Scopri Toys Books AW17_IT_Sal_flyout Cloud Drive Photos Scopri Learn more CE Scopri Scopri Scopri Shop Kindle Shop now U2 U2 Sport



il 30 maggio 2012
Il primo libro della serie con protagonista l'eunuco Yashim chiamato a risolvere il mistero legato ad alcuni delitti. La storia, ambientata nella Istanbul del 1830, mescola bene "suspense" con una accurata ambientazione dell'epoca, con annotazioni storiche riferite alla corte ottomana e agli usi e costumi della città. Vi sembrerà di sentire gli odori ed ad assistere ai vari piatti preparati dal protagonista. Come si fa a non restare affascinati dalle descrizioni della vecchia Istanbul con le sue viste sul Bosforo? Un tuffo in una delle città di maggior fascino al mondo. Bello. Un libro che mi ha appassionato al punto di aver acquistato tutta la serie man mano che negli anni veniva pubblicata. Consigliato.
0Commento| 7 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
I PRIMI 1000 RECENSORIil 3 giugno 2013
E' una storia stupefacente, ambientata nel 1836 a Istanbul, città ponte tra l'Asia e l'Europa, in un periodo ricco di fermenti e in bilico tra tradizione e modernizzazione. L'eunuco Yashim, che grazie al suo status ha accesso a tutti i luoghi e grazie alla sua personalità è apprezzato e rispettato da tutti, deve riuscire a capire e a sventare un nodo intricato di complotti che potrebbero portare alla fine dell'Impero ottomano e alla distruzione di tutta la città.
Yashim è una persona ricca di risorse e molto arguta per la quale non si può far a meno di provare una grande simpatia; distaccato dalle ambizioni che lo circondano, curioso delle superstizioni e affascinato dai libri francesi, ama le donne nonostante la sua menomazione, frequenta gentiluomini, viene accolto negli ambienti dell'harem del sultano (è perfino amico e consigliere della simpaticissima madre di Mahmet), discute con i venditori del suck, organizza i soccorsi nei quartieri più popolari quando viene appiccato il fuoco, si confronta con il nuovo esercito regolare (la Nuova Guardia) sin dal momento in cui questo soppianta il corpo dei Giannizzeri.
Il romanzo è affascinante e pieno di ritmo, con capitoli brevi che si inanellano perfettamente trascinando il lettore in un labirinto pieno di nascondigli e di vedute ampie come il grande Bosforo, alla ricerca di sette religiose, sicari sordomuti, ambasciatrici bellissime, diplomatici indecifrabili.... Insomma, una lettura avvincente e insolita che ci fa assaggiare un mondo di conflitti e malinconie nel suo tentativo di transitare verso un futuro ancora confuso. Da assaporare senza correre, anche se la tendenza sarebbe di leggerlo tutto d'un fiato.
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 15 giugno 2013
Nonostante le descrizioni interessanti dei monumenti di Istanbul e le digressioni di una storia poco nota ad una lettrice "occidentale" ,la trama e`noiosissima ; lo stile ricorda le soap opera ed i capitoli si arrestano sempre sul piu` bello per riprendere il filo di un altro intreccio precedentemente sospeso.Nonostante questo escamotage non sono rimasta col fiato sospeso ma piuttosto infastidita dalla confusione della trama che mi ha disorientata per arrivare ad un gran finale che non sorprende .
Peccato!
0Commento| 6 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 5 settembre 2013
Il libro che racconta di una serie di omicidi nella Istanbul del 1836 e della ricerca dei colpevoli da parte di un eunuco di corte,Yashim, trova la sua parte accettabile nelle descrizioni del mondo dell'impero ottomano, della sua cultura, delle sue finezze ma anche della sua ingenuità, delle sue abitudini, della sua cucina, della sua gente e anche nella descrizioni dei luoghi della Istanbul della prima metà dell'ottocento. Ma detto ciò la parte "gialla" e/o la trama dei delitti è banale e per nulla interessante, con una così scontata presenza di buoni e cattivi che si intuisce quasi tutto nella prima metà del libro, se non nelle prime pagine....
0Commento| 6 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 3 gennaio 2015
Interessante la parte storica e la descrizione degli usi e costumi nella Istanbul dei primi dell'ottocento.
La trama dopo un inizio abbastanza stimolante, si trascina stancamente fino alla fine con dialoghi e descrizioni spesso insignificanti.
Sconsigliato per gli appassionati di gialli, utile per gli interessati alle vicende storiche
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 31 ottobre 2014
Un giallo vero che si svolge a Istambul molti anni fa con una atmosfera e profumi che fanno sognare, a me è piaciuto moltissimo.
Adesso avanti con gli altri due....
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 30 novembre 2015
Un testo senza dubbio interessante e da leggere…non solo per l'avvincente trama trattata, ma anche per le innumerevoli notizie storiche contenute
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 11 ottobre 2014
letto diverso tempo fa, se me lo ricordo ancora è che mi era piaciuto. Una vicenda tra reale e fanrastico, avvincente e ben scritta.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli


Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui