Scopri Scopri MSS_flyout Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport GoW



il 26 settembre 2016
Eccolo qui il tanto atteso seguito de "Il profumo delle foglie di limone"... e devo dire che le aspettative non sono state deluse! Anche se, giusto per essere pignoli, il finale mi è sembrato un po' troppo frettoloso è, per certi versi, "illogico": un esempio su tutti il ritrovamento del bambino rapito avvenuto per puro caso.
Comunque, è stato davvero piacevole ritrovare gli stessi personaggi del primo libro (specialmente l'arzillo vecchietto Juliàn, il mio preferito), qui affiancati da nuovi "attori", splendidamente inseriti nel contesto della storia. Forse, ma è un mio "azzardo" personale, la figura di James avrebbe meritato maggior risalto e non limitarsi a farne la semplice "comparsa" (o, come si dice in campo cinematografico, un "attore non protagonista").
Il primo libro si era chiuso con il vecchio Juliàn che salva la giovane (e in dolce attesa) Sandra, presa di mira da un gruppo di nostalgici nazisti rifugiatisi in Spagna alla fine della Seconda guerra mondiale. Questo nuovo capitolo riparte a distanza di tre-quattro anni da quei traumatici fatti: Sandra ha partorito il bambino (a cui ha dato il nome del suo salvatore) ed ha una vita felice... ma il passato torna prepotentemente nella sua vita quando trova un foglietto su cui è scritto "Dov'è Juliàn?". La giovane madre, perciò, è costretta a ritornare negli stessi posti della volta precedente per affrontare, una volta per tutte, l'orrore nazista. Ma non ha fatto i conti con le giovani leve della Confraternita nazista che, pur di fermarla, non esiteranno a rapire il suo bambino. E a chi toccherà, ancora una volta, togliere le castagne dal fuoco? Ovviamente al vecchio Juliàn... e questa volta, per salvare il bambino e per smantellare l'organizzazione neonazista, sarà costretto ad uscire allo scoperto.
Clara Sanchez, per questo nuovo romanzo, ha usato (ed ha fatto bene) lo stesso "stratagemma" usato già con il primo: ha fatto parlare in prima persona, alternandoli, i due protagonisti del libro (Sandra e Juliàn), quasi come se fossero impegnati in una sorta di stesura di un loro diario. La trama, nella prima parte, scorre piacevolmente lenta (o quasi)... ma questa "flemma" serve ad aprire la strada alla seconda ed ultima parte quando c'è da entrare in azione e a non andare per sottile... con i buoni che saranno costretti a scendere sullo stesso livello dei neonazisti, e soprattutto con l'ottantenne Juliàn, che farà emergere il suo lato "da duro".
Libro consigliatissimo a chi, come il sottoscritto, ha amato "Il profumo delle foglie di limone" (e chi non lo ha letto ne approfitti ora), e a chi piace l'azione ma senza i tanti, ed a volte inutili, spargimenti di sangue.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 4 maggio 2017
Un tema importante della storia contemporanea trattato con ingegno e creatività. Il fascismo ed il nazismo sono citati e fanno da scenario mentale per molti protagonisti, per essere il file rouge del racconto. Rapimenti, amore sopiti ed indimenticati prendono vita dalla penna minuziosa e poetica dell'autrice che continua a stupirmi ed appassionarmi. Le trame dei suoi libri sono sempre una dolce sorpresa e per quanto si legga la quarta di copertina o altre recensioni, non si è mai veramente pronti al nuovo viaggio.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 29 marzo 2017
Un buon romanzo che al di là della storia narrata fa riflettere su temi reali come il nazismo e il concetto del male.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 15 ottobre 2016
Dopo aver letto il primo capolavoro di Clara Sanchez aspettavo con grandi aspettative di leggere il seguito dire che sono rimasta delusa e' dire poco
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 19 aprile 2018
Avevo letto il primo capitolo della storia di Sandra e Julian e mi era piaciuto discretamente. Non posso dire altrettanto di questo seguito, che mi ha deluso enormemente. Credo che "Il profumo delle foglie di limone" non avesse bisogno di un seguito e, dunque, credo che questo romanzetto sia tutt'altro che imperdibile.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 9 ottobre 2016
Io non ho mai o ancora ricevuto NIENTE in merito. Non posso tracciare la spedizione...non posso annullarka...non posso fare niente!! Come è possibile ciò?
22 commenti|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 8 dicembre 2016
Seguito de "Il profumo delle foglie di limone", riprende la linea del racconto a due voci così cara alla Sanchez. Il tema è quello del thriller sui nazisti rifugiati all'estero ormai pluriottantenni e della loro ricerca ostinata da parte di un ex prigioniero in campo di concentramento, anche lui ormai anziano. Il libro tiene col fiato sospeso fino alla fine, come il precedente, anche se perde in novità e freschezza rispetto al primo. Comunque una avvincente lettura, in cui i personaggi si sccprono via via attraverso le descrizioni a due voci.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 5 marzo 2017
Molto inferiore alle aspettative e rispetto al romanzo d'esprdio, caro come rapporto qualità/prezzo e pompato dall'editore. In realtà la scrittura è affettata e stucchevole e le vicende sono raccontate in maniera poco realistica e alcune situazioni sono molto irreali e stirate. La conclusione era intuibile da un bel pezzo e non lascia interrogativi, che in un ottica di assoluto buonismo dovesse andare a finire così era quasi scontato. Lasci spazio ad un proseguo che mi guarderò bene da scquistare.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 3 agosto 2017
Di solito resto sempre delusa dal seguito dei libri. Non è questo il caso.
Storia coinvolgente. Il finale, forse, si esaurisce in poche pagine, ma per il resto la trama è ben scritta e mantiene vivo l'interesse da parte del lettore. Letteralmente divorato in tre giorni.
Quanto alla consegna, il prodotto è arrivato nei tempi previsti. Lo consiglio.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 12 maggio 2017
Ero molto curiosa di leggere il seguito del "Profumo delle foglie di limone",primo romanzo della Sanchez e anche primo suo libro che lessi.Ma sono rimasta,ahimè ,delusa.L'ho trovato ben lontano dal romanzo precedente,un po'vuoto e privo di carattere:sembra non succedere nulla e alcune situazioni descritte sembrano collegate o risolte in modo un po'stiracchiato ed approssimativo .Nei libri dell'autrice é spesso protagonista il tempo che passa,il cambiamento e la ricerca di se stessi..Sandra eeffettivamente cambiata,ma direi in peggio: a tratti antipatica e quasi non curante delle proprie responsabilità di madre e un po'egoista.
Peccato perché mi piace lo stile dell'autrice che sa scrivere bene con poco,ma questa volta,per me,ha toppato.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

Quelle belle ragazze
6,99 €
Bravo, ragazzo
4,99 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui