Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 7,99
include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Le cose belle che vorrai ricordare di [Bertoldi Mattia]
Annuncio applicazione Kindle

Le cose belle che vorrai ricordare Formato Kindle

5.0 su 5 stelle 2 recensioni clienti

Visualizza tutti i 2 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 7,99
Copertina rigida
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 15,02

Lunghezza: 346 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

La nuova promessa della narrativa italiana
Un romanzo profondo, coinvolgente e pieno di amore per la vita.


Può bastare un solo sguardo per tutto quello che le parole non sanno dire.
Zoe ha 5 anni quando metà del suo mondo si appanna; una malattia rende cieco il suo occhio sinistro, trasformandolo in una specie di perla. Solo grazie all’affetto dei genitori, e soprattutto del padre, che le insegna a vivere in modo sereno e positivo, Zoe riesce a sentirsi non diversa ma «speciale»: la sua sensibilità le permette di vedere ciò che altri non vedono, le dà una marcia in più per combattere le battaglie della vita.
Zoe ha 21 anni quando la sua intera esistenza cambia: dopo la morte della madre, torna a casa, in quel paesino da cui era fuggita per inseguire il sogno di diventare pianista. Nulla sembra cambiato, ma tutto è diverso, perché suo padre – il suo energico, allegro, coraggioso padre – si è chiuso in un mutismo assoluto, il cuore indurito dal dolore e dalla solitudine.
Toccherà quindi a Zoe riaccendere in lui la speranza, senza sapere però che quella fiammella illuminerà un segreto destinato a cambiare la sua vita e quella dell’intero paese, riscrivendo le storie grandi e piccole che lo animano. Perché ci sono sempre cose belle che si vogliono ricordare. Basta cercarle e guardarle con occhi nuovi, occhi «di perla»…


Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1820 KB
  • Lunghezza stampa: 314
  • Editore: Tre60 (6 aprile 2017)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B06XNSHVMW
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 5.0 su 5 stelle 2 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #23.220 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

5.0 su 5 stelle
5 stelle
2
4 stelle
0
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
Consulta entrambe le recensioni cliente
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle
Con “Le cose belle” Mattia Bertoldi ci regala una storia originale e intrigante, di quelle che tengono incollati dalla prima all’ultima pagina. Basta aprire il libro, ed ecco che Zoe (la protagonista) ci trascina subito nel suo mondo - un mondo che vede soltanto a metà a causa di una rara malattia agli occhi. Se affronta la vita a testa alta è soprattutto grazie a papà Danilo, un uomo buono e pieno di risorse che è stato capace di prenderla per mano durante un’infanzia e adolescenza dove le sofferenze, le prese in giro erano sempre dietro l’angolo. Quando, sette anni dopo, i ruoli si invertono, ci viene naturale farci coinvolgere nella lotta che Zoe porta avanti, tra mille peripezie, per strappare Danilo dalle grinfie di una depressione che l’ha assalito dopo la morte della moglie, ma che sembra avere radici più profonde. Saranno proprio l’intraprendenza e la positività ereditati dal padre a mettere Zoe sulla strada giusta, e a condurre noi lettori verso un finale originale e riuscitissimo. A tutto questo si aggiunge uno stile di scrittura di alto livello, pulito e privo di fronzoli. Consigliatissimo!

Luca Brunoni - lucabrunoni.com
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle
Premessa: è più semplice leggere questo romanzo che leggere una sua recensione. Perché "Le cose belle che vorrai ricordare" è un testo coinvolgente, ben scritto, capace di miscelare diversi elementi tipici del romanzo contemporaneo. E Mattia Bertoldi è autore di cui sentiremo parlare ancora e a lungo.
Il giovane scrittore ticinese costruisce una doppia immagine di Zoe, la protagonista: a cinque anni, con la sua tenerezza, la curiosità verso il mondo, le parole lunghe e difficili da pronunciare; in età adulta, con la passione per la musica divenuta ormai professione e un certo disincanto nei confronti della vita. C'è un particolare non indifferente: Zoe vede soltanto da un occhio.
Bertoldi non scade nel melodramma, riuscendo a infondere una certa verve all'introduzione del romanzo, non facendo pesare la malattia di Zoe al lettore. In fondo non pesa nemmeno a lei. I piani narrativi si alternano per tutta la prima parte, fino a entrare nel vivo del romanzo: centrale è la figura del padre, coraggioso "pirata" nel passato e fantasma di se stesso nel presente. Su quest'altra duplice immagine, presenza/assenza, l'autore costruisce l'intreccio, investendo Zoe di una grande responsabilità: risollevare l'animo del suo papà.
Le cose belle che vorrai ricordare di questo testo sono numerose: la cura maniacale dei dettagli, la sfera sensoriale esaltata dalla "mancanza" dell'occhio sinistro di Zoe, le descrizioni estremamente cinematografiche del piano narrativo al presente, i personaggi secondari, le citazioni dagli anni Novanta, le diverse tecniche narrative sfoggiate durante lo svolgimento.
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
click to open popover