Toys Books Cloud Drive Photos Scopri Learn more CE Scopri Scopri Shop Kindle Shop now Scopri Scopri Sport Scopri



Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

I PRIMI 100 RECENSORIil 6 dicembre 2016
Acquistato per pura curiosità. In effetti la "guida" puntualizza molto bene gli argomenti da mettere a fuoco come per esempio come stilare un "business plan" per il breve e lungo periodo oppure come stilare un "business plan" per il breve e lungo periodo od ancora come scrivere un titolo "ipnotico" e un sottotitolo efficace. Una guida comunque scritta con un linguaggio alla portata di tutti che restituisce al lettore una buona spinta motivazionale. Magari alcuni aspetti andrebbero aggiornati all'attuale situazione soci/politica ed economica.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 22 giugno 2017
Manuale veloce, agile, introduttivo, per scrivere e pubblicare ebook su Amazon. L'autore sostiene di vivere dei libri che scrive e pubblica e probabilmente è possibile. Il manuale contiene una parte tecnica, sui passaggi da fare per la pubblicazione su Amazon e una parte più motivazionale, incentrata sull'opportunità di diventare uno scrittore indipendente. Avrei apprezzato una economia diversa del libro, con maggior focus sulla parte tecnica, magari con qualche esempio passo passo per esser guidati nella pubblicazione. Ad esempio non è stato toccato l'argomento correzione bozze, impaginazione etc, cose comunque importanti.
Nel complesso più che discreto, comunque, anche in relazione al rapporto qualità prezzo.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 3 gennaio 2017
Banale e di scarsa utilità: considerando il genere di consigli e raccomandazioni contenuti in questo stringato compendio di luoghi comuni, il titolo potrebbe arbitrariamente diventare, peraltro con poche e sapientemente dosate variazioni sul tema, "Come diventare un calciatore famoso" piuttosto che "Come guadagnare un milione di euro". Sopravvalutato, su tutti i fronti.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 28 maggio 2017
Ho già letto un libro simile ,dove c'erano delle guide su come trovare il nome per il proprio libro e cose del genere . Questo è un libro molto simile al libro che lessi ,perché ci sono delle guide molto dettagliate ,dove comprendi pienamente come ci si dovrebbe comportare . Penso sia davvero un ottimo libro che consiglio vivamente
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 2 gennaio 2017
Una inutile raccolta di consigli, trascurata nella forma e nel contenuto, che vorrebbe insegnare come far soldi trasformando carta straccia in millantati libri.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 agosto 2016
Ho letto recensioni entusiastiche, altre che stroncano per via del linguaggio PNL (o presunto tale) e sulla spinta massiccia verso il marketing. Okay, dirò la mia che bazzico nel mondo dell'editoria come autore, curatore e direttore di collana da anni, ormai. Se uno vuole solo scrivere bene, belle storie e basta, okay, questo libro qui non serve. Ma siccome l'editoria è mercato, siccome le stesse big non pensano al contenuto ma alla vendibilità (e sfido chiunque a parlare seriamente - e senza falsi moralismi come si leggono nei blog - a parlare con editor di case di successo su quale sia la spinta vera alla pubblicazione di un libro e poi vediamo se il discorso non vira subito verso la vendibilità, la fama, il bacino di lettori e altre cose che con la storia e lo stile non hanno niente a che vedere), siccome, come raccontano i grandi editori (vedi Mauri-Spagnol, quelli del gruppone che ha Longanesi, per esempio) i libri che si comprano a Francoforte (che per chi non lo sapesse è il mercato dei diritti d'autore) non si leggono neppure ma una volta comprati con aste segrete giocate nelle stanze d'albergo quei libri lì li devono vendere, siccome tutto è business, tutto è commercio e trend (ahimè) e persino i "fantastici" premi strafamosi tipo Strega e via dicendo sono buffonate (e lo so perché ho collaborato con editori che hanno avuto libri allo Strega e so come funziona), è ovvio, no, di più, è imprescindibile che uno scrittore che ha la sfortuna di essere nessuno e soprattutto di essere italiano (perché lo straniero intriga e la fama porta bacino di lettori) debba imparare tecniche ninja per far sì che il proprio romanzo non venga fagocitato nella voragine della massa indistinta di roba che le leggerà nessuno. Ben venga, dunque, un manuale così, dove un esperto del settore ti spiega i trucchi e le tecniche per fare roba professionale a basso costo sfruttando e non subendo il mercato globale, ben venga uno che ti dice come spennellare di melassa il tuo testo affinché la gente (e i motori Amazon) lo considerino, ben venga! Che tanto sono le stesse identiche cose che fanno le big. Avete mai considerato i titoli dei libri di successo? Ecco, considerateli, poi ditemi se non sono strategie di mercato. Il mondo è così, chi non si adatta, muore. Oppure fa lo scrittore solitario e sconosciuto, ma per farlo si deve avere una rendita catastale tipo nobile del Settecento, che a me andrebbe anche bene. :-D
review image
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 7 dicembre 2015
Purtroppo non mi ha convinto, troppo prolisso su questioni per lo più inutili, non rispecchia quanto anticipato dal titolo. Metto due stelle e non una perché: 1) per chi ha problemi di autostima, questo libro vi dà la carica con le tremila frasi "puoi farcela!" 2) è scritto in un italiano piuttosto corretto.
Non ci sono consigli realmente utili e pratici, sono d'accordo su una cosa: aiutarsi a vicenda, ma non ho gradito il finale sullo scambio di recensioni a 5 stelle... anche se ci si commenta tra autori bisogna essere sinceri e leali con i lettori, bisogna dire loro ciò che realmente si pensa di quel libro e non dare un voto alto a priori, per sostenersi a vicenda. Inoltre, non credo proprio che l'autore riesca a mantenersi facendo lo scrittore come sostiene! Di certo non con questo libro. Ma grazie per l'incoraggiamento... Ah, ho anche Resurrezione, prossimamente lo leggerò, do sempre una seconda chance agli autori, anche se il loro primo libro non mi è piaciuto.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 7 aprile 2017
Il libro presenta alcune informazioni interessanti, peccato che queste siano alternate a dei pipponi motivazionali e formulazioni di marketing di cui non sento il bisogno.
A questo punto, visto che nel libro si cita la legge di pareto, meglio fare un manuale con poche pagine, dove si esplicitano i concetti veramente utili.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 17 febbraio 2016
Obiettivamente furbacchione, questo testo finto manuale del Tamanini. Spiego subito perchè: buona scrittura per carità, alla base, si vede, solide conoscenze del campo. Tamanini sa quel che dice e sa scriverlo anche bene. Il problema è l'approccio imbonitore che viene utilizzato, al limite della Programmazione Neuro Linguistica, al limite del "santonismo" laico americano che pretende di fornire una ricetta per tutto: fa che il tuo pesce rosso sia il tuo migliore amico, salva tuo fratello dalla tossicodipendenza in dodici semplici mosse, resisti alla guerra nucleare, diventa uno scrittore indie.
Non sono i codici SEO che uno scrittore Indie dovrebbe padroneggiare, ma una forma reale e corretta di rispetto verso i lettori, oltre che una buona e solida capacità di scrittura. Uno scrittore dovrebbe scrivere, non dedicare il proprio tempo ad indagini di mercato e social media marketing. Almeno... prima scriva una buona storia e si faccia conoscere per quello! Non è imbonendo il lettore, con trucchi che ormai in tanti hanno conosciuto e compreso, che diventeremo grandi scrittori. Se il libro si fosse chiamato: "Tutto quel che c'è da sapere per assicurarti un pacco di lettori su amazon" le stelle sarebbero state 5.
Piccolo suggerimento all'autore e consiglio per tutti: una sinossi di 500 parole, riempita e rimpinzata di parole che si ripetono, plurali e singolari, si rincorrono, è la testimonianza che dietro quel libro c'è qualcuno che pensa di accalappiare, attraverso i motori di ricerca, quanta più gente possibile. Pensare al libro come ad un amo, vedere che l'autore ne utilizza così la sinossi, mi fa sempre dubitare della sua onestà!
0Commento| 5 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 9 dicembre 2016
Completamente in linea con la sagace recensione di Domenico Mortellaro. L'unica cosa fondamentale è avere qualcosa da dire, estrapolarne l'anima e possedere, al contempo, i mezzi per farlo. Aver studiato, amare la scrittura, aver letto. Invece in questo "vuoto" testo, si vuol far credere che chiunque possa diventare uno scrittore di successo. I desolanti risultati di pseudo lavaggi del cervello come questo, sono facilmente visibili "gironzolando" tra gli Ebook. "Autori" che hanno scritto una decina di libri ( di cui il più vecchio risale magari a dieci anni fa), che non hanno neppure una misera recensione foss'anche con una stella. Il lettore deve essere rispettato. Il "gioco" sporco come lo scambiarsi vicendevolmente recensioni a 5 stelle non solo è di una desolante pochezza, ma non genera l'effetto boomerang desiderato. Perché le persone sono meno sprovvedute di quello che si crede. Prima di spendere i loro soldini, si fanno guidare anche dall'istinto, che nel frattempo hanno sviluppato per districarsi nella oscura selva del mondo Ebook. E i lettori hanno sviluppato anche l'olfatto. Per sentire (anche all'interno di un lettore di libri elettronici), l'odore del pesce.
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso