Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 1,99
include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

La matematica dei Pink Floyd di [Paolo, Alessandrini]
Annuncio applicazione Kindle

La matematica dei Pink Floyd Formato Kindle

4.1 su 5 stelle 9 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle, 23 gen 2014
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 1,99

Lunghezza: 63 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Se pensate che la matematica sia fatta soltanto di aride formule e noiosi calcoli con polinomi e frazioni, vi sbagliate di grosso. La matematica, quella vera, è ovunque: perfino nei testi delle canzoni e nelle copertine dei dischi. E il bello è che è pure divertente. Però prima bisogna saperla scovare. Questa è una piccola guida alla scoperta della matematica nascosta negli album e nei brani di una delle rock band più famose di sempre, i Pink Floyd: dai bit dal sapore orientale in The piper at the gates of dawn fino al prisma di The dark side of the moon, passando dai giochi autoreferenziali di Ummagumma.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 2004 KB
  • Lunghezza stampa: 63
  • Editore: 40K Unofficial (23 gennaio 2014)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00I0APG7E
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.1 su 5 stelle 9 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #21.625 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?
    Se sei un venditore per questo prodotto, desideri suggerire aggiornamenti tramite il supporto venditore?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Ho dato 5 stelle perchè questo ebook mette ancora di più in risalto la genialità dei Pink Floyd. Lo consiglio vivamente a tutti << gli alieni >> che si nutrono di Pink Floyd.
Fulvio
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Mentre scrivo questo commento all'ebook di Alessandrini sto riascoltando "The Piper at the Gates of Down" che non sentivo forse da...ehm...più o meno trent'anni, in attesa del brano Chapter 24 che ci svela la sua stretta connessione con gli I Ching, i cui esagrammi parlano il linguaggio binario.
Più in là si arriva a scrivere di ricorsione e autoreferenzialità -hai presente i loop?- osservando l'immagine dell'album Ummagumma e di dispersione ottica con l'oggetto per eccellenza che identifica i Pink Floyd: il prisma di The Dark Side of the Moon.
Ma non basta. Per esplicitare meglio i concetti matematici l'autore dà riferimenti letterari, iconici e ritmici suggestivi, un modo di rendere questa scienza gradevole e comprensibile.
Simpaticissimo approccio.
Commento 5 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Ho comprato il libro chiedendomi come potessero esserci tanti collegamenti tra i Pink Floyd e la matematica da scriverci un intero libro. E in effetti non ci sono. Mi aspettavo qualcosina di più. Molti collegamenti mi sembrano un po' stiracchiati, giusto per tirare fuori qualche curiosità e riuscire a riempire un libriccino.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Spiegato in modo semplice, molto interessante perchè abbina spiegazioni matematiche al mondo della musica dei Pink Floyd. Lo consiglio anche a chi è semplicemente interessato alla musica e non 'esperto matematico', perchè fornisce informazioni davvero curiose e interessanti.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Io sono un beatlesiano convinto, ma sono costretto a riconoscere che Beatles e matematica non vanno molto d'accordo: John Lennon era fissato con il numero 9, esiste un inedito "One and One Is Two", ma tutto finisce qui. In compenso ci sono altri musicisti che si possono sfruttare per parlare di matematica: per esempio i Pink Floyd, come Paolo Alessandrini ci racconta in questo suo nuovo ebook della collana Altramatematica di 40k Unofficial.
Alessandrini prende spunto da testi e copertine dei primi album dei Pink Floyd per raccontarci di come per esempio l'I-Ching - il tema di "Chapter 24" nell'album <i>The piper at the gates of dawn</i> sia un esempio pratico di applicazione dell'aritmetica binaria e della combinatorica; oppure che la copertina di Ummagumma ci fa arrivare alla ricorsività e ai quadrati greco-latini (i nonni del sudoku); il prisma di _Dark Side of the Moon_ dà l'occasione per parlare di tassellazione dello spazio. Certo, si può godere della musica dei Pink Floyd anche senza sapere che c'è qualcosa dietro; ma scoprire che certe scelte non sono casuali bensì con una storia ci permette di apprezzarle ancora di più (soprattutto se non saremo interrogati sulla materia...). Leggendo il libro (o la chiosa dell'autore a [ ... ]) si capisce poi quanto Paolo ami la matematica e i Pink Floyd, condizione necessaria per creare una bella opera; certo, la condizione non è sufficiente, ma garantisco che il libro è anche scritto molto bene.
L'unico dubbio è che, come Alessandrini fa notare, gli spunti matematici si trovano nei primi album. Spero che non ci sia una correlazione con la presenza, fisica o virtuale, di Syd Barrett e la sua crisi mentale...
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
click to open popover