Scopri Tante idee per giocare all'aria aperta Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport



il 15 luglio 2018
Lessico puerile e povero, con molti refusi e ripetizioni. Le descrizioni fisiche di Filippo e Giovanna si ripetono all’infinito, come le scene amorose ossessive e deprimenti (dopo la quarta descrizione le ho saltate a piè pari riducendo notevolmente il tempo di lettura). Sembra che l’autrice dimentichi quanto scritto in precedenza. Da scuola elementare l’ambientazione storica. Come ho detto non c’è nulla da salvare.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso
il 29 giugno 2018
Il romanzo risulta scorrevole e incalzante nella prima parte mentre perde smalto a partire dal nuovo incontro tra i due protagonisti; dopo tanta sofferenza e crudeltà, mi aspettavo una riconciliazione più passionale e combattuta, considerando i lunghi anni di dolore vissuti da Ninetta mentre invece tutto è risultato tiepido dopo l’aspettativa creata.
Ho apprezzato il panorama storico risorgimentale che attraversa il libro mentre ho avuto difficoltà a leggere le note delle frasi scritte in dialetto napoletano perché spesso non corrispondono. Forse un problema tecnico, non so. Infine, probabilmente perché non conosco la lingua, in alcuni casi ho trovato che qualche intercalare napoletano fosse giusto e completasse la narrazione ma in altri momenti ho trovato il linguaggio fuori luogo nel proseguo della lettura.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso
il 12 giugno 2018
Un libro che narra di un amore che nasce all’improvviso in modo travolgente, e di una giovanissima donna piena di passione e istinto, fulgida come una stella, travolta dal sentimento più antico del mondo.
L’amore arriva senza essere cercato e travolge come un uragano...e lei crede con tutto il suo giovane cuore a questo amore, cede alle sue lusinghe, alla sua aria arrogante e spavalda, alla sua bellezza e forza... ma ahimé… è un bluff.
Il Principe, nonostante l’amore per la sua Ninetta, non ha il coraggio di andare contro il suo Re.
Il senso del dovere, in lui, è maggiore rispetto all’amore, così per delle avversità la lascerà andare senza lottare, per non perdere il prestigio, il suo ruolo e il suo avvenire...
L’autrice ha creato un personaggio, Giovanna, davvero perfetto. L’ho amata per il suo coraggio, per la sua passione, per la sua coerenza, per la fiducia nell’amore ... fiducia tradita...lei che ha donato tutto: cuore, mente e corpo... si è trovata sola in una tempesta senza che nessuno riesca a proteggerla. Non suo padre, né suo fratello, né sua madre e tantomeno il suo Principe, che decisamente non ha nulla di azzurro.
Giovanna ha dovuto imparare a crescere soffrendo l’inferno, non spiego come per non fare spoiler.
Dopo anni Ninetta riuscirà a perdonare il suo Principe? Non vi resta che leggerlo.
Un libro travolgente, con personaggi ben caratterizzati, anche se il Principe risulta non coerente con le premesse...ma forse l’autrice ha voluto mettere in evidenza queste pecche in un uomo che alla fine mostra tutta la sua debolezza.
Un uomo tormentato, che ha preferito servire il suo re, non perdere la propria posizione sociale, perdere la donna che amava e continuare a vivere nel tormento...e che tormento!
L’autrice ha fatto una grande ricerca storica, in cui riesce meravigliosamente a ricostruire un epoca di fermento di idee, di amore per la patria, e ci mostra che le ragioni non sono tutte di una o dell’altra parte. Soprattutto ci fa rivivere quanto era splendido e ricco il Regno delle due Sicilie e come perdere la guerra distruggerà tutta l’economia di quel regno a favore di un nord che ai giorni nostri ha dimenticato, o meglio, preferisce non ricordare...
I nostri avi volevano un Italia unita, hanno versato il sangue per il sogno mazziniano e questo non si può dimenticare...
Lo stile è pulito, scorrevole e fluido.
Bravissima.
|0Commento |Segnala un abuso
il 12 giugno 2018
per leggerlo sci si riesce, ma francamente è un po' troppo sopra le righe. ha di buono che ti strappa qualche sorriso
3 persone l'hanno trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso
il 26 maggio 2018
Ho letto diversi romanzi storici ma questo mi ha coinvolto moltissimo forse perché essendo meridionale mi sono immedesimata nella storia del regno delle due Sicilie ma la passione tra Ninetta e il suo principe demonio mi ha colpito al cuore e li ho amati.....
|0Commento |Segnala un abuso
il 14 giugno 2018
Romanzo piacevole, ben scritto, scorrevole, con personaggi ben delineati. L’ho letto con piacere e lo consiglio come lettura per chi ama sognare
|0Commento |Segnala un abuso
il 26 luglio 2018
Bellissimo romanzo! Ti trascina dentro la trama fin da subito! Finito in pochissimi giorni! Lo consiglio!
|0Commento |Segnala un abuso
il 4 maggio 2018
Le avventure relative a questo amore indomito che non muore mai, ma si alimenta sempre di più, sono descritte in maniera eccellente e incalzante. Ogni riga racconta di sensazioni reali, di problemi veri, un amore infinito eppure ferito, deluso, abbandonato ma che riesce a tornare più forte e più saldo di prima. Le disavventure, l'odio e i rancori di cui ninetta e il suo principe, sono vittime ti lasciano il cuore spezzato. Un destino e della politica che egoista, mieteva numerose vittime, e ferite che il cuore a fatica riesce a guarire. Il loro amore è sensazionale, unico, travolgente e appassionante! Ti coinvolge fino all'ultimo respiro, fino alla parola fine e anche oltre. Questa serie ci ha regalato immense emozioni, ma soprattutto una visione più ampia e più precisa delle problematiche dell'Italia e di chi ha combattuto per unirla e renderla omogenea. La storia intrecciata all'amore nato tra due diverse fazioni politiche, rende tutto molto coinvolgente e magnifico. Bellissimo romanzo. Spero in un seguito!
3 persone l'hanno trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso
il 1 maggio 2018
Quarto volume della serie “D’amore e d’Italia” ambientato nella seconda metà dell’Ottocento fra la Toscana, la Moravia e la splendida città di Napoli.
Se nel secondo capitolo della storia abbiamo conosciuto l’affascinante Marchese della Spada e la bellissima Contessina Alida Alabardi, nel terzo le gesta e l’amore del loro primogenito Sebastiano in questo volume autoconclusivo conosciamo meglio la figlia minore Giovanna.
Splendida come la madre se non di più e con lo stesso temperamento fiero del padre la giovane Marchesina è cresciuta con un cuore impavido e una curiosità viva per la politica e ciò che la circonda ma purtroppo si ritrova sempre isolata nella casa di campagna di famiglia lontana dalla vita mondana e dal fermento risorgimentale.
Alla prima occasione di libertà, al primo ballo libera dai genitori e ospite di amici di famiglia incontra un uomo unico e particolare, irriverente e presuntuoso per certi aspetti, elegante e regale per altri: il principe Filippo Vattilieri di San Garlizio. Inutile dire che fra i due è amore a prima vista, tuttavia non c’è amore più ostacolato e non solo dalla famiglia, ma dalla distanza e dalle ideologie.
Bellissima la storia d’amore, travagliata e lo sottolineo, ma molto romantica. Un primo vero amore per entrambi sia per chi non ha mai dato un primo bacio sia per chi ne ha dati anche troppi senza mai amare. Sembra che niente possa separarli eppure accade sempre qualcosa ad ostacolare la loro unione. Mirabilmente guidato dalla penna dell’autrice la storia d’amore si mescola alla Storia del nostro Paese, agli intrighi e alle battaglie, alle ideologie e alla fedeltà alle varie casate in un periodo molto vivace.
Ho adorato questo quarto capitolo, non lo ripeterò mai abbastanza in genere le serie arrivati al 3° volume iniziano a starmi strette, invece in questo caso sono stata sorpresa da alcune scelte narrative che ho trovato coraggiose e anche dal carattere del protagonista maschile molto diverso dai canoni cui siamo abituati e che quindi rende il romanzo unico ed originale.
Per chi ama i romance, la storia e i bei libri: consigliatissimo!!!
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso
il 7 maggio 2018
Letto praticamente in una giornata, in tutte le mie recensioni scrivo quanto apprezzo questa autrice per le sue capacità di alternanza tra la storia del Regno e la storia d'amore. In questo libro riusciamo anche ad incontrare per brevissimi attimi Gherardo, protagonista del primo romanzo di pitti.
Devo ammettere che Pitti è stata molto cattiva con la sua figlia di carta più piccola, le ha fatto attraversare l'inferno per intero prima di essere giunta al paradiso (pitti capisco che sei fiorentina e Dante era originario di lì, ma così è un po' esagerato 😂😂😂😂) ma forse questo lungo viaggio serviva alla piccola Giovanna a crescere ed a diventare la donna che poi è stata...
Che dire, sicuramente lo consiglio ed ammetto di essere molto curiosa di sapere quale sarà la prossima uscita di questa bravissima autrice...
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento |Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

La fiamma e il vento
2,99 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui