Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 6,99

Risparmia EUR 1,75 (20%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

La ragazza di Bube (Oscar classici moderni Vol. 234) di [Cassola, Carlo]
Annuncio applicazione Kindle

La ragazza di Bube (Oscar classici moderni Vol. 234) Formato Kindle

4.1 su 5 stelle 15 recensioni clienti

Visualizza tutti i 32 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 6,99
CD audio
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 7,80

Lunghezza: 219 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato
  • Libri simili a La ragazza di Bube (Oscar classici moderni Vol. 234)

Descrizione prodotto

Sinossi

Mara è una giovane di Monteguidi, piccolo paese della Val d'Elsa, che all'indomani della Liberazione conosce il partigiano Bube, eroe della Resistenza, e se ne innamora. Questi, tornato alla vita civile imbottito di precetti di violenza e vendetta, ha commesso un delitto e, dopo un periodo alla macchia, viene catturato e condannato a quattordici anni di carcere. Mara, maturata proprio grazie alla forza del sentimento per Bube e divenuta ormai donna, decide di aspettare l'amato con animo fedele e ostinato.
Con questo romanzo - pubblicato nel 1960 e seguito nel 1963 da una celebre versione cinematografica interpretata da Claudia Cardinale - Cassola si aggiudica il premio Strega e raggiunge il successo anche internazionale. La ragazza di Bube segna una profonda cesura nella narrativa italiana del dopoguerra: benché ispirato a una vicenda realmente accaduta, il romanzo si arricchisce di elementi psicologici e lirici superando le istanze neorealiste, tanto per il linguaggio quanto per il rifiuto dei dogmatismi ideologici. «Il romanzo» sostiene infatti Cassola «viene prima di ogni interpretazione della realtà, è la ricerca continua della verità degli uomini.»

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 831 KB
  • Lunghezza stampa: 219
  • Editore: MONDADORI (22 marzo 2013)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00C2H3ZSI
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.1 su 5 stelle 15 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #21.974 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?


Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo?

Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

Formato: Copertina flessibile
Mara è una ragazza povera che un giorno incontra Bube, un amico di suo fratello morto ammazzato nella lotta partigiana. Tra Bube e Mara inizia una relazione, anche se il ragazzo verrà incastrato da un terribile crimine: provocato ha ucciso un Maresciallo e suo figlio, e ora è ricercato dalla polizia.

"La ragazza di Bube" è un romanzo che vede i suoi protagonisti sconfitti dalla storia: Bube, partigiano, pensa di lottare dalla parte del bene, ma in realtà nella sua inesperienza commette degli errori fatali, macchiandosi le mani di sangue per dimostrare agli altri di non temere nulla. Mara sarà la sua compagna di sventura, costretta a sacrificare se stessa per stare al suo fianco, almeno in un primo momento non tanto per amore quanto per un principio di lealtà astratta; prendendo una decisione eroica che alla fine sembra in grado di riscattare - almeno in parte - la sorte sua e quella del fidanzato.
Il romanzo di Cassola è una storia semplice, narrata in un linguaggio altrettanto semplice, che però fa risaltare con efficacia le contraddizioni di chi in passato voleva lottare per una società più giusta (il padre di Mara ad esempio è un comunista dalla parte di Bube) seguendo alla cieca degli ideali che potevano offuscare la capacità di pensare con la propria testa e di distinguere il bene e dal male; andando in tale modo incontro a un destino senza nessuna pietà.
Commento 2 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Nel 1960 Carlo Cassola è il vincitore del premio Strega con “La ragazza di Bube”. Uno scorcio dell’Italia post-fascista, appena liberata, e di una generazione che, avendo ereditato soltanto macerie, ha tribolato nella ricostruzione, scontando le colpe dei padri. È in questa cornice che i due protagonisti si innamorano e, affrontando varie peripezie, crescono.

Mara Castellucci è una ragazza come tante, civettuola e spensierata come solo a sedici anni si può essere. Figlia di un comunista militante della provincia toscana, perse il fratello maggiore, arruolatosi come partigiano. Bube, al secolo Arturo Cappellini, si reca a Monteguidi per conoscere la famiglia del compagno partigiano morto. Ritornando sempre più spesso, si innamora di Mara, la quale finge di contraccambiare, interessata per lo più a fare sfoggio del nuovo fidanzato e dei regali ricevuti.

Il Comitato di Liberazione Nazionale lotta per la sopravvivenza in un contesto ancora ostile e opera per un regolamento dei conti definitivo con i sostenitori del regime, che ha calpestato per troppo tempo le libertà individuali e la giustizia sociale. L’indole ribelle di Bube sarà la causa di tanti problemi con la giustizia. Travolto dagli eventi, finisce per commettere un omicidio ed è costretto a darsi alla macchia. Mara, che lo ha in un primo momento accompagnato nella latitanza, sente per la prima volta di amarlo, dopo una notte di amore e struggimento.

Un romanzo di formazione nel quale la vicenda si dipana parallelamente alla crescita dei due protagonisti e vi contribuisce. Mara, in seguito all’inattesa piega degli eventi, si sente per la prima volta capace di amare, perdendo ogni cattiveria.
Ulteriori informazioni ›
Commento 3 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Di CR55 il 28 febbraio 2014
Formato: Formato Kindle
Letto quando ero ragazza (tanti anni fa!), è uno di quei pochi libri di cui serbo un ottimo ricordo e rimane forse uno dei più belli. Scritto magistralmente dal toscano Cassola, ottima la trama e di grande realismo in un contesto storico di indubbio interesse. In particolare, l'ambientazione mi è rimasta nel cuore, anche perché ben conosco quei luoghi, in una Toscana forse meno nota, ma altrettanto splendida. Interessante anche il messaggio: i partigiani, ragazzi qualsiasi, mandati al macello; e Mara, dibattuta nella sua scelta di vita. Non leggerlo sarebbe un vero peccato!
Commento 3 persone l'hanno trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Avevo acquistato questo libro credendo che fosse l'edizione integrale.Invece e' edizione ridotta.Contattato servizio clienti in chat peraltro super disponibili che ha autorizzato il reso non essendo in verita' chiarissimo che si trattava di edizione ridotta.Visto l'ottimo servizio clienti ho ordinato da Amazon l'edizione integrale che dovrebbe arrivare a giorni. Ribadisco ottimo servizio clienti per reso, operazione fatta da me per la prima volta ma egregiamente supportato da Amazon.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile Acquisto verificato
Il cambiamento italiano post dittatura, post guerra, quando il popolo mutava da asservito a vendicatore (non a caso, il soprannome partigiano di Bube), per bilanciare il ventennio fascista e riprendere in mano le redini di una nazione che, come Mara, la protagonista, dal periodo di una giovinezza inconsapevole e superficiale — il cui unico obiettivo era un paio di scarpe coi tacchi —, passa alle responsabilità delle scelte difficili ma dettate da cuore e ragione.
Commento Una persona l'ha trovato utile. Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Formato: Copertina flessibile
Siamo nel 1945 in Toscana. La Germania ha perso la guerra contro gli Anglo-Americani
e i Partigiani, sciolte le loro formazioni, che avevano avuto un certo ruolo nella vittoria
alleata, pagando un alto prezzo, stanno tornando alle loro case.
E così fa l'ex partigiano Cappellini Arturo, detto Bube, giovane inquieto ed estremamente
povero. Prima passa a salutare la famiglia di un suo compagno di fede, ucciso nella lotta,
incontrandone la sorella Mara, ragazza sedicenne e prova inclinazione per lei, rinforzata
dal fatto che il padre è un comunista convinto, come lo è lui, al punto di dichiarare l'in-
tenzione di sposarla.
Mara è in forse, ma l'attrae la novità della situazione e finisce per acconsentire, convinta
di poter sempre recedere.
Chi non era presente a quell'epoca, difficilmente capirà la situazione generale in tali anni.
La gente era confusa, i ruoli erano cambiati in un soffio. L'ex fascista era perseguitato,
il partigiano che aveva dato molto, si aspettava altrettanto. Si certo, bisognava ristabilire
l'ordine, ma sarebbe stato un ordine certamente di colore rosso, quello per cui si aveva
lottato. - E' con questi convincimenti che si muove Bube, il cui soprannone era
"il Vendicatore", il quale pur smilitarizzato continua a portare la pistola ed, in condizioni
particolari commette un duplice omicidio nella certezza assoluta di fare GIUSTIZIA.
La prosa di Cassola non ha fronzoli; descrive assai bene l'ambiente poverissimo in cui
vivono i personaggi, non toglie nulla alla loro immaturità politica, ma aggiunge tanto
alla loro maturità morale.
Ulteriori informazioni ›
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover