Scopri Tante idee per giocare all'aria aperta Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri GoW



il 21 maggio 2018
Un grazie a Nicola per il libro, prima fatto leggere alla mia ragazza come regalo e poi letto e ricomprato per me.

E' un racconto di vita, narrato da una persona davanti a voi in più giornate; Magari oggi al bar davanti ad una birra, magari domani online, magari per messaggio.

Forse i più giovani potrebbero perdere qualche messaggio dell'autore.
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 27 maggio 2018
Ho letto in diverse recensioni che questo è un libro adatto ai più giovani. Ma onestamente, questa descrizione mi sembra riduttiva.
È vero, da un lato lo è. Nicola/Redez è ormai un influencer e per molti giovani sarà quasi una guida.
Io ho 31 anni e ho trovato questo libro molto gradevole. Molte delle riflessioni racchiuse in questo libro le avevo già fatte mie prima di leggerlo. Ma questo libro non si pone come un manuale per la vita. È più una sorta di “diario aperto.” Un diario che non scende neanche troppo nel dettaglio quando si tratta di esperienze personali, ma che ne utilizza dei punti chiave utili a mandare un determinato messaggio.
Per un ragazzino sarà sicuramente d’ispirazione – e di quelle positive, per i giovani, ce ne son davvero poche. Quindi ben venga.
Per me è una piacevole pacca sulla spalla da una persona che non conosco. L’ho apprezzata ed ho deciso di regalarne una copia a una persona anche più grande di me, un amico che reputo un fratello.
La semplicità non è sempre una cosa per i più giovani. Personalmente ho imparato ad essere più semplice proprio maturando. Ed è con la stessa maturità che ho letto questo libro, che l’ho apprezzato. Proprio perché spontaneo, diretto, privo di inutili fronzoli.
Lo raccomando ai giovani che vogliono un consiglio. Ai meno giovani che hanno bisogno di essere spronati ad andare avanti. E a tutte quelle persone che son le prime a spronare e a dare consigli, affinché vedano quanto sia importante darsi fiducia e prendere per mano anche se stessi per arrivare a dei risultati.
|0Commento|Segnala un abuso
il 25 marzo 2018
L'ho acquistato per curiosità, dopo aver letto alcune recensioni. Non conoscevo l'autore, la lettura mi ha suscitato simpatia nei sui confronti, visto comunque le pagine scorrono veloci.
Se non si è interessati alla storia personale, non offre particolari spunti se non ad un pubblico giovanile.
9 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 26 maggio 2018
Lettone riletto più volte. È come trovarsi al bar con un amico e raccontargli le proprie paure e sensazioni, ci si sente subito liberi di esprimersi e vagare con la mente sulle proprie emozioni. Nota di merito la play list su Spotify che rende la lettura ancora più gradevole. L'ho amato dalla prima all'ultima pagina
Una persona l'ha trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 19 marzo 2018
... mi è piaciuto lo stile semplice e diretto.
Va dritto al sodo senza perdersi in fronzoli inutili.
Bastano poche ore per concluderlo.
2 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
I PRIMI 500 RECENSORIil 9 aprile 2018
Premetto che lo ha letto anche mia madre e siamo d'accordo su quello che sto per dire.
Per quasi la metà del libro se non di più, quasi tutto il libro a seconda di mia madre, ci siamo chiesti "OK, ma quando arriva al punto", si c'erano riferimenti molto piccoli al mondo di youtube, battutine che ti strappavano un sorriso spesso, ma io sinceramente non ho capito molte cose. Capisco che per Nicola sono esperienze di vita uniche, e quindi lui leggendolo capisce cosa voglia dire, cosa sia successo, ma io no. Ho 22 anni e ho letto altre recensioni che dicevano "per persone giovani o senza esperienze di vita". Non penso di averne fatte molte ne di essere "adulto". Comunque arrivo alla fine.Il libro l'ho letto, me lo tengo, lo passerò a dei amici per leggerlo e sapere la loro opinione. Questa è la mia. Magari un giorno Nicola ne scriverà un'altro e crescendo di esperienza, lo apprezzerò di più.
9 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 19 marzo 2018
Scrivo questa recensione dopo aver letto attentamente questo libro.
Trovo che Nicola sia stato molto sincero con i lettori e aperto a 360°, ho apprezzato molto questo suo aspetto, purtroppo però il libro non mi ha convinto ne mi è piaciuto tanto, per via in primis delle innumerevoli ripetizioni, troppe volte vengono espressi gli stessi concetti, girandoci attorno, e questa cosa succede spessissimo il che alla lunga stufa.
Scrittura molto semplice ma probabilmente meglio così poichè il target a cui è rivolto questo libro sono sicuramente i giovani lettori e qualche appassionato alla sua persona/figura (rientro in questa categoria).
Consiglio questo libro a chiunque abbia un figlio adolescente, o qualche giovane ragazzo, che voglia avvicinarsi sia alla lettura e sia conoscere meglio Nicola, sicuramente sarà una lettura piacevole, merito del fatto che sicuramente sono fans dell'autore.
Sconsiglio questo libro a chi è già avvezzo nel mondo della lettura e magari non è neanche appassionato dei progetti dell'autore, poichè potrebbe facilmente annoiarsi.
Probabilmente il consiglio che invece mi sento di dare a Nicola, è di non voler per forza cercar la profondità in tutto e a tutti i costi, esser profondo a priori, per provare a suscitare qualche emozione, perchè talvolta, parole dette semplicemente, e senza particolari pretese, riescono a cambiare delle giornate.
In bocca al lupo
Stanislao
7 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 29 gennaio 2018
Il libro esteticamente è bel organizzato e i materiali con cui è fatto sono davvero buoni e si nota; Nonostante non abbia la copertina rigida è veramente resistente, sia in apparenza sia nella realtà vera e propria.

Ma purtroppo trovo che i concetti base nel contenuto non sia esposti nei migliori dei modi. Mi aspettavo qualcos'altro, magari qualcosa di più semplice come una versione cartacea a sole parole di un "draw my life" perchè sarebbe stato più semplice da realizzare ma invece è un'espressione, come dicevo prima, di concetti.
Ho iniziato a leggere questo libro con un alto pregiudizio positivo, con la certezza che non avrei mai rimpiato l'aver acquistato questo al posto di altro, ma ora sto pensando addirittura di venderlo.
Ho sentito spesso dire che questo libro è indirizzato abbastanza a un pubblico giovanile e che per questo i più grandi non dovevano giudicarlo troppo severamente, io ho 15 anni ma per me il libro, molto spesso, parla di cose ormai poco nuove... poi credo cambi da persona a persona.
Il punto che ho odiato di più è stato il capitolo "la tristezza", dove vengono messe in gioco parole come: "suicidio" e "depressione" in modo sbagliatissimo e deleterio, nella prima (pag.44) "Inizialmente ho scritto, frasi, poesie, roba che riletta a posteriori era da suicidio..."; "Suicidio" non è una parola da usare in modo così leggero, non è una parola da normativizzare. Comprendo che forse Rendez hai/ha pensato di usarla per dare peso e far comprendere ma questo non è il metodo giusto, per usare una parola simile bisognava di certo essere più precisi e disposti a parlare tanto nello specifico, difficile voler essere entrambi a livelli così alti, capisco che quello non era decisamente momento e che quasi nessuno vorebbe mettersi tanto a nudo, nemmeno io lo farei, ma se si vuole usare un termine così forte bisogna al contempo farsi forza e fare attenzione a come si usa. Non sto qui a dilungare, per l'altra vale praticamente lo stesso discorso.
Che sia un diverso valore che si da alle parole?
Io non credo, ma non importa.
Devo dire che al contempo mi sono piaciuti vari punti del libro come ad esempio questo concetto di scala di valori per le parole, anche se molto scontato, mi lascia apprezzare la persona in sè dietro al pensiero e al modo di gestire le relazioni perchè denota molto rispetto altrui.
Quindi il voto è un metà e metà.
Scusate, so che la punteggiatura non è delle migliori e lo stesso vale per la grammatica ma ho fatto del mio meglio.
review image
4 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 28 dicembre 2017
Be che dire un gran bel libro,pur non essendo uno scrittore provetto o io stesso un esperto di libri(ma di libri ne ho letti),sono fiero di Nicola e per come si è espresso durante la scrittura illustrando le tappe della sua vita,il voto della recensione non è stato influenzato dal seguente motivo io lo seguo su youtube,ma valuto il libro secondo il mio pensiero mi è piaciuto e ha rispettato l'aspettative,avendo letto precedentemente anche quello di mirko aka:cicciogamer89,essendo un genere simile con esperienze di vita e consigli,anche essendo due persone completamente differenti,infine ringrazio Nicola per la splendida lettura.
3 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso
il 17 dicembre 2017
Libro scritto veramente con il cuore. Tramite un linguaggio semplice e una miriade di figure retoriche, Nicola (l'autore) riesce a trattare argomenti complessi i quali amicizia, suicidio, amore, ecc. con molta fluidità e chiarezza. Consigliatissimo
4 persone l'hanno trovato utile
|0Commento|Segnala un abuso