Scopri Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport GoW



il 11 gennaio 2018
Ho dato tre stelle solamente per la prima parte, mentre invece per la seconda parte due sarebbero state anche troppe.
Se togliessimo tutte le minuziose descrizioni di case, appartamenti, mobili, strade, vie, etc. il romanzo avrebbe avuto si e no la metà delle pagine.
Troppa prolissità lo rende pesante, noioso e difficile da finire. Una fine caotica e poco credibile.
Non credo acquisterò più romanzi di Weaver. Ne ho già letti tanti ma constato che, alla fine, mi deludono.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 23 marzo 2017
Dipende dai gusti, se vi piace il thriller ve lo consiglio! Come i precedenti inchioda alla lettura, impossibile fermarsi, e alla fine c'è sempre il colpo di scena.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 14 gennaio 2018
Merita di essere letto veramente bello ed intrigante, buona lettura a chi predilige i thriller che ti lasciano col fiato sospeso.....
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 14 gennaio 2018
il download del libro è arrivato dopo 3 minuti dal pagamento. Velocissimo!!!...Consiglio vivamente ebook comodo e immediato. Le istruzioni sono molto semplici da seguire .
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 27 dicembre 2016
Finalmente sono arrivata alla fine. Ho gia letto libri di Weaver con David Raker come protagonista e non mi erano dispiaciuti anche se un troppo descrittivi , ma questo li supera tutti. Intanto vorrei sottolineare la fantasia " a volte infantile" dell'autore , che qui ha usato tutto ciò che gli è passato nella mente. Poi troppe imprecisioni, poi il finale" che non finisce mai" assolutamente non credibile, poi l'amico ex poliziotto che rasenta il patetico. Come si sarà capito per me arrivare alla fine é stata un 'impresa.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 8 novembre 2017
Anche se il libro di per sé è lungo, sono arrivata alla fine soddisfatta, perché ho trovato la versione Audible molto coinvolgente. Complimenti alla voce narrante, mi ha fatto entrare a piè pari nella storia. Lo consiglio e non vedo l'ora di ascoltarne altri!
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 14 gennaio 2017
Ho già recensito questo autore quando ho letto "Svanito", e non mi discosterò molto da allora, -si ha l'impressione che l'autore abbia esaurito la sua capacità di invenzione: la storia è complicata quasi a forza, tanto per andare avanti nel racconto. I personaggi agiscono in modo poco credibile sia se sono positivi, che se sono negativi- I loro comportamenti sono incomprensibili, ingiustificati, esasperati senza che si riesca a capirli-Le parti scritte in carattere diverso , sebbene corredate da date, orari, indicazioni varie, appesantiscono il racconto senza aggiungere niente, nemmeno sul piano della suspence. Gli ambienti, come negli altri ultimi libri, sono fatiscenti, scuri, fangosi, come se una storia cupa e misteriosa si potesse svolgere solo in luoghi oscuri, battuti dalla pioggia, in costruzioni cadenti, lungo fiumi limacciosi . E' evidente che la vicenda ha bisogno di essere aiutata dall'ambientazione. Alcune invenzioni poi, come le varie macchine, non acquistano un significato accettabile. Le spiegazioni finali sono lunghissime e complicatissime, ogni tanto un personaggio che era morto torna a vivere, con espedienti quasi ingenui.I nomi dei personaggi finiscono per sovrapporsi l'uno all'altro senza corrispondere più a persone individuabili. Quando poi leggo i ringraziamenti , e mi rendo conto di quante persone di indiscutibile valore e buona volontà hanno affiancato , consigliato, sostenuto l'autore, mi chiedo come non si siano resi conto delle falle nella costruzione della storia. Forse, comunque, i suoi libri vendono, e"lo spettacolo deve continuare"!
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 24 dicembre 2016
Per gli amanti della saga Raker arriva finalmente il momento di dare delle risposte al buon Colm Healy, coprotagonista, nel bene e nel male, degli episodi precedenti. Anche questo non è un libro d'azione, è un libro di indagini e deduzioni, molto spazio viene dato ai ragionamenti ed ai diologhi tra i protagonisti; per alleggerire la situazione vengono inserite piccole larti del rapporto Raker-figlia che, in questo libro, non hanno alcuna attinenza allo sviluppo ed alla trama della storia, probabilmente sono funzionali solo ad eventuali futuri sviluppi. Le risposte finali sono, personalmente parlando, piuttosto deludenti; il movente del triplice omicidio di cui si parla, quello che abbiamo imparato a conoscere come il caso che ha rovinato la carriera di Healy, è veramente molto debole e suscitano molta perplessità alcune situazioni spiegate minuziosamente ma che non trovano utilità concreta all'attività dei criminali in questione. È un libro che si capisce bene anche se non si sono letti i capitoli precedenti ma non mi sento di consigliarlo ai neofiti della saga; per chi invece ha letto i precedenti rimane la sensazione della classica montagna che ha partorito il topolino. Delusione
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 25 marzo 2017
Ci ho messo un po' a leggere questo romanzo che, dalle primissime pagine, mi aveva conquistata. L'idea del triplice omicidio è bella e intrigante perché sicuramente ti invoglia a scoprirne di più, ad affezionarti in qualche modo alle gemelle. Ma non basta un buon omicidio a costruire un buon romanzo. Le indagini si susseguono gestite da David Raker - ottimo personaggio, il più vero - dalla presenza di Healy - che sembra sfuggire di mano all'autore pagina dopo pagina - e dalla polizia tradizionale che non risulta per nulla utile ai fini della risoluzione del caso. Per sbrogliare la matassa, l'autore costruisce una trama complessa e mai completa, fornendo elementi che risultano a tratti scollegati, complicando la narrazione con dettagli su persone e luoghi che ti costringono a tornare indietro per fissare gli elementi o a proseguire nella speranza di vedere poi il disegno più ampio. Ma alla fine tanti nodi non vengono al pettine. Rimangono lì, ingarbugliati tra i personaggi, hanno spiegazioni deboli che non soddisfano il lettore. Numerosi colpi di scena aiutano la prosecuzione dell lettura, ma alla fine rimane il senso di insoddisfazione per aver sciolto una trama intricata, ma, a conti fatti, banale.
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 6 novembre 2016
Complimenti all'autore che senza pretese ha saputo creare una storia e dei personaggi, una serie di puntate cn lo stesso protagonista in un crescendo di profondità introspezione e idee inusuali, trame ben costruite che a mio parere trovano il culmine in questo titolo, il migliore della serie dell'autore e comunque uno dei migliori thriller che ho letto negli ultimi tempi. Senza aver letto il resto delle puntate precedenti non credo si possa avere lo stesso effetto, perché weaver ha costruito nel tempo i personaggi e ogni libro ha aggiunto un tassello alla loro personalità che in questo romanzo si esprime al meglio e lascia presagire, lo spero un futuro ancora più intrigante. Grazie a Tim weaver un nuovo personaggio veramente interessante e un modo di scrivere thriller senza voli pindarici ma per questo ancora più autentico e ben costruito. Ottimo!
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso


Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui