Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 9,99

Risparmia EUR 2,51 (20%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

La ragazza dai capelli strani (I Quindici) di [Wallace, David Foster]
Annuncio applicazione Kindle

La ragazza dai capelli strani (I Quindici) Formato Kindle

3.6 su 5 stelle 11 recensioni clienti

Visualizza tutti i 3 formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
EUR 9,99

Lunghezza: 339 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Novità in Kindle Unlimited
Scopri i 170 titoli appena aggiunti alla selezione di Kindle Unlimited: gialli e thriller, romanzi rosa, fantascienza, horror e fantasy e altro. Ora puoi accedere ad alcuni titoli di autori come Linda Castillo, Brandon Anderson, John Connolly, James Dashner, Colleen Hoover, Tim Weaver, Philip K. Dick, Susan Elizabeth Philips, Tom Wood e molto altro. Scopri le novità qui.

Descrizione prodotto

Recensione

Uno sberleffo per Johnson. I racconti del giovane Wallace

Culicchia Giuseppe, Tuttolibri - La Stampa

Più che nel caso de La ragazza con i capelli strani - il testo che dà il titolo alla raccolta di racconti tradotti da Francesco Piccolo -,è in Lyndon che maggiormente si apprezzano le invenzioni di David Foster Wallace: trentaseienne autore, tra l'altro, di Infinite Jest, smisurato romanzo che con le sue mille e cento pagine lo ha consacrato, un paio di anni fa, tra gli ultimi exploit del mercato letterario americano. Sistemato dalla critica nell'apposita casella destinata a raccogliere gli scrittori "post-moderni" (etichetta peraltro mai rifiutata da Wallace), l'ex studente di filosofia presso l'Università di Harvard adopera infatti al meglio le sue armi nella surreale "ricostruzione" della vicenda che vede come protagonisti un indimenticabile L. B. J. - Lyndon Baines Johnson, ritratto nel periodo in cui diventò, da Senatore democratico del Texas, il vice di Kennedy, e poi, in seguito all'assassinio di questi, Presidente egli stesso e protagonista dell'escalation che portò gli Stati Uniti ad imboccare la strada per il disastro del Vietnam - e il suo assistente David Boyd, ingaggiato tra i collaboratori di Johnson in qualità di addetto allo smistamento della posta dopo un grottesco colloquio d'assunzione con il Senatore medesimo. "Mi chiamo Lyndon Baines Johnson. E questo cazzo di pavimento che stai calpestando, ragazzo, è mio": il futuro Presidente esordisce così, e nel giro di poche righe sia Boyd che il lettore si ritrovano al cospetto dell'incredibilmente credibile - nonostante la palese incredibilità - figura dell'uomo destinato a segnare con l'irruenza del suo carattere e la spericolatezza delle sue decisioni non solo il destino dell'America ma anche di tanto cinema, giornalismo e saggistica americani, fornendo loro l'inossidabile soggetto della guerra nel Sud-Est asiatico. La capacità mimetica di Wallace è per certi versi folgorante, e gli inserti tratti da documenti dell'epoca (autentici o falsificati? Impossibile stabilirlo senza accurate ricerche, e del resto non importa: ciò che conta è che l'autore ci lasci nel dubbio. Come nel caso di un brano apparentemente tratto dal discorso di Johnson al Congresso dei Giovani Democratici del 21 maggio 1966: "Non stiamo cambiando il nostro programma. Stiamo cambiando idea sul modo di realizzarlo", oppure del frammento ipoteticamente pronunciato dallo stesso in occasione di un discorso in tv dalla Stanza Ovale della Casa Bianca nel novembre del 1967: "Allora, gente, animo, e state allegri, Cristo santo") contribuiscono alla costante sensazione di spiazzamento che si prova di fronte a pagine nelle quali realtà e finzione paiono tanto bene amalgamate da non poter più essere distinte con precisione in alcun modo. È tutto finto, naturalmente, e insieme - così come quando la "fiction" funziona sul serio - anche tutto assolutamente vero. Il fatto che Boyd, omosessuale sposatosi pro-forma con una ragazza ma convivente con un giovane haitiano che cucina per lui "vestito solo con un grembiule e i tacchi alti", si trasformi in breve nella persona più vicina a Johnson da semplice ragazzo della posta qual era (tanto da poter assistere alle pisciate del Presidente nel cestino di metallo dell'ufficio) ci permette di dare un'occhiata tra le pieghe di una Storia tramutatasi anch'essa in Spettacolo (la scena dell'omicidio di Kennedy a Dallas diventa esilarante, vista dalla posizione di Boyd, seduto sopra gli uomini dei servizi segreti seduti sopra Lyndon schiacciato sotto i sedili posteriori della sua limousine), al pari della cronaca e della quotidianità. E Wallace gioca altrettanto felicemente tra le macerie della realtà americana sgretolatasi nel confronto con la diretta televisiva anche nel raggelante La mia ap parizione in tv, nel quale un'attrice quarantenne, moglie di un dirigente di un network e grande consumatrice di Xanax, viene invitata a confessarsi in prima serata al "David Letterman Show". Angosciata come il marito all'idea di essere ridicolizzata dal perfido conduttore dinnanzi a milioni di spettatori, Edilyn è indecisa se mostrarsi "autentica" o se stare alla finzione e interpretare un'altra da sé sufficientemente ironica e distaccata da reggere il confronto; opta istintivamente per la prima soluzione quando si trova già davanti alle telecamere, e neutralizza così la minaccia: ma agli occhi dell'uomo che ha sposato da più di vent'anni, che la sta guardando in tv, lei invece ha recitato. "E per questo, mentre la limousine messa a nostra disposizione ci portava (...) a bere e mangiare dall'altra parte del fiume a spese della Nbc, ho chiesto a mio marito chi pensava che fossimo realmente, io e lui. Domanda che non avrei mai dovuto fare". Proprio il racconto del titolo, invece, risulta essere nel complesso del libro il meno convincente: qua, nell'arco di una serata e di un concerto di Keith Jarret, Wallace si muove tra i cosiddetti "giovani", mettendo in scena un gruppo di punk tra i quali si è insediato quale corpo estraneo - ma assai danaroso e disposto a sborsare considerevoli cifre pur di poter soddisfare una sua peculiare perversione sessuale - tale Fi ghettodelcazzo, brillante professionista in carriera nonché rampollo di una famiglia repubblicana dalle grandi tradizioni militari. Ma in questo caso i personaggi non riescono a sollevarsi da una caratterizzazione alquanto stereotipata e - contrariamente a quanto mostrato altrove - assai povera di spunti originali. Adesso, però, la curiosità per Infinite Jest vorrebbe un po' di coraggio: da parte di un editore che voglia assumersi il rischio di una traduzione.

Sinossi

Quando fu pubblicata per la prima volta negli Stati Uniti, nel 1989, questa raccolta di racconti confermò David Foster Wallace (all'epoca già autore di un inconsueto romanzo, "La scopa del sistema") come astro nascente della nuova narrativa americana: uno di quei rari talenti che, come dichiara la scrittrice Zadie Smith, è magistralmente in grado di "unire testa, cuore e viscere" nella sua scrittura. Dagli anni Sessanta di Lyndon Johnson al jazz patinato di Keith Jarrett al talk show dissacratorio di David Letterman, dai quiz televisivi ai ranch dell'Oklahoma, dagli yuppies ai punk, dai giovani matematici di Harvard ai proletari della provincia depressa, nelle sue storie "Wallace descrive e commenta l'intera cultura americana (e soprattutto le nevrosi, le ossessioni, le passioni, il disagio emotivo di tutto l'Occidente contemporaneo) con un'acutezza e un vigore avanguardistico che a distanza di vent'anni mantengono inalterata la potenza di questo libro". Il volume contiene un racconto inedito dal titolo "Brave persone" uscito nel febbraio 2007 sul "New Yorker".

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 3099.0 KB
  • Lunghezza stampa: 339
  • Editore: minimum fax (13 febbraio 2011)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B006BD3ZT8
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 3.6 su 5 stelle 11 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #42.697 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?



Recensioni clienti

Principali recensioni dei clienti

il 24 agosto 2015
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 26 giugno 2017
Formato: Copertina flessibile
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 2 febbraio 2014
Formato: Copertina flessibile|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 5 ottobre 2016
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 29 dicembre 2016
Formato: Copertina flessibile|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 12 febbraio 2016
Formato: Copertina flessibile|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 21 agosto 2014
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 27 novembre 2013
Formato: Formato Kindle|Acquisto verificato
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
click to open popover

Dove è il mio ordine?

Spedizioni e resi

Hai bisogno di aiuto?