Scopri Tante idee per giocare all'aria aperta Scopri Cloud Drive Photos Learn more CE En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport fif

Recensione cliente

il 22 dicembre 2010
Questa raccolta di racconti ha tutti i pregi ma anche, purtroppo, tutti i difetti della fantascienza italiana. Raccoglie un gruppo di scrittori che da lungo tempo praticano il genere e altri che non avevo ancora sentito nominare; i loro racconti sono discretamente diseguali. Ora, quando si fanno raccolte collettive è normale che non possano uscire fuori tutti capolavori; anche gli scrittori più bravi possono trovarsi a non aver niente di buono da includere, e magari scrivono un racconto a tirar via, o riciclano qualcosa che non sono riusciti a pubblicare altrove. Questo succede anche nelle migliori raccolte americane o inglesi, di quelle curate da mostri sacri come Pohl o Asimov o Knight.

Ma qui tocchiamo con mano le conseguenze di un tipico vizio dei curatori di antologie italiani: quello di accettare racconti di autori "storici" (di quelli che senti nominare da trent'anni e anche più) già pubblicati e ripubblicati su riviste, raccolte, antologie e quant'altro (ce n'è uno che sarà già uscito quattro o cinque volte!). Questa è una scelta discutibile perché non sempre questi racconti riciclati sono gran cose: all'epoca che apparvero per la prima volta potevano anche essere interessanti, ma i tempi sono cambiati, e certe cose che stanno in quest'antologia sono invecchiate male.

C'è bisogno di fare i nomi? Proprio no! Basta leggere e si capirà subito cosa dico. Una metà circa dei racconti, buoni e meno buoni, sono stati evidentemente scritti per l'occasione o comunque di recente, e mostrano di stare al passo coi tempi, tentano di fare i conti con le paure e le speranze di oggi. Altri sono irreparabilmente datati, roba post-sessantotto ma di prima della Guerra (del golfo), sono pezzi d'antiquariato che forse potrebbero anche avere un senso in una raccolta intitolata "Come eravamo", ma rendono questa raccolta piuttosto debole nel complesso, pur salvando quelli che ci hanno provato.

Se il gusto di leggere una raccolta di racconti di fantascienza politica sta nel vedere come si possono affrontare i tempi che corrono con gli strumenti dell'immaginario scientifico-tecnologico, quel gusto è rovinato dal ritrovarsi a leggere racconti decisamente vecchi, che fanno riferimento alle cose di ieri senza neanche tentare di rivederle con gli occhi di oggi.

Questo è il problema della fantascienza italiana: il brutto vizio di autocelebrarsi senza che ci sia veramente niente da celebrare. Unito all'altro vizio italiano di non voler mai scontentare amici e conoscenti...
Una persona l'ha trovato utile
0Commento Segnala un abuso Link permanente
Cos'è?

Cosa sono i link di un prodotto?

All'interno della tua recensione puoi inserire un link a qualsiasi articolo in vendita su Amazon.it. Per inserire un link del prodotto, segui la procedura sottostante:
1. Trova il prodotto di cui desideri inserire un riferimento su Amazon.it
2. Copia l'indirizzo del prodotto
3. Fai clic su Inserisci il link di un prodotto
4. Incolla l'indirizzo nel riquadro
5. Fai clic su Seleziona
6. Dopo aver selezionato l'articolo visualizzato, verrà inserito un campo testuale simile a questo: [[ASIN:014312854XHamlet (The Pelican Shakespeare)]]
7. Una volta pubblicata la tua recensione su Amazon.it, il testo verrà trasformato in un collegamento ipertestuale simile a questo:Hamlet (The Pelican Shakespeare)

Nella tua recensione puoi inserire un massimo di 10 link per i prodotti, il cui testo non può superare i 256 caratteri.


Dettagli prodotto

4,0 su 5 stelle
2
14,43 €+ Spedizione gratuita con Amazon Prime