Scopri Toys Cloud Drive Photos Scopri Learn more CE Scopri Scopri Shop Kindle Shop now Scopri Scopri Sport



Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

Personalmente l'ho trovato un po' pesante, ma non è certo un libro banale.

Aspetti positivi:
+ un libro ostico ma allo stesso tempo si può leggere e che poi ti lascia qualcosa dentro
+ è un po' un precursore di molti libri sul tema esoterico e complottistico che poi sono andati di moda

Aspetti negativi:
- poco scorrevole e pesante nella lettura,
- nella narrazione utilizza spesso termini desueti,
- il formato Kindle non è perfetto e riporta alcuni errori.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 26 aprile 2017
Personalmente mi piace molto Eco, e questo romanzo non fa eccezione. Tuttavia nella mia personalissima classifica, "Il nome della rosa" resta superiore al "Pendolo di Focault"
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 22 marzo 2017
Umberto Eco ci trasporta un mondo parallelo, sotterraneo ed occulto, invitandoci a riflettere sul concetto di saggezza e ricerca della verità. Monumentale.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 24 maggio 2017
Ottima rilegatura. Il romanzo è a mio parere il più bello e significativo di Umberto Eco, scritto in modo straordinario. Consiglito ai lettori curiosi, per una lettura mai banale.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 19 marzo 2014
Uno dei libri più belli di Umberto Eco. Una scrittura che ti coinvolge interamente esplorando un universo quasi parallelo tra mito e leggenda. Per molti versi superiore anche a "Il Nome della Rosa" ma non di facile lettura.
0Commento| 5 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 18 giugno 2016
Uno dei libri più noiosi che abbia mai letto.
Più dell'ottanta per cento non è altro che una sequenza infinita di citazioni con l'obiettivo, almeno a mio modesto parere, di far vedere quanta cultura ha lo scrittore.
Nessuna gliela nega, ma la lettura è risultata pesantissima e di nessun interesse.
La trama del "giallo" risulta essere ben poco coinvolgente.
Dallo stesso autore de "Il nome della rosa" non me lo sarei aspettato.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 23 gennaio 2013
Premetto che il giudizio non è riferito al romanzo, ma esclusivamente alla sua versione ebook. Il libro di Eco è meraviglioso, merita sicuramente il punteggio massimo, ed è triste che ne sia stata fatta una versione digitale così grossolana.

Refusi ovunque, da una punteggiatura improbabile che con qualche sforzo si riesce a tollerare, a veri e propri errori (Salon che diventa Salone, scohparve, Pbilosophiae, là fede...). Il parossismo si raggiunge al capitolo 75 (Gli iniziati stanno al limite di tale via): l'elenco delle coincidenze cronologiche che Casaubon mostra a Belbo e Diotallevi è funestato da continue ripetizioni di interi paragrafi, come se venisse fuori da un copia-incolla molto trasandato.

Insomma, il tutto sembra il risultato di un'operazione affrettata di OCR (ma non esisterà un file? il romanzo è del 1988), corretta in modo approssimativo.
Un'occasione sprecata e un'umiliazione sia per il lettore sia per un'opera importante della narrativa contemporanea.
Se gli editori italiani non inizieranno a considerare con maggiore serietà l'editoria digitale, è molto improbabile che l'ebook riesca ad affermarsi veramente anche nel nostro Paese.
0Commento| 117 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 4 aprile 2016
Molto bello e intenso peccato perderlo lo consiglio vivamente a tutti un maestro da leggere e apprezzare a tutto tondo
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 16 settembre 2012
Lo avevo letto più volte in cartaceo, mi ha fatto piacere possederlo in digitale. Lo ritengo uno dei due ottimi romanzi di Eco, questo e Il nome della Rosa, lo raccomando a chi desidera un "bignami" della storia dell'esoterismo. Mi ha molto disturbato la quantità di refusi tipografici, uno insopportabile su di un elenco della storia della massoneria (voci che si ripetevano più volte). Possibile che le edizioni digitali siano abbiano una qualità così diversa da quella tradizionale? Non ho sempre voglia di attivare la connessione web e segnalare gli errori di stampa, penso che sia un lavoro che deve svolgere la casa editrice.
0Commento| 44 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 18 marzo 2015
Dopo aver letto ed apprezzato Il nome della rosa e Baudolino, dei romanzi molto belli, con personaggi memorabili e che cercano di far rivivere le atmosfere di quei tempi, ho iniziato la lettura del Pendolo. I personaggi non sono ben definiti, ne mirella descrizione fisica né in quella psicologica. I luoghi si rincorrono anch'essi molto nebulosi per nulla aggiungere alla storia. La trama infine si può riassumere nella ricerca del significato della vita . Più specificatamente sono pagine e pagine che sembrano un compendio di tutto quello che è stato scritto nei secoli sui templari, sulle varie logge e su teorie filosofiche di ogni genere. Inoltre è usata una terminologia per laureati in lettere o filosofia che costringe ogni volta ad aprire il vocabolario per poi scoprire che si poteva dire la stessa cosa in maniera più comprensibile. Come avrete capito per me è evitare.
0Commento| 5 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui