Scopri Scopri AW17_IT_Sal_flyout Cloud Drive Photos Learn more En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri



il 21 novembre 2017
Il libro ve lo consiglio. L'unico appunto durante la lettura ho dovuto fare più volte mente locale per ricordami che la storia è ambientata in un paesino delle Alpi ma l'autore ha aggiunto diversi elementi che non esistono proprio sulle Alpi ma è tutto tipicamente Stati Uniti, qualche esempio:
Il solito Motel sulla statale.
La solita tavola calda sull'orlo del fallimento, con titolare lercio e cameriera di età indefinita con un'improbabile tinta capelli, quest'ultima è costretta a lavorare in quanto di sicuro ha in casa il solito marito alcolizzato, e perditempo. Il ristorante ha la classica fumosa sala da biliardo, ed è frequentato principalmente da feccia umana (camionisti), qui l'autore ha dimenticato di aggiungere la solita banda di motociclisti suprematisti bianchi.
Il personaggio principale anche se non viene detto apertamente, è il solito agente federale rigorosamente vestito in giacca e cravatta, addirittura in un paragrafo ci viene detto che si è vestito a "Principe di Galles". Agente che è venuto a rompere le balle alla locale stazione dello sceriffo, e nessuno può rispondere e tutti debbono obbedire in quanto è un'agente governativo. Ovviamente gli agenti locali vengono descritti in sovrappeso e forti mangiatori di donuts (ciambelle), e non solo dilettanti e impreparati nel loro lavoro.
Il procuratore distrettuale ovviamente... donna tacco 12, cattiva sempre in tailleur vera divisa della donna autoritaria, che tiene testa a ogni uomo.
Poi c'è la giornalista d'assalto pure lei tacco-munita, ovviamente con troupe televisiva a seguito. I tecnici TV possiedono pure l'elicottero.
La chiesa locale detta confraternita anch'essa è tipicamente Americana, una chiesa protestante puritana all'estremo, direi quasi una setta.
Insomma l'autore poteva benissimo ambientarla in qualche monte degli Stati Uniti.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 12 maggio 2017
Carrisi si conferma un ottimo scrittore con il suo stile fluido è mai ridondante. La storia è tutta ambientata in un paesino delle Alpi, Avechot. La trama è concentrata sul rapporto tra il protagonista Vogel e i mass media che hanno la capacità di santificare o crocifiggere una persona perché si sa .... la gente non vuole la verità ma solo un colpevole. Ciò non togliere un finale a sorpresa per me ben riuscito.
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 8 giugno 2016
Devo assegnargli cinque stelle o solo una ? Sembra una domanda assurda, eppure è proprio quella che mi sto ponendo in questo momento, in cui ho appena terminato di leggere il romanzo, che mi ha avvinto e tenuto legato al mio Kindle, per tre giorni. Conosco Carrisi, è il suo quarto romanzo che leggo, e quindi mai so i suoi pregi e i suoi difetti. La storia è però diversa dalle altre, decisamente meno violenta e angosciante, ma con un'atmosfera claustrofobica e a tratti lugubre che ti entra dentro. Parteggi per alcuni personaggi, ne odi altri. Il protagonista, Vogel, è di una insopportabilità geniale, a suo modo, un vero mostro. L'altro protagonista, il professore, a tratti diventa irritante, per il suo buonismo francescano.Sua moglie è di uno squallore assoluto. Ma Carrisi è Carrisi, e chi ha letto anche soli "Il suggeritore", sa che di lui non bisogna mai fidarsi e che ama barare. Ho provato ad andare a rivedermi i passi del romanzo che mi sembravano più a rischio e "incriminanti"e ho notato che la vera furberia dell'autore è l'omissione.E qui sta il punto ! In questo romanzo, si è forse spinto troppo oltre, forse credendo di essere la grande Agatha Christie, ma lei poteva permettersi di scrivere "Dalle nove alle dieci", il buon Carrisi, no ! Dei due "colpi di scena" di cui parla il giornalista della recensione, il primo è veramente eccezionale, specialmente nella rivelazione della costruzione e del movente (dimenticando, per un momento, i dubbi di prima...), ma il secondo è veramente banale : sfido chiunque abbia letto due o tre gialli a non aver capito tutto a due terzi del romanzo.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 27 novembre 2017
Primo libro che leggo di questo autore
Stile di scrittura buono
La lettura è piacevole ed abbastanza avvincente fino a quando la storia evolve in un finale ( o due?) inverosimile e posticcio che sembra proprio messo lì fuori contesto giusto per stupire
Piuttosto fastidioso anche il richiamo a fatti di cronaca più o meno recenti
Personaggi tutti un po’ sopra le righe
Riflessioni sulla invadenza dei media e sulla loro manipolazione dell opinione pubblica poco originali
Non so se leggerò altri libri di questo autore
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 29 novembre 2017
Ho comprato questo libro di Carrisi incuriosito dalla pubblicità fatta al film ,che comunque non ho ancora visto, ed è stata una sorpresa. E' un giallo scritto benissimo! Molto accurato , originale nell'ambientazione e nella descrizione della psicologia di tutti i personaggi. Come ogni buon thriller che si rispetti tiene incollato il lettore fino alla fine con più di un colpo di scena. Un libro che compete benissimo con altro libri scritti da autori stranieri sopratutto americani. Consiglio assolutamente agli amanti del genere e non solo.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 28 dicembre 2017
Indeciso tra 2 e 3 stelle. Sarebbero 3 per un romanzo di esordio di un giovane scrittore, 2 per un romanzo che, come ho letto in qualche altra recensione, non pare nemmeno di Carrisi. Ho letto molti dei suoi libri e questo non ha ne l'originalità della trama ne il ritmo letterario dei precedenti (con Il Suggeritore al top). Attinge a mani basse a casi realmente accaduti e ho intuito chi fosse il colpevole già nella prima parte del libro, tra l'altro abbastanza sotto tono. Poi il ritmo aumenta e la lettura si fa abbastanza piacevole fino al finale frettoloso e decisamente deludente. Non apprezzo, poi, che in un triller, l'autore dia voce a pensieri e a sentimenti del "colpevole" in contraddizione con i fatti, che verranno snocciolati tutte insieme solo alla fine,al solo scopo di sviare il lettore.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 25 giugno 2017
Romanzo eccellente con finale più che inatteso prosa scorrevole e personaggi studiati ad hoc dove tutto fila perfettamente secondo le varie distorsioni mentali che Carrisi sa mettere in scena, consigliato senza dubbio ai lettori abituali, unica pecca una certa lentezza nello svolgersi della narrazione con un precipitarsi della vicenda negli ultimi due capitoli!
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 11 dicembre 2017
Un thriller "psichiatrico", un agente speciale che fa il giustiziere e che ama farsi vedere in televisione, disposto a creare prove pur di arrestare un mostro e prendersi il merito e per di più arriva a fare il giustiziere quando il "mostro" lo mette nel sacco e lo deride di fronte ai superiori e, l'opinione pubblica. .Il finale è del tutto inaspettato, anche se al lettore può venire il sospetto di aver capito, un libro molto avvincente che mette in analisi i comportamenti umani e fa capire come a volte dietro a persone insospettabili possa nascondersi un "serial killer", l'autore invita i genitori ad insegnare ai propri figli a fare attenzione a chi si incontra per strada e a non fidarsi, allo stesso tempo fa capire che certi atteggiamenti dei genitori non sempre aiutano i ragazzi ad aprirsi e confidarsi. Un libro che è anche un analisi del mondo della stampa , di chi è preposto ad amministrare la legge e di chi in nome della legge abusa del suo potere per ergersi a giustiziere.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 12 ottobre 2017
Lo stile di Carrisi è indubbiamente di qualità, come la costruzione delle scene e la scelta delle parole, ma la trama è inutilmente lenta, troppi riferimenti, nemmeno troppo velati, ad alcuni casi italiani di grande risonanza mediatica. Un libro che si muove tra accuse ai media e vanità dei vari personaggi su cui si poggia lo sguardo mediatico. Francamente un libro di cui si può fare a meno.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 6 marzo 2016
Apprezzo molto i romanzi di Carrisi e a mio avviso questo è il più particolare, nuovo e inusuale.
Già dalle prime pagine l'atmosfera di Avechot ti entra nelle ossa e non ti abbandona più. E mano a mano che ti inoltri nella vicenda non riesci a staccartene in un crescendo sommesso ma inesorabile.
Personalmente ho amato poco il finale, che ho trovato leggermente forzato rispetto al resto del romanzo, ma La ragazza nella nebbia resta comunque un piccolo grande capolavoro.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso


Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui