Scopri Scopri MSS_flyout Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport GoW

Recensioni clienti

4,8 su 5 stelle
73
Sfumature della Notte
Formato: Formato Kindle|Cambia
Prezzo:0,99 €


il 6 novembre 2017
Costretto da circostanze avverse a celare il suo volto dietro ad una maschera, il giornalista Argenta Drogo conduce una vita triste e solitaria da ormai ben tre anni. Sentimenti contrastanti albergano in lui, riguardo la sua situazione. Da una parte, il rifiuto per la sua condizione presente lo porta a considerare la maschera parte integrante del suo essere, tanto che non se ne separa neanche di notte. Dall’altra, invece, la consapevolezza della diffidenza e della paura che la gente prova di fronte al suo “mascheramento” lo fa soffrire profondamente.
La sua “normalità”, però, un giorno, è sconvolta dall’arrivo in città del fenomeno del momento: Ricardo Guerrieri, giovane e talentuoso artista. A Drogo spetta l’arduo compito di scrivere un articolo su di lui e, proprio grazie a questa occasione, il reporter fa la conoscenza della manager della star, Naomi Albatros. Nonostante il primo incontro con la donna non sia tutto rose e fiori, il giornalista mascherato perde completamente la testa per lei e si impegna a conquistare il suo cuore.
Comunque, con la comparsa di Ricardo e Naomi, una serie di strani omicidi iniziano a verificarsi sul luogo. Sarà dovere dell’ispettore Leone, avvalendosi del prezioso aiuto di Drogo, mettere in manette l’assassino, prima che colpisca ancora. Tuttavia, non sarà facile scoprire la verità, dato che il protagonista si troverà, suo malgrado, coinvolto nella vicenda e tutto ciò lo porterà a interrogarsi sulla sua dubbia natura.
“Sfumature della notte”, opera prima di Damiano Darko, si presenta come un Giallo dalle nuance Dark Romance.
La cosa che salta immediatamente all’occhio è lo stile dell’autore, singolare e unico nel suo genere. Avendo, infatti, la possibilità di seguire Damiano sul gruppo Facebook, “Darkolandia – Damiano Darko”, avevo già notato la forza espressiva e il fascino ammaliatore dei suoi pensieri e questo primo libro non ha fatto altro che confermare la sua bravura nell’esternare sensazioni e riflessioni e illustrarle attraverso l’utilizzo di metafore o similitudini dalla ricca terminologia. Pratici esempi in questo senso sono: “L’universo intero sembrava liquefarsi sotto una miriade di stelle danzanti nel buio dell’immensità.”; “Il crepuscolo avvolgeva totalmente la città come una fitta ragnatela fatta di tenebra.”; “... il sole ci salutava definitivamente mentre sprofondava oltre l’orizzonte. Le acque passarono dal rosso del tramonto, al nero della pece dei miei pensieri che volteggiavano come corvi nella mia mente.”; “... crollai sull’erba che mi fece da letto, mentre le stelle si erano rovesciate tutte addosso a me.”.
Le descrizioni sono essenziali ma, allo stesso tempo, accurate (la mia scena preferita è sicuramente quella del bacio al capitolo 12), al contrario i dialoghi, essendo un po’ troppo artificiosi, a volte, rallentano la lettura.
Naomi è, a mio parere, il personaggio più odioso e controverso dell’intera storia. Comparse gradite, invece, sono il burbero e integerrimo ispettore Leone, la giovane e vivace Monica e il simpatico amichetto di Drogo, il corvo, soprannominato Indiana, che sembra quasi una personificazione del protagonista stesso. 
In attesa del sequel, il voto di questo primo volume è: 3 e MEZZO.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 1 giugno 2017
Per citare una famosa frase di William Shakespeare:

“Nascondimi ciò che sono e aiutami a trovare una maschera per le mie intenzioni”.

Senza dubbio questo romanzo è stata per me una piacevole sorpresa.

Originale sia nella storia che nella narrazione.

Scritto e raccontato con una naturalezza che solo un professionista della letteratura potrebbe ostentare, l’autore dimostra da subito un talento naturale per la scrittura.

Narrato in prima persona, Damiano Darko ci fa avvicinare ad un personaggio che incute curiosità e timore, un uomo che indossa una maschera sul volto.

Un giornalista solitario che vive dietro un passato che lo ha distrutto come persona ma che non gli ha impedito di essere ciò che per natura è.

Drogo è schietto, autoironico, realista e guarda il mondo nascondendosi dietro ad una maschera, un mondo pieno di mostri che vanno in giro invece a volto scoperto perché una maschera può nascondere il tuo viso ma non c’è nulla che possa oscurare la tua personalità, il tuo carattere e la tua vera essenza.

Drogo, l’uomo mascherato preso in giro dai suoi colleghi di redazione, tenuto a distanza da sconosciuti diffidenti, è in realtà una bellissima persona: educato, gentile, dolce e romantico.

Spesso solo tra le quattro mura della sua casa che condivide con un corvo nero, si ritrova a combattere con i fantasmi del suo passato vivendo incubi che lo riportano continuamente a rivivere ciò che avrebbe voluto dimenticare ma che non potrà mai fare.

Si ritroverà a scattare fotografie sulla scena di un delitto, un serial killer sta uccidendo barbaramente delle giovani donne e Drogo entrerà in simbiosi con quelle vittime, quelle bellissime ragazze innocenti strappate alla vita così prematuramente .

Ma un giornalista non si occupa solo di cronaca ma anche di avvenimenti più mondani, tra cui l’arrivo in città di una giovane pop star, una di quelle meteore che il mondo della musica e dell’arte ogni tanto vede attraversare il cielo della notorietà. Un ragazzo affascinante quanto arrogante nella sua superbia.

E sarà tra l’indagine di un crimine e un reportage su una pop star boriosa, piena di sé e superficiale, che Drogo incontrerà Naomi, una donna in carriera che gli farà vibrare il cuore e l’anima e che gli farà perfino dimenticare che la maschera che indossa non gli può concedere la libertà di amare e di essere amato per ciò che è.

Naomi è una donna bella, arrivista e anche un po’ spietata ma non potrà fare a meno di provare attrazione per quell’uomo che non mostra mai il volto ma che non ha paura di mostrare il suo cuore gentile.

Tra colpi di scena e riflessioni personali del protagonista, tra battute divertenti e situazioni imbarazzanti e conflittuali questo giallo ci mostra l’altra faccia dell’amore, quello impossibile forse ma non improbabile, e ci insegna che siamo davvero pronti ad amare gli altri solo quando saremo disposti ad apprezzare e ad amare noi stessi.

Qualche piccolissimo refuso notato nella lettura.

Un romanzo assolutamente da consigliare e da leggere tutto d’un fiato.

Spero di poter leggere ancora le avventure di questo uomo mascherato che è forse il nuovo supereroe dei nostri giorni.

Un uomo sfigurato che ci mostra l’essenza della bellezza interiore.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 5 maggio 2017
Guastato nell’anima si aggrappa alle liane tortuose del tempo, proteso verso emozioni che aveva abitato per tanto tempo e che adesso non sapevano più identificarlo. La fotocopia di un uomo vuoto, spento, impermeabile a ciò che gli accadeva intorno. Guarda gli altri come incantato, ma, non li percepisce fino in fondo, si fa spazio in lui la convinzione di non appartenere a niente, di essersi smarrito.

Si era sradicato dalla sua vita di prima, da non avere avuto il tempo e la forza di prepararsi a quello che gli stava accadendo. Forse le notti di solitudine trascorse senza più un volto, l’avevano spinto a credere che indossare una maschera, l’avrebbe in qualche modo riappacificato con il suo ricordo.

Argenta Drogo, cui ora la vita stava stretta, come ad una obesa con un tubino; divenne l’insieme delle bugie che si andava raccontando. Pensava alla sua vita come alla vita di un altro, come se tutto quello che avesse fatto e detto fino a quel momento non l’appartenesse più, non riusciva a riconoscere in ciò che era stato e non sapeva chi fosse adesso.

Tutto si perde, tutto si consuma, ma quando si finisce per diventare il fiammifero che ha dato via all’incendio, si inizia a bruciare pian piano insieme a lui. Divenne prigioniero di quella maschera che indossava; il numero dei giorni che passava da solo, i pensieri che non ricordava. Si era stancato di chiedersi come si sentiva per afferrare un’emozione che sapeva non sarebbe tornata; stanca di vivere con se stessa e di portarsi a spasso; stanca di farsi condizionare la vita dalla logica.

Mentre Drogo era pieno di commozione rotte. Non sapeva se doveva essere triste per lei, o odiarla e punirsi per non averle impedito di trascinarlo in questa storia. L’assenza di lei gli bruciava le carni, gli molestava il cuore, lo poneva su un rogo di solitudine acceso dal desiderio. E la sua anima d’improvviso venne sommersa dai dubbi e insicurezze che lottavano tra loro per farsi un po’ di spazio. Le stagioni cambiano e prima e poi ritornano, ma l’amore? Lei con la quale ha condiviso tutto, lei che è tutto, tutti i colori e le note che ha salvato e, senza di lei gli resta solo il grigio e il silenzio. Drogo avrebbe voluto afferrare quel grigio con le mani per trasformarlo in luce.

Drogo penso che il suo cuore fosse in caduta libera, dentro un pozzo senza fine. Maledetto orgoglio e maledetta la distanza che crea tra due cuori. Un’attesa così lunga da far dimenticare perfino cosa stava aspettando. Una bugia così inverosimile da crederci il bisogno d’amare. Lei era l’oasi nel deserto, vestita d’un sorriso che lo incantò. – “Ma tu chi sei?” “ Uno che si è perso. Non aveva riconosciuto sotto quella maschera il volto di un uomo con un pugno nell’anima.

Trascorse quella notte a creare sillogismi vuoti in ore che sembravano non passare mai. Seguirono giorni di incomprensioni e ore di nulla scritte dalla sua mente: un amico con cui non poteva sfogarsi, pianificare. Trascinava la vita in giro, ricordandosi ogni tanto di aggiungere un pezzo al puzzle e poi lasciarlo incompleto a prendere freddo in soffitta “dimenticatoio”. Sprecare fiato per far danzare in aria parole vuote. Tanto il giro di parole era sempre quello, il problema sempre è lei, la risposta sempre viva. Giochi di rima che non tornano, come sui i treni, i pensieri, se ne vanno. Per fortuna.

Di quanti colori è pieno il mondo, di quante illusioni è pieno un cuore, di quante incertezze è pieno il futuro. Ma pochi colori, inesistenti illusioni e fugaci incertezze di fronte alla bellezza di cui erano pieni i suoi sogni. C’erano sempre quei due occhi protagonisti del dramma che non riuscivano a smettere di guardarla e, c’erano le sue mani e, il suo profumo a farle capire che si trattava solo di un sogno e, una volta capito non poteva fare altro che svegliarsi, con una tristezza ancora maggiore di quelle che le aveva chiuso la porta per non poter godere della gioia della presenza di lei. Cercò una parola che definisse la sua condizione attuale, ma non riuscì a trovarla, forse ancora la dovevano inventare.

Drogo è una di quelle storie smarrite. Perché una volta fu decisa per lui una sorte peggiore del morire … e fu allora che egli smise di esistere. Se non fosse per il suo capo, che puntualmente gli ricorda scadenze e doveri, sarebbe incapace di distinguere ciò che è reale, da ciò che forse potrebbe esserlo. Tutto però cambia il giorno in cui Drogo, incontra Naomi Albatros.

Drogo intuisce che forse è da lui che dovrà partire per ritrovare il filo del suo passato (e i pezzi mancanti all’enigma della maschera che cela sul viso). La gente non gli piaceva. Non attribuiva alcun peso alle persone che aveva intorno.

Drogo è un uomo che convive con il fantasma di tutto ciò che è stato e con lo spettro di ciò che non sarà mai. Tra ipocrisie, rancori, gelosie, un mondo in cui gli slanci di umanità sono rari e in cui anche il dolore non è condivisibile, spesso essendo solo un’artefatta facciata dietro la quale nascondere il gelo interiore.

La scrittura di Damiano Darko Autore, è fisica, mordente, firma il ritratto di un uomo alla ricerca della passione. Damiano Darko ha la grande abilità di scrutare nel profondo dell’anima. Sfumature della notte è una storia indimenticabile sulle insicurezze dell’animo umano e sul coraggio di affrontarle.

Una storia d’amore difficile e intensa dove sono troppi i gesti mancanti. Soprattutto quando sono due opposti a voler formare un noi, lungo il viaggio che non diventerà un futuro. Perché ci sono scelte che logorano i bordi del cuore. Drogo “il protagonista” era piacevolmente turbato all’idea di amare una donna, privilegio per lui inedito per via della maschera. Era come aver conquistato l’accesso a un mondo misterioso e proibito.
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 19 agosto 2017
Ho letto il libro in un paio di giorni, facendomi rapire dalla storia.

Vi descrivo un po' la storia, partendo dal protagonista...

Drogo, è un'aspirante scrittore e giornalista che porta da tre anni una maschera che copre completamente il suo volto, ma lascio a voi scoprire il perché della maschera. Lavora presso il giornale "Nuova Era", dove si occupa di svariate cose, tra cui fare servizi sulla cronaca nera. Ed è proprio su un caso di omicidio che si apre la storia. La vittima, Angelica Power, viene ritrovata morta in una Pineta.

In città nel frattempo arriva la star Ricardo Guerrieri e Drogo è incaricato di seguirlo nelle sue attività che svolgerà in quella settimana e intervistarlo. Conosce cosi la sua collaboratrice, Naomi Albatros e Drogo ne rimane davvero colpito. Dopo varie uscite con lei se ne innamora. Capisce però che forse Naomi ha qualche legame che va al di la del rapporto di lavoro con Ricardo e ne rimane davvero colpito, non riuscendo a capire cosa ci trovi Naomi in quell'arrogante star.

Dopo un'uscita con Naomi ed averla baciata, perdendosi in quel paradiso che è l'amore, lei chiude ogni possibile storia con lui, mandando il suo cuore a pezzi.

Nel frattempo in città, precisamente al luna park, viene trovata un'altra vittima, Laura Morra.

Drogo si ritrova a collaborare con l'ispettore Leone, ingaggiando una corsa contro il tempo per fermare lo stupratore e assassino.

Non vi dirò altro sulla storia...

Una storia assolutamente non banale. E soprattutto non scontata, con colpi di scena davvero avvincenti.

Il libro è davvero bello. La storia viene raccontata davvero bene e snocciolata in un susseguirsi di eventi che tengono il lettore incollato al libro.

Mi ha incuriosita molto la trama e leggendo il libro, la storia non mi ha delusa.

Ho trovato Drogo, il protagonista davvero interessante. Dotato di un'intelligenza fuori dal comune. Riesce a scavare dentro se stesso fino a trovare un verità agghiacciante. Anche il personaggio di Naomi mi è piaciuto tanto. A parte la sua indubbia bellezza, da romantica, speravo tanto in una loro storia.

Mi ha intenerita il personaggio di Monica, una ragazza conosciuta da Drogo dopo un piccolo incidente, per i modi gentili e cortesi che la ragazza ha con lui, nonostante la sua maschera blocchi la maggior parte delle persone, rendendole diffidenti.
Consiglio davvero di leggerlo.

Grazie mille Damiano di avermi fatto leggere il tuo libro. Complimenti davvero.

Germana
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 9 marzo 2017
Davvero un personaggio particolare questo, in un racconto particolare
Mi ha colpito molto la storia della maschera perenne, del fatto che sia di morbida seta..
Il racconto giallo,seppure ben congegnato, particolare, è stato per me un piacevole diversivo, è lui, il protagonista che mi intriga...E del quale voglio conoscere di più, ancora
Spero al più presto di leggere un seguito
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 5 marzo 2017
Un uomo dalla maschera, cosa puo' nascondere? Un romanzo elettrizzante e misterioso, drogo un uomo tormentato ma dal cuore d' oro . Un personaggio complesso ma che fara' sciogliere il cuore. Lettura scorrevole
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 26 marzo 2017
Drogo il protagonista con il suo volto coperto da una maschera,un uomo dolcissimo mi ha conquistata e affascinata fin dall'inizio della storia!!! Emozionanti colpi di scena e un coinvolgente mistero!!! Lo consiglio
0Commento| 3 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 29 agosto 2017
Un romanzo diverso dal solito che leggo, mi ha stupito positivamente😍
La storia è molto scorrevole. Il personaggio indossa una maschera, ma con i suoi occhi riesce a trasmettere tutte le sue emozioni.
Leggendo la storia si passa dal giallo al rosa/ Dark molto bello.
Complimenti!!!!! ❤️
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 19 agosto 2017
Un romanzo lineare che incuriosisce il lettore e lo cattura nella sua storia, una maschera cela un lato oscuro forse quello di ognuno di noi....Capitolo per capitolo si è trascinati da quel velo di mistero dei fatti narrati, dove non sempre a prevalere è l'amore ma la verità, quella si! piacevolmente colpita consiglio questa lettura....
0Commento| 2 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso
il 9 settembre 2017
Drago mi ha rapito dalla sua prima riga. Intrigante scorrevole mi ha appassionato perché non lascia intravedere il solito finale. Rimani con il fiato sospeso fino all'ultimo capitolo.eccellente e appassionante non il solito libro
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso

I clienti hanno guardato questi articoli

Sfumature dell'Alba
1,99 €
L'Altro
1,21 €
La Foglia di Ambra
0,99 €
Cuori fra le righe
0,99 €

Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui