Scopri Scopri Books AW17_IT_Sal_flyout Cloud Drive Photos Learn more En savoir plus Scopri Shop Kindle Shop now Clicca qui Scopri Sport

Recensione cliente

I PRIMI 50 RECENSORIil 21 settembre 2017
Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
Il Dyson V6 e prima di lui DC62 e DC45 sono stati sempre il punto di riferimento degli aspirapolvere senza fili (aspirapolvere è un sostantivo maschile).
Hanno di fatto creato una categoria di prodotti rimanendovi sempre ai vertici grazie in primo luogo alla tecnologia brevettata multi vortice che conferiva maggior potenza, ma anche ad una serie di soluzioni frutto dell’attenta progettazione, quali il bilanciamento ottimale dei pesi, un sistema di svuotamento migliore ed accessori dalle prestazioni superiori.
Ma gli altri produttori non sono rimasti a guardare e se 10 anni o anche solo 3 anni fa il divario tra un prodotto Dyson ed il miglior concorrente era enorme, modelli quali i recenti Rowenta Air Force 360 hanno quasi colmato il distacco tecnico proponendo in più il vantaggio di un prezzo competitivo.

Dyson risponde ai progressi della concorrenza con il V7, evoluzione del famoso V6 ma che in realtà si pone più come una versione leggermente ridotta della linea top di gamma V8, dalla quale attinge a piene mani le nuove soluzioni tecniche.
Fermo restando che il V6 rimane un prodotto ancora oggi eccellente, il V7 riesce nell’impresa di migliorarlo sensibilmente, mantenendo la valida impostazione di base ed introducendo alcune novità importanti ed una serie di migliorie minori.
Nella sostanza si tratta di un Dyson V8 con qualcosa in meno (poco, comunque), tanto che anche gli attacchi degli accessori sono identici a quelli del V8 e con esso intercambiabili.
Riporto qui di seguito cosa è cambiato rispetto al V6 e cosa differenzia la nuova gamma V7 dal modello di punta V8, anticipando sin d’ora che il V7 si pone come il nuovo punto di riferimento della categoria, sostanzialmente privo di difetti, e risultando persino preferibile al V8.

Una prima novità importante è sicuramente il migliorato RAPPORTO PREZZO / DOTAZIONE, che rende il prodotto più attraente che in passato.
La linea V7 attualmente si compone di tre modelli che prevedono tutti la consueta dotazione base, composta da bocchetta a doppia funzione con setole estraibili, lancia, tubo di prolunga e base di ricarica.
Il modello denominato Motorhead aggiunge a ciò anche la spazzola motorizzata direct drive grande, adatta a tutti i pavimenti, ma particolarmente efficace sui tappeti e sulla moquette. Il prezzo sul sito Dyson è di 399 Euro, quando all’uscita (nel 2016) l’ultima versione del V6 Motorhead con analoga dotazione costava ben 509 Euro. Il risparmio è quindi corposo, considerando anche che il V7 è un prodotto nuovo e migliorato in parecchi aspetti, come si vedrà.
Altro modello proposto è il V7 Fluffy, che oltre alla dotazione base include la spazzola motorizzata a rullo morbido, specifica per pavimenti duri e già presente nel precedente V6 Fluffy, ma aggiunge in più la mini turbospazzola motorizzata per divani, tessuti e automobile, nonché una nuova bocchetta a setole morbide destinata a mobili e superfici delicate (entrambe non presenti nel precedente Fluffy). Per questo nuovo modello il prezzo più basso attualmente è di 499 Euro, non molto meno dei 509 Euro richiesti all’uscita del precedente V6 Fluffy, ma c’è da considerare la dotazione aggiuntiva (solo ma mini turbospazzola costa una sessantina di Euro) che ne eleva il valore e lo rende più completo.
L’ultimo V7 presente nella gamma è l’Animal Extra, che include la dotazione base solita, la spazzola motorizzata larga direct drive analoga a quella del Motorhead (adatta ad ogni tipo di pavimento, ma migliore su tappeti e moquette), la mini turbospazzola motorizzata identica a quella del nuovo Fluffy ed una bocchetta a setole molto rigide per la pulizia dello sporco resistente.
Anche in questo ultimo caso il prezzo più basso reperibile è di 499 Euro, sensibilmente meno dei 550 Euro richiesti per il precedente modello.

Venendo alla sostanza, la prima novità veramente importante sta nel CONTENITORE DI RACCOLTA DELLA POLVERE MAGGIORATO, che è identico a quello del recente V8.
Presenta, quindi, capacità aumentata del 40% (è visibilmente più largo) e soprattutto il SISTEMA DI SVUOTAMENTOO e pulizia “quasi automatico”, che chiunque abbia provato un V8 non ha potuto che apprezzare.
Con un unico movimento, tirando la leva rossa superiore, si provoca l’apertura del fondo del contenitore (con conseguente caduta dello sporco per gravità), ma anche contemporaneamente lo scorrimento verso l’altro dell’intero gruppo filtrante interno. Quest’ultimo passa attraverso una flangia di gomma che rimuove i grovigli di peli e polvere accumulati sulla superficie. Pochi movimenti in senso verticale del gruppo filtrante consentono di ottenere una pulizia perfetta o quasi dell’aspirapolvere. Resta ferma la possibilità di rimuovere l’intero contenitore per una detersione più approfondita, cosa da farsi occasionalmente, comunque.
Quello appena descritto è un sistema esclusivo dei recenti V7 e V8 Dyson, che si rivela estremamente pratico in una fase (quella di svuotamento e pulizia del macchinario) che è sempre stata fastidiosa nei precedenti V6, privi di tale soluzione.
Conferisce a questi nuovi modelli Dyson un valore aggiunto rispetto alla concorrenza, la quale sul punto è ancora lontana.

Il V7 ha un’AUTONOMIA MAGGIORE che arriva a 30 minuti, rispetto ai 20 del V6.
L’ho provato personalmente con il modello Fluffy con spazzola a rullo morbido sempre inserita e sempre in funzione: ho misurato ben 29 minuti di utilizzo continuo a potenza normale, che sono ben più dei 20 minuti misurati con il precedente V6 Fluffy. Posto che il prodotto è ancora nuovo, alcuni cicli di caria e scarica potranno migliorare la prestazione e probabilmente fargli superare anche la mezz’ora.
Il V8 si avvantaggia della batteria più grande e riesce a raggiungere anche i 40 minuti.
Attivando la modalità MAX, che quadruplica la potenza aspirante, l’autonomia scende a circa 7 minuti, contro i 6 del precedente V6 e gli 8 del V8.
In ogni caso, data l’elevatissima efficienza delle sue spazzole motorizzare, l’autonomia di una trentina di minuti rende il V7 adatto ad essere impiegato anche come aspirapolvere unico o principale di una casa di medie dimensioni, intorno ai 100 mq. E’ ovviamente possibile usarlo in abitazioni più grandi, a patto di farlo ricaricare e dividere, di conseguenza, gli ambienti da pulire.

Il PESO del V7 è più elevato rispetto a quello del V6, a causa principalmente del contenitore di maggiori dimensioni.
Il corpo motore del V7 si attesta sui 1400 grammi circa, rispetto ai 1290 del V6. Il V8, invece, supera i 1500 grammi, per effetto della batteria più grande. A tali pesi va aggiunto quello degli accessori: tubo di prolunga e spazzola motorizzata larga pesano complessivamente circa 1 Kg per tutti i modelli. Quindi, in normali condizioni d’uso il V6 completo pesa 2,3 Kg circa, il V7 supera a 2,4 Kg ed il V8 i 2,5 Kg.
La differenza di peso tra V7 e V6 risulta difficilmente avvertibile nell’uso concreto, posto anche l’ottimo bilanciamento delle masse.
Il passaggio da V6 a V8, invece, risulta più avvertibile, trattandosi di oltre 200 grammi, anche se pure il V8 risulta ottimamente bilanciato e quindi poco affaticante.
Ovviamente, il V6 rimane imbattibile nell’utilizzo verso l’alto, ad esempio per la rimozione delle ragnatele, grazie al suo peso minimo.

Il V7 è più SILENZIOSO del V6. La differenza è notevole e si può quantificare a orecchio in un dimezzamento del disturbo acustico. Rispetto al V8 il livello di rumore è sostanzialmente il medesimo.
Anche attivando la modalità MAX, ossia la potenza più elevata, il suono generato resta ben inferiore nel V7 che nel V6.

A quest’ultimo riguardo, la MODALITA’ MAX è ora attivabile nel V7 attraverso un più chiaro cursore, anziché con un pulsante come avveniva nel V6. Anche tale modifica è stata ripresa dal V8, che è in ciò identico.
Quadruplica la potenza di aspirazione a discapito dell’autonomia, che si riduce a circa 6 minuti.

La POTENZA DI ASPIRAZIONE era già ai vertici nel V6 e resta tale nel V7.
Il V7 fa meno rumore e quindi sembra aspirare meno, ma nella realtà raggiunge le stesse prestazioni.
Secondo il produttore, il V7 dovrebbe incrementare la potenza aspirante rispetto al modello che sostituisce, ma a me pare che la miglioria vada a vantaggio dell’autonomia di funzionamento e non della potenza.
In ogni caso, non si può che essere soddisfatti: ho provato tantissimi aspirapolvere senza fili della concorrenza (i migliori sono i Rowenta Air Force 360), ma nessuno può eguagliare il V6. Quindi il V7 rimane ai vertici comunque.
Il V8 dovrebbe essere leggermente al di sopra, grazie ad una potenza dichiarata maggiore (400 Watt anziché 350 di V6 e V7). Nell’uso concreto, tuttavia, non si notano differenze apprezzabili.
In sintesi, il V7 è un valido sostituto del precedente V6 e può benissimo essere acquistato in luogo del più costoso V8, senza rinunce sostanziali dal punto di vista della potenza.

Come già accennato, gli ATTACCHI degli accessori sono stati variati nel V7, adottando i medesimi già presenti nel V8.
Ne deriva che tubi di prolunga, bocchette e spazzole motorizzate possono essere scambiate tra V7 e V8.
Al contrario, non è possibile usare su V7 e V8 gli accessori del precedente V6, così come quest’ultimo non può montare gli accessori di due modelli più nuovi.
Per quanto gli innesti del V6 fossero già di ottima qualità, quelli nuovi di V7 e V8 paiono ancora più semplici da utilizzare.

Il V7 ha, come il V6, un LED di colore blu che indica lo stato di funzionamento e quello di ricarica in modo molto semplificato.
Il V8 dispone, invece, di un led triplo, che evidenzia anche il livello della batteria.

La BATTERIA ha il medesimo voltaggio in tutti e tre i modelli, mentre la capacità non risulta specificata. Le batterie di V7 e V6 paiono anche identiche nelle dimensioni, sebbene il V7 abbia un’autonomia effettiva maggiore di circa il 50%.
Il V8 ha, invece, una batteria visibilmente più lunga (sembra che si tratti di una cella al litio in più, anche se il voltaggio è sempre identico).
Riguardo al tipo di batteria, è bene precisare che tutti adottano tecologia al litio: la descrizione potrebbe trarre in inganno, poiché parla di nichel-cobalto-manganese, ma in realtà non si tratta assolutamente di una batteria Ni-MH, ma proprio di una delle migliori tecnologie al litio oggi disponibili Ni-Co-Mn.

La RICARICA avviene in tempi pressoché identici nel V7 e nel precedente V6, richiedendo circa 3 ore in caso di scarica completa.
Il V8 richiede di più, attestandosi intorno alle 4 ore e 30 minuti, a causa della batteria più capiente e di maggiori dimensioni.

Riguardo, infine, alla STAZIONE DI RICARICA, i V7 e V8 adottano la medesima. Quest’ultima presenta alcune differenze rispetto al passato, come un sistema ammortizzato per l’innesto automatico dell’alimentatore di ricarica allorquando si ripone il Dyson, ma nella sostanza è molto simile a quella del V6.
Molto opportunamente, le posizioni delle due viti di fissaggio a parete sono rimaste invariate, pertanto è semplicissimo rimpiazzare la base di un V6 con quella di uno dei due modelli nuovi.

Gli ACCESSORI forniti con il nuovo V7 riprendono le linee e l’impostazione generale di quelli, ottimi, già presenti sul V6.
Cambiano gli attacchi, come detto, cosa che li rende non intercambiabili con quelli del precedente V6 (mentre sono intercambiabili gli accessori tra V7 e V8), ma per il resto rimangono quasi uguali.
Il “quasi” deriva dal fatto che qualche differenza la si riscontra: la spazzola Fluffy del V7, infatti, risulta priva del rullo morbido piccolo posteriore, sostituito da due ruotine in plastica che rendono la spazzola ancora più scorrevole, ma leggermente più rumorosa. Nei fatti, comunque, la variazione non modifica l’ottimo livello di pulizia.

In conclusione, il nuovo V7 è ancora una volta un grande prodotto Dyson che riesce nel compito di tenere la concorrenza più qualificata a debita distanza.
E’ migliore del già ottimo V6 praticamente in ogni aspetto, fornendo importanti vantaggi nell’autonomia aumentata del 50%, nella rumorosità quasi dimezzata, nella maggiore capacità del contenitore di raccolta dello sporco. Sono aspetti importanti nell’uso concreto, che rendono ancora più apprezzabile il V7.
Anche la collocazione sul mercato ha subito una variazione a vantaggio dell’acquirente, che può acquistare la versione attualmente più economica (Motorhead) del nuovo V7 ad oltre 100 Euro meno rispetto a quanto accadeva con il V6 Motorhead solo un anno fa. Forse verrà rilasciata in futuro anche una variante ancora più economica (tipo Digital Slim), che potrebbe portare il prezzo vicino a quello di alcuni concorrenti a buon mercato.
L’acquisto del V7 risulta quindi consigliato in modo assoluto e senza riserve: costa pur sempre di più dei concorrenti, ma le prestazioni che offre sono inarrivabili per gli altri marchi e la praticità d’uso è ineguagliabile anche per i migliori modelli alternativi.
Rispetto al V8, che pure è eccellente, il V7 ha poco da invidiargli. Rinuncia a 10 minuti di autonomia ed al triplo led che evidenzia la carica della batteria, ma per contro è più leggero e costa un po’ meno. Per tutto il resto, V7 e V8 risultano praticamente uguali, incluse le prestazioni, posto che nell’uso reale non si avvertono differenze.
Per tutte le ragioni sopra dette, quindi, ritengo che il nuovo Dyson V7 sia il nuovo punto di riferimento assoluto degli aspirapolvere senza fili, essendo addirittura preferibile al valido V8.

Tra i vari modelli di V7, la scelta dipende solo dalle esigenze personali, variando esclusivamente la dotazione di accessori.
Il Motorhead consente di risparmiare un centinaio di Euro e va bene per la maggior parte degli utilizzi.
Se si hanno quasi esclusivamente pavimenti duri, legno incluso, il Fluffy risulta imbattibile sia per l’efficienza di pulizia, sia per la silenziosità; in più oggi dispone anche della mini turbospazzola che può trattare agevolmente anche tappeti di dimensioni contenute.
L’Animal Extra è sostanzialmente un Motorhead con la mini turbospazzola ed una bocchetta in più, adatto principalmente a chi abbia tappeti o rivestimenti tipo moquette, nonché, come dice il nome, a chi ospiti animali in casa.
0Commento| 78 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione? Segnala un abuso| Link permanente
Cos'è?

Cosa sono i link di un prodotto?

All'interno della tua recensione puoi inserire un link a qualsiasi articolo in vendita su Amazon.it. Per inserire un link del prodotto, segui la procedura sottostante:
1. Trova il prodotto di cui desideri inserire un riferimento su Amazon.it
2. Copia l'indirizzo del prodotto
3. Fai clic su Inserisci il link di un prodotto
4. Incolla l'indirizzo nel riquadro
5. Fai clic su Seleziona
6. Dopo aver selezionato l'articolo visualizzato, verrà inserito un campo testuale simile a questo: [[ASIN:014312854XHamlet (The Pelican Shakespeare)]]
7. Una volta pubblicata la tua recensione su Amazon.it, il testo verrà trasformato in un collegamento ipertestuale simile a questo:Hamlet (The Pelican Shakespeare)

Nella tua recensione puoi inserire un massimo di 10 link per i prodotti, il cui testo non può superare i 256 caratteri.