Underground Scopri Toys Books Cloud Drive Photos PC Scopri Scopri Fire Shop Kindle Shop now DVD e Blu-ray Sport

Recensioni clienti

3,4 su 5 stelle
74
3,4 su 5 stelle
La tua valutazione(Cancella)Vota questo articolo


Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

il 2 dicembre 2014
Penso il meno riuscito del buon Faletti,che avevo molto apprezzato in altri romanzi,soprattutto in "niente di vero tranne gli occhi"."io uccido" e "appunti di un venditore di donne".In questo "tre atti e due tempi" manca completamente il phatos,l'azione e tutti gli altri ingredienti che avevano caratterizzato gli altri libri del compianto autore.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 2 febbraio 2012
libro banale, senza corpo...sicuramente attuale, ma andiamo...vi pare il caso di scrivere un libro sul calcio scommesse???? ridateci il faletti di Io Uccido!!!
0Commento| 9 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 30 dicembre 2012
Ho letto tutti i libri di Faletti, dico solo che sotto il suo nome c'è di meglio. Non mi sento comunque di bocciarlo;forse le aspettative erano alte conoscendo il suo stile e la sua impronta. Va bene leggerlo, se non ci si aspetta qualcosa come "Io uccido".
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 6 settembre 2014
il libro purtroppo è ritornato indietro poichè è stato consegnato in ritardo ossia è stato consegnato nel periodo di ferie ed in particolare, proprio nella settimana in cui il mio ufficio era chiuso.

aspetterò il rimborso ed eventualmente forse lo ordinerò di nuovo
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 4 giugno 2012
Un libro che lo leggi per capire a cosa l'autore voglia arrivare fino ad arrivare ad un punto che non vedi l'ora di finirlo....storia senza corpo, direi quasi surreale!
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 27 dicembre 2011
dopo aver letto tutti i lavori di faletti mi aspettavo qualcosa di più coinvolgente; ho gradito la storia, che non è poi così di fantasia viste le vicende emerse ultimamente nel mondo calcistico;
come in "appunti di un venditore di donne" faletti dimostra la sua bravura nel trasformare in romanzo situazioni, aspetti e difetti del nostro paese, facendo emergere situazioni possibili, e lasciando al lettore il compito di giudicare; le cose alla fine ottimisticamente si sistemano comunque sempre, e forse non è del tutto sbagliato lanciare anche un esegnale positivo, ci pensa già la realtà a renderci pessimisti;
rispetto ai lavori precedenti è più breve e meno articolato, quando si comincia ad entrare nell'argomento e ci si apetta qualche ulteriore intrigo il libro finisce; si legge comunque con piacere e i personaggi sono simpatici;
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 28 dicembre 2011
.. cosa c'è di speciale? E' il primo libro di Faletti che leggo e lo reputo un buon libro da leggere anche in un ora e mezza. Uno spaccato della società attuale fatto di corruzione, brutta gente e giri strani, ambientato nel calcio che mai come ora è d'attualità visto che quando raccontato nel libro non si discosta molto da quanto esce dai vari tribunali italiani in questi anni. L'inizio è un po lento, prende più corpo verso metà/fine libro, quando praticamente ti bastano poche pagine per finirlo, visto che è di sole 142pag ed è scritto neanche troppo piccolo.
Che dire, lo vedo più come il classico libro da spiaggia o comunque da poter leggere così su due piedi in qualsiasi momento. Da consigliare ma sicuramente non un libro che ti rimane impresso
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 16 novembre 2011
un libricino piccolo, 143 pagine lette in una serata, ma....a me e' piaciuto peccato che quando mi stavo appassionando e' finito! Comunque gradevole dalla prima all'ultima pagina con quella piccola città del nord dove e' ambientato il romanzo che potrebbe essere, come ha detto lui alla presentazione alla Libreria Feltrinelli, un po Asti, un po Vercelli ,un po Novara.
Il tutto si svolge in una sola giornata, e rispetto agli altri romanzi di Faletti, non ci sono morti ammazzati! (un morto c'e' ma e' morto di morte naturale).
Perche' si chiama cosi' il romanzo? I due tempi sono quelli della partita di calcio, i tre atti, prima della partita, nell'intervallo e dopo la partita.
Alla prossima fatica
0Commento| 12 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 31 dicembre 2011
E' da poco che ho iniziato a leggere con assiduità senza che nessuno me lo imponesse. e l'acquisto del kindle è stato determinante per questo.
Forse a causa della mia inesperienza non potrò esprimere un parere con molti termini di paragone. Ma a me questo libro è piaciuto. E pure molto. Tanto da tenermi sveglio una notte intera.
i temi sono diversi. Si va dalla vita monotona di un piccolo paesino, allo sporco e corrotto mondo non solo del calcio ma dello sport in generale, dal rapporto difficile padre-figlio, ai ricordi di una vita passata. Per me un ottimo libro. Da cinque stelle. Il motivo per cui ne ho date "solo" 4 è la mia poca esperienza passata di lettore. Ma essendo giovane mi riservo la possibilità di recuperare e, perchè no, un giorno cambiare la mia opinione su questo lavoro. Fatto sta che, dopo questo, è aumentata la mia curiosità verso i lavori di un autore che conoscevo solo per sentito dire...buona lettura a tutti.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 10 gennaio 2012
Libro che promette bene soprattutto all'inizio, che poi diventa un pochino banale verso la fine. Molto bello lo stile narrativo, interessante il vissuto del protagonista che a distanza di decenni da un'esperienza dura si ritrova a dover fare salti mortali per evitare al figlio la stessa sorte. Peccato per il finale che ho trovato un pochino surreale.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

7,99 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui