di Enrico Mancini... E la Longanesi decide a sua volta con entusiasmo di pubblicare il suo romanzo.

Aprile 2015: È così che si uccide è protagonista della Fiera del libro di Londra. I diritti vengono subito venduti in Spagna: è soltanto l’inizio. In Germania è oggetto di un’agguerritissima asta e nelle ore seguenti si aggiungono Francia, Grecia e Turchia. Il numero di editori continua ad aumentare nel corso dell’anno.

Novembre 2015: Il testo viene dato alle stampe. L’entusiasmo dei librai è già palpabile, pari a quello di tutta la casa editrice Longanesi.

L’attesa sta per terminare.

Gennaio 2016: Finalmente È così che si uccide arriva in tutte le librerie.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1248 KB
  • Lunghezza stampa: 349
  • Editore: Longanesi (4 gennaio 2016)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B017TBB61Y
  • Word Wise: Non abilitato
  • Miglioramenti tipografici: Non abilitato
  • Media recensioni: 3.3 su 5 stelle 72 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #6.184 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
In quest'opera, purtroppo, manca la tensione narrativa, ovvero il quid misterioso che spinge il lettore a girare una pagina dopo l'altra, a correre verso l'esito finale. Il commissario Enrico Mancini appare svogliato, depresso, ben lungi dall'avere elaborato il lutto della morte della moglie. E non ha voglia di indagare, e non vuole essere coinvolto, vorrebbe solo sprofondare in un buco nero e addormentarsi. Ma se lui non ha voglia di seguire l'indagine, come può comunicare interesse al lettore? Questo errore di fondo fa cadere tutto il castello di carte. A nulla vale la trama, piuttosto articolata ma lenta e pesante; e neppure la buona scrittura di Mirko Zilahy riesce a salvare il romanzo, come un vento che soffia su una barca dalle vele ammainate; e neppure le contorte invenzioni sanguinarie dell'assassino stuzzicano la curiosità, anzi in tale contesto sono nauseanti. In breve, sembra un prodotto costruito a tavolino, persino con una certa sapienza, e avrebbe potuto funzionare. Ma la passione è come un fuoco che si propaga: se non c'è la scintilla iniziale, nulla si incendia.
Commento 11 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Acquistato in offerta lampo (per fortuna) spinta dalle recensioni positive, ho iniziato subito la lettura, pensando a un nuovo Carrisi. Niente di più sbagliato. Ho fatto davvero fatica a terminare la lettura, non è stato affatto avvincente, il che per un thriller è davvero il peggior giudizio. Non lo consiglio; metto due stelle solo perché l'ho pagato 2,99, se l'avessi pagato a prezzo pieno il giudizio si sarebbe dimezzato.
Commento 7 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Era da un po’ che volevo leggere il romanzo d’esordio di Mirko Zilahy.
Tempo fa l’avevo preso in mano e avevo dato una scorsa veloce all’incipit, ma non mi aveva colpito particolarmente.
Ora, complice un obiettivo per una sfida di lettura a cui partecipo, l’ho riesumato (e mai termine è stato più appropriato per un thriller) e mi sono immersa nella lettura in questo lungo weekend.
Devo dire che da appassionata di thriller… beh, mi aspettavo di meglio.
Il protagonista della storia è Enrico Mancini, profiler criminologo che si è formato a Quantico — ma va? — e che riesce a leggere nella mente del serial killer. Come tutti i buoni protagonisti di romanzi destinati a divenire seriali (lo stesso personaggio è il protagonista del nuovo romanzo dello scrittore, “La forma del buio”) anche Enrico Mancini è un uomo spezzato, prostrato dalla recente perdita dell’adorata moglie Marisa, restio ad occuparsi di un nuovo caso di serial killer.
Dallo stile si comprende come lo scrittore sia un grande fan del genere in cui si cimenta. C’è una particolare e insistente attenzione alla descrizione delle procedure di indagine messe in atto in casi come questo.
A differenza dei thriller a respiro internazionale a cui siamo abituati, questo è ambientato a Roma. Io che non conosco per niente la capitale, non ho percepito la differenza. Per quanto mi riguarda avrebbe potuto essere ambientato anche a Timbuctu.
Il killer ucciderà sette volte, in sette modi diversi, mettendo in scena sette modi spettacolari in cui ammazzare degli esseri umani, in un desiderio inconsulto di dimostrare al mondo che “è così che si uccide”.
Uhm… sette… cosa vi ricorda?
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Ho acquistato questo libro perché leggere un thriller ogni tanto mi piace e avevo appena apprezzato Zilahy nella sua veste di traduttore del romanzo "Il cardellino" di Donna Tartt. "È così che si uccide" non mi è piaciuto: troppo costruito, troppo Carrisi, troppo improbabile e poco di ciò che ci si aspetta da un thriller. Merita una stella la rievocazione storica del gasometro di Roma. Ho di gran lunga preferito lo Zilahy traduttore.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Finalmente un libro scritto da un Autore non improvvisato, che sa usare il linguaggio come uno strumento musicale, variandone il tono e il livello a seconda del personaggio e del momento.
Ammirevole il minuzioso lavoro di ricerca e documentazione, sia degli aspetti tecnici che dei luoghi.
E infine, un protagonista diverso, interessante, non un supereroe, ma un uomo devastato, quasi sconfitto che fatica a non perdere il controllo su se stesso e sull'indagine.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Simone il 14 marzo 2016
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
la parte buona di questo romanzo è la descrizione dei luoghi di Roma, la parte meno buona è la mancanza di colpi di scena e quei pochi che ci sono sono finti, in quanto è inverosimile che la scientifica possa tralasciare prove in una scena del crimine
1 commento 8 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina rigida Acquisto verificato
Zilahy, in questo suo romanzo d'esordio, si compiace troppo e inutilmente di particolari truculenti e agghiaccianti, forse con lo scopo di far rabbrividire, ma che non danno alcun valore aggiunto alla trama, che si dipana fino all'ultimo in modo per nulla originale. Il serial killer compirà il suo folle progetto fino all'ultimo (o quasi) e il Commissario Mancini, oppresso in modo ossessivo dalla perdita della moglie, capirà solo alla fine il disegno, senza quindi riuscire a prevenire alcun delitto.
A prescindere dagli aspetti orripilanti, il libro non ha mordente, i rapporti fra il Questore e il Commissario sono poco realistici e non c'è spazio per alcuna forma di redenzione, nè per sentimenti o rapporti fra i personaggi, che rimangono chiusi in se stessi come in tanti bozzoli congelati.
Commento 4 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover

Ricerca articoli simili per categoria