Scopri Toys Books Cloud Drive Photos Scopri Learn more CE Scopri Scopri Fire Shop Kindle Shop now DVD e Blu-ray Sport

Recensioni clienti

3,7 su 5 stelle
1.009
3,7 su 5 stelle
Formato: Copertina flessibile|Cambia
Prezzo:16,58 €+ Spedizione gratuita con Amazon Prime
La tua valutazione(Cancella)Vota questo articolo


Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

Questo libro mi ha un po' ricordato "la finestra sul cortile", il famoso film di Hitchcock.
Il personaggio di Rachel, è buffo, bonario, triste e mi fa una gran tenerezza.
Non è un libro d'amore, la storia d'amore è finita,defunta anche male, ma è scritto in maniera amorevole, con grande cura nel dettaglio.con tanto affetto e rispetto verso una persona problematica come Rachel.
Mi è piaciuto molto...l'unica cosa è che magari in alcuni punti si perde, e va a ruota libera.
Non amo le narrazioni che si allentano diventando pesanti da portare avanti...in quanto, specie per me che leggo in formato kindle, per sapere come finisce devo leggere e leggere...ed annoiarmi.
Nel complesso è un ottimo esordio per una scrittrice emergente, che fa ben sperare.
Difficilmente mi entusiasmo per un libro qualsiasi, amo leggere, ma sono molto severa nei giudizi, eppure ...La ragazza del treno è veramente ineccepibile.
Di questi tempi dove si osannano tomi illegibili, questo è una ventata di aria fresca.
Felice di averlo letto.
0Commento| 98 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 20 febbraio 2017
Rachel ama osservare il paesaggio durante i suoi viaggi in treno verso Londra, dove lavora. Immagina la vita felice delle persone che abitano lungo la ferrovia, visto che la sua, di vita, è andata a rottoli e le ha provvocato una serie di dispiaceri, che Rachel tenta di affogare nelle bevande alcoliche...Un giorno si accorge che in una delle casette che vede al solito c'è qualcun'altro...Inaspettatamente, la vicenda impatta anche sulla sua vita...La ragazza è confusa, cerca di indagare, di capire, ma la sua condizione di alcolizzata fa sì che nessuno la prende sul serio...Perde il lavoro e la fiducia della sua amica, si trova sola e incompresa, ma decisa di andare fino in fondo...Non si rende conto di essere stata manipolata dalla persona di cui si fidava...La soluzione arriva inattesa, colpisce in pieno il lettore, rende il libro veramente avvincente. Consigliato a tutti quelli che amano le vicende complicate, che arrivano a buon fine.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 19 novembre 2016
Ad un certo punto se sei un lettore di gialli, capisci o almeno sospetti.
Ma.questo non toglie che sia piacevole da leggere: il ritmo non manca è la struttura a tre voci è originale e avvincente.
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 500 RECENSORIil 17 aprile 2016
Acclamato, in cima alle classifiche, criticato, un best-seller conclamato.
Perché l’ho letto? Per semplice curiosità. In fondo la trama non mi sembrava attraente, lo ammetto.
Paula Hawkins, una scrittrice di 43 anni (44 ad agosto) ha saputo stupirmi e appassionarmi fortemente alla lettura del suo romanzo.
È incredibile quanto, diversamente dalle aspettative, mi sia stato facile entrare nella mente di Rachel. Una donna particolare, piena di sfumature che nemmeno lei stessa conosce, con un grande problema di dipendenza che le condiziona la vita. Lei ama i treni, viaggia ogni giorno. E saranno proprio i treni a immergerla in una storia affascinante e originale. Il lettore viene travolto da un mare freddo, formato da tante piccole gocce: bugie, trame perse nel passato, stravolgimenti improvvisi e colpi di scena magistrali.
L’autrice ha saputo altresì regalare un finale degno della storia e, finalmente, appagante.
Durante la lettura ho provato emozioni contrastanti, ma molto forti. Ero inqueto e disperato, come Rachel; ero ansioso e piccato, come Anna; mi sentivo frustrato e rabbioso, come Scott; ero pacato e razionale, come Tom; ero combattuto e disponibile, come KIamal. Un miscuglio piacevole di sensazioni che solo una brava scrittrice riesce a instaurare nell’anima del lettore con una distinzione precisa a seconda dei personaggi.
È quasi scontato asserire di aver vissuto con maggiore intensità le vicissitudini della protagonista, Rachel. Non credo sia dato dal fatto che questa persona è il fulcro della storia, bensì penso che la spiegazione sia da cercare nella fragilità. Una gracilità che stringe il cuore con le unghie, senza possibilità di scappare.
“La ragazza del treno” non si può definire un capolavoro (quelli sono altri…), ma merita un posto bene in vista nella nostra libreria, nonché nel nostro cuore.
review image
0Commento| 9 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 18 gennaio 2017
L'ho finito a stento. La trama non sarebbe male, anzi mi intrigava molto, ma a mio modestissimo parere è scritto malissimo, noioso. Inoltre quel continuo passare da un personaggio all'altro ha reso per me il racconto difficile da seguire e troppo farraginoso. Oltre che inverosimile.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 23 gennaio 2017
Niente di particolare. Diversamente dai commenti riportati nel retro del libro dai colleghi dell'autrice e dalle varie testate giornalistiche, il libro stenta a decollare. La cronologia degli eventi è confusionaria, l'attenzione ed il coinvolgimento che personalmente ho avuto durante la lettura è stata molto intermittente, non è un libro che ti appassiona. Forse potrebbe essere uno dei rari casi nei quali il film é più coinvolgente del libro....per essere così alto in classifica dei libri più venduti/letto dell'ultimo anno, mi sembra che l'autrice/casa editrice abbiano centrato pienamente la politica di marketing più che la storia in sè.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 febbraio 2017
Romanzo avvincente da leggere tutto d'un fiato. L'ho acquistato incuriosito dalle ottime recensioni che circolano in giro. La storia fa continui salti temporali tra presente e passato e questo rende ancora più coinvolgente la lettura. Non ci sono periodi "morti" e ogni pagina ha un valore per comprendere il finale che è davvero inaspettato. Consiglio la lettura agli amanti del genere,
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 1 dicembre 2016
Sono convinta che ne abbiano fatto un caso editoriale grazie alla massiccia campagna pubblicitaria della casa editrice. Un thriller piatto che non decolla se non dopo le prime 120 pagine; considerando che ne ha circa 300, fate le vostre oggettive considerazioni. Due osservazioni che mi sento di fare ma che sono totalmente soggettive: non mi vanno a genio continui e ripetuti flash back e, soprattutto, il personaggio alcolizzato risulta sempre irritante e a tratti vomitevole nel vero senso del termine. Un finale insignificante come il resto del libro.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 500 RECENSORIil 20 novembre 2016
E' buffo ma allo stesso tempo mi fa tenerezza
I personaggi sono verosimili/Non perfetti (Umani)
La trama è avvincente e avventuriosa
I colpi di scena sono ben fatti e ben articolati!
E' abbastanza pieno di dialoghi da non farne sentire la mancanza!.

M I E I M P R E S S I O N I
Ammetto che da poco leggo questo tipo di libri, quindi mi ritrovo per la prima volta a leggere un libro simile. Posso dire comunque che "La ragazza del treno" mi ha abbastanza preso perché dopo la prima parte, che al mio malgrado risulta lenta e noiosa, il libro mi ha coinvolto e incuriosito piacevolmente, nel libro troviamo 3 punti di vista di 3 personaggi e questo aiuta a entrare meglio nella storia;
Solo dal finale si capirà il colpevole!
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 15 febbraio 2017
Sinceramente ? 19 euro che preferivo avere in tasca... ad un quarto del libro avevo già intuito il finale...banale e davvero rivisto....il finale nn sorprende...non mi ha lasciato nulla...nessuna sensazione ..come quando un libro che hai letto con il cuore finisce lo chiudi e resti li con i tuoi pensieri a riflettere sul libro sul finale sui personaggi, questo mi ha fatto solo pensare di aver buttato quasi 20 euro..
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso