Scopri Books Cloud Drive Photos Scopri Scopri Scopri Fire Shop Kindle Shop now Scopri Sport

Recensioni clienti

4,2 su 5 stelle
390
4,2 su 5 stelle
La tua valutazione(Cancella)Vota questo articolo


Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

il 29 ottobre 2014
sulla mia copia gratuita vi sono moltissime pagine mancanti,fin dalla seconda pagina ne salta una ventina,e via di seguito ad ogni pagina.Praticamente impossibile da leggere.Ho cercato la copia da leggere online per Kindle ed è praticamente la stessa che ho scaricato
0Commento| 11 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 100 RECENSORIil 4 dicembre 2016
Ricchissimo, potente, invidiato, Jay Gatsby è il re senza corona di West Egg. Nella sua villa sfarzosa lungo l'Hudson, a Long Island, è lo sfuggente anfitrione di una corte fastosa e stravagante, che nutre di lussuosi ricevimenti. Ma non è felice: dal mistero del suo passato emerge a tratti il ricordo di un grande amore giovanile. Gatsby insegue disperatamente il sogno di ritrovare Daisy, di far rivivere il legame con la donna che lo ha respinto, povero e senza prospettive, per sposare il rampollo di una delle più grandi famiglie americane. Dovrà mettere in gioco tutto il peso del suo fascino e del suo potere, ma servirà solo a dare vita a una dolce follia destinata a finire in tragedia.
Una bella lettura che ci racconta del mito e delle contraddizioni del "sogno americano", un affresco di una generazione perduta. Tragico e bellissimo, un libro da leggere.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 28 giugno 2016
Sono passati anni dalla mia prima lettura di "Il grande Gatsby", poi, complice anche il recente e bellissimo film con Leonardo Di Caprio, ho deciso di riguardarlo, per rinfresare la memoria. L'impressione, fortunatamente, è rimasta la stessa: un classico è sempre un classico, in grado di vincere il trascorrere del tempo, e la moria che spesso il tempo fa delle cose, di resistere e continuare a dare un messaggio. Ecco, "Il grande Gatsby" ci riesce benissimo, è il simbolo di un'epoca, del periodo che rappresenta e che riesce a far rivivere anche cento anni dopo.
Rispetto ad altri classici americani, più avventurosi, ammetto che questo mi piace meno, troppo cittadino per i miei gusti, ma di certo ha quel che di fascinoso, quasi di malinconico, che mi porta sempre a provare empatia verso Gatsby. Il finale poi è sempre nostalgico, sia pur non strappalacrime.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 11 novembre 2016
Il grande Gatsby ovvero l'età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy... Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un'esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 novembre 2016
Se siete arrivati qui spinti dal film dico che è un peccato. Però in ogni caso meglio esserci che non esserci. Non lo considero il capolavoro di Fitzgerald ma di certo uno dei suoi migliori libri. Ambientato nella New York degli anni '20, così vicina e pure così lontana da ciò che è oggi la cittadina statunitense, il libro 1922. Racconta le vicende di Jay Gatsby, uomo ricco e potente, e del suo tragico tentativo di far rinascere il vecchio amore tra lui e Daisy, ragazza che lo aveva respinto anni prima viste le pessime condizioni economiche. Il ricchissimo Gatsby tenterà quindi di strappare Daisy in tutti i modi a suo marito.Il personaggio di Gatsby vive per il suo passato con la speranza di poterlo rivivere nel suo presente e di poterlo portare nel suo futuro.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 1000 RECENSORIil 2 novembre 2014
Ho deciso di leggerlo dopo averlo trovato più volte citato in altri romanzi. Il libro è abbastanza scorrevole, niente di che, ma è un classico della letteratura statunitense che narra del sogno americano vissuto attraverso un amore idealizzato da parte di un ambizioso giovane che farà ruotare i più begli anni della sua vita intorno alla conquista del successo e della ricchezza al fine di potersi riavvicinare all'amata, ormai sposa di un altro uomo benestante. Una storia che si svolge tra il cinismo, l'indifferenza, la superficialità, la codardia, l'arroganza, l'opportunismo, la confusione di tutti gli altri personaggi e che porterà ad un tragico epilogo l'investimento emotivo di lui, di cui Daisy non è degna. E' forse una delle rare storie in cui ad illudersi è l'uomo e la donna,di carattere frivolo e debole, è indirettamente causa della sua rovina. Se non volete leggere il libro, ma conoscere la storia, guardate il film con Leonardo Di Caprio. A parte i colori dei capelli dei protagonisti e le musiche dei party, è perfettamente fedele al libro.
0Commento| 6 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
“Il Grande Gatsby” un aspirante scrittore americano, sbarcato a New York un’ in cerca del suo personale Sogno Americano. Nick si ritrova vicino di casa di un misterioso milionario a cui piace organizzare feste, Jay Gatsby, e a sua cugina Daisy che vive sulla sponda opposta della baia con il suo amorevole nonché nobile marito, ed è a questo punto che Nick viene catapultato nell’accattivante mondo dei super-ricchi, nelle loro illusioni, amori e inganni. Amori impossibili, sogni incorruttibili e tragedie ad alto tasso di drammaticità.... Un pò uno specchio fedele dei nostri tempi moderni e delle nostre quotidiane battaglie.

170 pagine circa, da leggere tutte ad un fiato, consigliato più del film.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 100 RECENSORIil 12 gennaio 2017
Ammetto di essermi avvicinato a questo libro dopo la visione del film interpretato dal bravissimo Leonardo di Caprio. Cercavo una versione economica cartacea e invece ho trovato questa gratuita per il mio kindle. Direi che è un ottimo compromesso
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 21 maggio 2016
Un ebook che non può mancare nel Kindle degli appassionati di lettura.
Una storia accessibile per tutti che scorre facilmente e appassiona il lettore. Ogni capitolo è una scoperta che invoglia ad andare avanti e scoprire qualcosa di più di quest'uomo dall'enorme ricchezza ma dal grande vuoto interiore. Vuoto che può essere colmato in un unico modo, con l'Amore.

Un libro che merita di essere letto e considerando che viene fornito in versione completa in maniera del tutto gratuita, non ci sono scuse per non leggerlo.

NB: Ti è stata utile questa recensione? Ho cercato di scrivere una recensione onesta e veritiera su questo prodotto.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 50 RECENSORIil 7 febbraio 2015
Sui pregi e i difetti del Grande Gatsby sono state pubblicate recensioni di ogni genere, stroncature colossali e lodi esaltanti. Comunque la si pensi, vale la pena di leggere o rileggere questo romanzo: perché ha segnato un secolo di letteratura e intere generazioni di studenti, ma soprattutto perché è un bel libro, ricco di concetti attualissimi. Racconta la solitudine umana, la vacuità degli oggetti e la superficialità delle persone. E le illusioni, irrealizzabili ma necessarie, come quella luce verde che Jay Gatsby vede al di là della baia di West Egg.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso


Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui