Scopri Books Cloud Drive Photos Scopri Learn more CE Scopri Fire Shop Kindle Shop now Scopri Sport

Recensioni clienti

4,8 su 5 stelle
153
4,8 su 5 stelle
La tua valutazione(Cancella)Vota questo articolo


Al momento, si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni. Riprova più tardi.

il 17 marzo 2017
Non avevo bisogno di un libro che mi convincesse ad amare il greco perché già lo amavo di mio ma, come Andrea Marcolongo ha sentito il bisogno ed il desiderio di scriverlo, così io ho sentito il bisogno e provato il desiderio che venisse scritto: un libro che desse l'opportunità a tutti, o almeno a chi fosse abbastanza curioso per leggerlo, di capire cosa ci fosse di magico dietro una lingua ormai morta come il greco antico. Mi ha emozionato, lo ammetto, rileggere parole come il duale, l'aoristo, l'ottativo ed attraversare i concetti che questi termini evocano, un modo tutto particolare di vedere e rappresentare le cose umane. Una filosofia di vita racchiusa in una grammatica mai scritta. Mi ha anche confortato leggere che quella sensazione di appartenere ad una ristretta cerchia di eletti, quelli che hanno studiato il greco, sia condivisa dall'autrice che ci definisce come persone "speciali", in grado di avere un approccio diverso alle cose della vita. La decima ragione per amare il greco di cui parlo nel titolo: per il solo fatto di essere esistito il greco ci ha offerto la possibilità che venisse scritto un libro come questo.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 20 marzo 2017
La lingua e la cultura greca hanno sempre esercitato un grande fascino su di me che, nonostante abbia "fatto il classico" non ero esattamente la prima della classe in materia, anzi.
Ho sempre avuto il sospetto che gli stessi professori "eruditi" che snocciolavano paradigmi e declamavano traduzioni non me l'avessero raccontata tutta la storia autentica di questa lingua e della cultura che veicolava.
Grazie a questo libro so che non sbagliavo.
Credo che l'autrice sia riuscita a cogliere un aspetto cruciale che può poi essere declinato (per restare in tema) per tutte le lingue del mondo e cioè il fatto che una lingua racconti un certo modo di vedere la realtà.
Trovo bellissimo che il greco antico ci parli ancora oggi di una cultura articolata, ma libera, misteriosa, ma lineare, conturbante, ma sincera.

Bello, lo consiglio!
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 18 aprile 2017
È un libro scritto da una persona profondamente innamorata della lingua e della cultura greca antica che, con dolcezza e competenza illustra un mondo assolutamente affascinante, a noi tutti vicino perché padre del nostro pensiero occidentale.
Apre squarci su aspetti della lingua, soprattutto del verbo, non sempre indagati a scuola e, soprattutto per chi non è più giovane, fa riemergere ricordi che sembravano dimenticati.
Certamente la lettura è più agevole per chi ha frequentato il liceo classico, ma se un inesperto volesse per caso accostarsi a quel mondo, scoprirebbe qualcosa di veramente emozionante.
Da leggere di sicuro, con amore.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 7 marzo 2017
Geniale è non solo la lingua greca ma l'idea della Marcolongo di scriverci su un libro. Non so quanto sia apprezzabile da chi il greco non l'ha mai studiato ma chi, invece, ha ricordi liceali sicuramente ritrova atmosfere di gioventù. E anche nozioni magari finite in un angolo del cervello. A me è piaciuto anche se ,devo dire, il libro è vagamente "ruffiano" e l'autrice spesso si compiace di se stessa e della propria " stranezza", si compiace cioè di essere una giovane e amante del greco. Le competenze linguistiche ci sono e sicuramente c'è amore per questa magnifica lingua.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 18 aprile 2017
Ho letto questo libro è l'ho trovato interessantissimo anche perché non so niente sulla lingua greca. Trasuda di passione e amore per questa lingua, le sue origini e la sua cultura e lo fa in modo personalissimo. Per l'autrice il greco è veramente entrato nella sua pelle. Ma la ragione per cui voglio scrivere una recensione positiva è dovuta soprattutto alla crudele stroncatura di quel drago di Michela Murgia nel programma 'Quante storie' di Corrado Augias. Ho trovato la sua critica pesante e sarcastica. Secondo me non ha capito per nulla l'essenza e la ragione di questo libro. Andavelo a vedere, lo potete trovare su Raireplay. Mi ha fatto veramente arrabbiare xché non sapendo cosa dire (forse xché non l'ha letto per intero) ha cominciato ad attaccare personalmente l'autrice. Un colpo basso!
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 22 aprile 2017
Brava Andrea, sei riuscita nella difficile missione di farmi riprendere in mano i libri di greco del liceo (dopo 35 anni)!
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 7 aprile 2017
Sono bastate appena poche parole di questo testo per trovarmi di nuovo sui banchi del liceo ad armeggiare col dizionario Rocci ed una moltitudine di manuali di grammatica greca. Questo libro ha avuto la forza di catapultarmi in un passato che ricordo con grande nostalgia. È un'opera geniale che riuscirá a far amare la lingua dell'epica di Omero anche a chi, come me, non ne aveva mai realmente compreso la traboccante bellezza. Complimenti all'autrice.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 21 marzo 2017
Bel libro per gli amanti delle lingue, soprattutto quelle antiche. Ero titubante se acquistarlo o meno, ma alla fine sono rimasto dell'acquisto.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 30 aprile 2017
L'ho regalato a mia figlia, che fa il classico che lo ha bocciato (oltre a dirmi che non è riuscita a finirlo). Lo ha prestato alla sua prof di greco, che lo ha bocciato. Io non ho avuto l'ardire di leggerlo.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 marzo 2017
Il libro e' perfetto. Integro in ogni sua parte. L'ho comprato per le mie bambine che sono rimaste molto soddisfatte.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso