Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 7,99

Risparmia EUR 2,51 (24%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

La nuova geografia del lavoro (Saggi) di [Moretti, Enrico]
Annuncio applicazione Kindle

La nuova geografia del lavoro (Saggi) Formato Kindle

4.3 su 5 stelle 47 recensioni clienti

Visualizza tutti i 4 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 7,99
Copertina rigida
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 12,30

Lunghezza: 276 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

Negli Stati Uniti l'economia postindustriale, basata sul sapere e sull'innovazione, sta cambiando profondamente il mercato del lavoro, sia per la tipologia dei beni prodotti sia per le modalità e, soprattutto, le località in cui vengono realizzati, creando enormi disparità geografiche in termini di istruzione scolastica, aspettativa di vita e stabilità famigliare. Per alcune regioni e città, infatti, la globalizzazione e la diffusione di nuove tecnologie vogliono dire aumenti nella domanda di lavoro, più produttività, più occupazione e redditi più alti. Per altre, chiusura di fabbriche, disoccupazione e salari sempre più bassi. E poiché questa radicale ridistribuzione di impieghi, popolazione e ricchezza è un processo destinato a diffondersi nei prossimi decenni in ogni angolo del Vecchio continente, Italia compresa, le dinamiche in atto oltreoceano offrono importanti lezioni anche per i paesi europei.
Di questa "nuova geografia del lavoro" Enrico Moretti, docente di economia all'università di Berkeley, traccia una mappa dettagliata con sguardo lucido e puntuali rilevazioni sul campo: visita città in ascesa, che vedono fiorire un virtuoso intreccio di buoni impieghi, talento e investimenti, e città in declino; passeggia per le vie di Pioneer Square, quartiere trendy di Seattle, e per quelle di Berlino, la capitale più attraente d'Europa, ma anche una metropoli sorprendentemente povera; e scopre che ogni posto di lavoro creato in centri di eccellenza dell'innovazione ne genera almeno cinque in altri settori produttivi, e tutti retribuiti meglio che altrove. Tanto che oggi, ci dice, "il modo più efficace per creare posti per i lavoratori meno qualificati è attrarre imprese hi-tech con dipendenti altamente qualificati". In questo nuovo scenario l'Italia rischia di diventare per l'Europa quello che la terza America è per gli Stati Uniti, ovvero un insieme di città e distretti industriali in declino lento ma irreversibile, come dimostra la scomparsa di due industrie chiave, quella del computer e quella della farmaceutica. Capire, quindi, perché le differenze economiche tra città e regioni, anziché diminuire - com'era nelle attese di molti -, continuano ad aumentare, e perché le imprese e i lavoratori più creativi si siano concentrati in determinati luoghi e non in altri, è di vitale importanza per decifrare e orientare il futuro della nostra economia.

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 3122 KB
  • Lunghezza stampa: 276
  • Editore: MONDADORI (19 marzo 2013)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00BSIG7CI
  • Word Wise: Non abilitato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.3 su 5 stelle 47 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #24.225 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Ho letto questo libro con grande interesse. L'autore Enrico Moretti, docente di economia all'Università della California a Berkeley e autore di numerosi articoli in riviste di economia, riesce a rispondere a molte domande che oggi può farsi sia una persona normale a caccia di opportunità nella mappa mondiale del lavoro, sia a domande che potrebbero farsi i tanti governi desiderosi di far ripartire con slancio serio e duraturo le economie afflitte dalla crisi iniziata nel 2007.
Sono molto belli, a mio avviso, gli approfondimenti sulle conseguenze locali che hanno gli insediamenti di alcune aziende e anche l'evidenziazione delle differenze che si generano tra persone di differenti livelli di istruzione.
Gran parte del libro è incentrato sullo studio e l'osservazione della società americana, ma la globalizzazione rende ormai similari gli scenari, per cui, per esempio, il sindaco di Bologna potrebbe ragionare come il sindaco di Seattle.

In tanto immobilismo di idee, l'autore dimostra di possedere tante chiavi di lettura per orientarsi al meglio nelle scelte che devono essere fatte, sia che si sia un lavoratore, un genitore alle prese con le scelte da consigliare ai figli, un sindaco di una città, un governante.
Questo il motivo per cui questo libro è consigliato a tanti.

Tra le tante cose che ho sottolineato nel libro mi fanno riflettere "Gli Usa sono un paese che sa premiare la competenza ed è questo il motivo per cui vi approdano tanti stranieri di talento. Gli hub sono un'autentica calamita per molti scienziati e imprenditori. In europa e ancor di più in Italia, i lavoratori non possono contare su questi incentivi.
Ulteriori informazioni ›
Commento 24 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
"La nuova geografia del lavoro" è un saggio a cavallo tra l'economia, la sociologia, la finanza, la politica e la programmazione urbanistica. Enrico Moretti affronta i temi dello sviluppo economico delle società avanzate in un'ottica nuova, sottolineando la centralità della formazione universitaria. secondo la tesi del brillante scienziato lo sviluppo della società americana si basa sugli "Hub dell'innovazione", sistemi territoriali che si alimentano di investimenti nella ricerca&sviluppo nel settore delle nove tecnologie. Università di livello, tessuto economico robusto, venture capitalist, capitale umano sono gli ingredienti del successo e dello sviluppo. Solo attraverso questi elementi si avvera il miracolo: per ogni posto di lavoro creato nell'hi-tec, si cofano altri 5 posti di lavoro. Per questo città che puntano sulla tecnologia, come San Diego, crescono, mentre quelle che lavorano nei settori tradizionali, come Detroit, soffrono. Da leggere
Commento 8 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Moretti mi ha dato una chiara illustrazione della situazione attuale dal suo punto di vista, che è comunque un punto di vista a mio parere pienamente condivisibile.

Linguaggio scorrevole, una lettura molto fluida.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Formato Kindle Acquisto verificato
Il prof. Moretti effettua una approfondita analisi sullo stato del mercato del lavoro negli Stati Uniti, soffermandosi in particolar modo sul dualismo o divergenza geografica esistente tra le zone ad alta concentrazione di aziende hi-tech e zone con aziende manifatturiere o tradizionali.

Nei cosidetti hub tecnologici, grazie alla mutua interazione tra aziende e lavoratori specializzati si riscontra un aumento medio dei salari, sia per i lavoratori hi-tech che per quelli non specializzati, superiore a quello presente nelle altre aree. Inoltre grazie ad un effetto moltiplicatore, nelle aree hi-tech si creano posti di lavoro in settori tradizionali (servizi, distribuzione, etc...) ed infine si migliora anche la qualita' della vita sociale.

Questo dimostra come sia molto importante, per l'intero territorio e comunita', cercare di attrarre aziende hi-tech: a tal fine vengono poi analizzate delle azioni da effettuare a livello statale , sia sul lato della domanda di lavoro che su quello dell'offerta.

La lettura e' vivamente consigliata per capire quanto lontana sia l'Italia nella realizzazione di un mercato del lavoro dinamico ed adatto ad aziende ad elevato grado di innovazione.
Commento 5 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di Curiosamente RECENSORE TOP 500 il 2 dicembre 2013
Formato: Formato Kindle
E' stato definito negli Usa il più importante libro di economia del 2013; anche Obama ha voluto incontrare l'autore per parlare con lui delle implicazioni della sua teoria. Nell'autunno di quest'anno Moretti ha fatto un giro di presentazione del libro in Italia, discutendone con sottosegretari e professori della materia. Innovare, eccellere nelle discipline soprattutto tecniche, fare rete a partire dalle stelle del nuovo firmamento economico mondiale: sono questi gli insegnamenti della nuova geografia del lavoro, che vede un pianeta globalizzato e nel quale le distanze fisiche vengono colmate dalle comunicazioni telematiche, ma anche un mondo dove le reti di prossimità funzionano per aggregare e moltiplicare le competenze come succede (o succedeva) nei migliori distretti produttivi. "La nuova geografia del lavoro" è un libro chiaro, documentato, utile. Forse derivato più dall'esperienza americana che da una lettura dettagliata di tanti altri modi in cui agisce lo sviluppo economico. E' una tesi, dove, per fare un esempio importante per noi, l'Italia sembra a tratti un'irrecuperabile periferia in discesa fatale. E se si facesse leva sul nostro saper fare distretto? E come? E se non fosse troppo tardi?
Commento 4 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover