Scopri Toys Books Cloud Drive Photos Learn more Learn more CE Scopri Scopri Shop Kindle cliquez_ici Scopri Scopri Sport

Recensioni clienti

4,7 su 5 stelle
12
4,7 su 5 stelle
HyperX Alloy FPS Pro Tastiera Meccanica per il Gaming, QWERTY, US Layout, Interruttore Cherry Red
Dimensione: Alloy FPS Pro|Stile: Interruttore Cherry Red|Cambia
Prezzo:99,99 €+ Spedizione gratuita con Amazon Prime


il 11 ottobre 2017
Una delle tastiere meccaniche di punta a un prezzo veramente eccellente! Consiglio vivamente a tutti, gamer e non. Sono rimasto molto soddisfatto anche dagli switch blue montati su questo gioiellino.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 24 giugno 2017
Tastiera super che ha superato le mie aspettative consiglio di prenderla solo nel caso in cui conosciate la tastiera italiana perché questa è una tastiera inglese
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
il 2 ottobre 2017
veramente un bel prodotto il top delle tastiere.
Il layout è in inglese e non si possono mappare i tasti ma meccanicamente è ottima.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 50 RECENSORIil 15 febbraio 2017
 Prima del test, da questa tastiera ALLOY mi aspettavo molto per diversi motivi, tra i quali l’aspetto (compatto ma con la presenza del tastierino numerico), i tasti meccanici “cherry blue” e non da meno il marchio “HyperX”: ho in casa l’headset HYPERX CLOUD che ritengo ancora oggi il miglior acquisto mai fatto relativamente al rapporto qualità/prezzo, in materia di cuffie da game.
Premetto inoltre che sono possessore di una CM STORM TRIGGER Z che attualmente utilizzo con enorme piacere (posso dire che sono abituato bene), pagata 120 euro circa che monta “cherry brown” e quindi questa recensione sarà in qualche modo influenzata da anni di utilizzo di periferiche meccaniche.

IL PRIMO IMPATTO
La confezione racchiude appunto la tastiera ALLOY marchiata HyperX, il cavo USB per collegarlo a PC, una comoda custodia in tessuto traforato ben imbottito (per il trasporto), e un kit di lettere A,S,D,W satinate e in colore rosso (piu` l’apposito attrezzo per rimuovere i tasti).

La tastiera e` realizzata in nero, con retroilluminazione in rosso (molto gradevole) e arriva in layout INGLESE: lo stile e i colori mi ricordano da subito le mie cuffie HperX Cloud, di cui per altro come gia’ detto sono innamorato perche’ le ritengo ottime come resa, ottime come aspetto e costruzione… in rapporto alla cifra da investire per acquistarle.

Sulla parte superiore della tastiera troviamo una porta di ricarica USB e l’attacco MINI USB dove andremo a collegare il cavo per il PC: interessante come il cavo stesso sia dotato di doppio spinotto USB (sdoppiato) all’ estremita’ dove si aggancia al PC ..sara’ in ogni caso necessario collegare anche il secondo connettore solo se si desidera utilizzare la porta di ricarica di cui appunto e’ provvista la tastiera.

I peidini gommati e l’aderenza in genere di questa periferica e’ eccezionale e non e’ facile muoverla una volta appoggiata sulla vostra scrivania.
Infine, da notare come non goda invece di poggiapolsi: di certo un peccato perche’ personalmente li trovo comodi, specialmente durante sessioni di gioco o di battitura prolungati, ma in questo caso e’ stata premiata la compattezza.

IL MIO TEST
Quando acquistai la mia Trizzer Z, scelsi i "brown cherry" in quanto erano dati come non troppo rumorosi e perfetti per sessioni di gioco e di scrittura (un ibrido), proprio quello che stavo cercando io allora.

Questi switches Blu sono diversi: danno da subito una sensazione fantastica e diversa dai “brown”.. premendoli si ha un «click» deciso, che trasmette sicurezza ed estrema gratificazione. Forse è vero che è leggermente rumorosa rispetto alla mia trigger z, ma ora posso dire che a me non dispiace affatto percepire questo click deciso.
Avevo gia’ avuto modo di testare una tastiera con cherry blue (di una sottomarca di mercati paralleli).. ma questa e’ notevolmente piu’ precisa nel movimento dei tasti, e la sensazione e il feeling e’ ottimo sia digitando che in game.
Per capire meglio il rumore generato dai tasti, ho in ogni caso realizzato un video che credo spieghi meglio di ogni parola.

Il layout è USA per cui attenzione perchè occorre impostare correttamente su windows il tipo di tastiera utilizzato: sia ben chiaro che parliamo sempre di tastiera QWERTY, ma la punteggiatura o i vari segni sono posti diversamente rispetto alla «nostra» italiana.

Se vi piace la retroilluminazione in rosso, trovo che quella di questa tastiera sia molto sobria e ben omogenea: io ad esempio sono amante delle cose semplici e devo dire che ho apprezzato molto il gusto da gamer non troppo “tamarro” che trasmette questa tastiera.
Ovviamente c’e’ la possibilita’ di cambiare tipologia di retroilluminazione (FN + freccia SX/DX) e di impostare la luce solo sui tasti prettamente da videogiocatore, di creare un effetto ad intermittenza, o un effetto illuminato a scorrimento da sinistra a destra.
Il tutto potendo impostare anche il grado di luminescenza (FN+tasto su/giu).

Per il resto trovo comode le combinazioni/scorciatoie realizzabili tenendo premuto il tasto FN + F6, F7, F8, etc. che permettono di alzare/abbassare il volume, piuttosto che mettere in pausa musica, etc.
Funzionale anche la possibilita’ di disabilitare il tasto WINDOWS di modo tale che quando si e’ in game non capiti di tornare al desktop di WIN, schiacciando il tasto inavvertitamente.
Ovviamente CAPS LOCK e CAPS NUM sono segnalati (se attivi) tramite apposito LED.

Ma veniamo al game e alla pratica: testata in Call of Duty Black Ops, World of Warcraft, Hitman e Watch Dogs ho trovato eccezionale la risposta di questi Blue cherry.
I tasti sono posti ad una corretta distanza e la barra (che solitamente si utilizza per il salto) e’ facilmente raggiungibile con il pollice della mano sinistra.
I tasti A,S,D,W in dotazione (quelli rossi per intenderci) hanno un grip migliorato e sono facilmente identificabili durante le sessioni di game: doveste perdere inavvertitamente il contatto, sara' semplice e veloce ritrovare l'assetto in partita.
Mi sarebbe invece piaciuto un ENTER (RETURN) piu’ grande e piu’ facile da identificare senza bisogno di guardare la periferica.
Anche nel campo della videoscrittura se la cava egregiamente visto che i tasti non sono duri da premere ... magari un poggiapolsi non avrebbe pero' guastato per facilitare l'assetto delle proprie mani sulla tastiera.

Ad onor del vero c’e’ da dire che i neofiti dovranno fare un po' di pratica prima di gustarsi la tastiera (come per altro ho dovuto fare io passando da una tastiera a membrana ad una meccanica) ma poi ci si abitua e non si può più fare senza.

CONCLUSIONI
Chi sceglie una tastiera meccanica, sa’ che oltre al feeling diverso (a mio avviso migliore e di molto), potra’ contare sulla maggiore robustezza e quindi sul fatto che il prodotto sia duraturo nel tempo.

Dopo averne provate diverse, mi sento di dirvi che questo tipo di tasti, appunto i blue cherry, sono perfetti per la scrittura vista la loro precisione e il loro rumore che ricorda le macchine da scrivere di un tempo, cosi’ come per il game.
La goduria nel muoversi con i tasti della testiera nei propri giochi è pazzesca e a mio gusto forse sono i piu piacevoli in questo senso.

Se non fosse per il layout AMERICANO (al quale comunque ci si abitua in fretta, ed inoltre puo’ non essere un ostacolo per chi la utilizza solo per giocare), credo che per la prima volta abbia trovato una tastiera in grado di lottare, e forse anche di vincere.. la sfida con la mia meccanica TRIGGER Z.

Avevo aperto questa recensione dichiarando di avere molte aspettative su questo prodotto targato HYPERX … a volte la troppa aspettativa e’ pericolosa in termine di soddisfazione finale … ma non in questo caso: questa ALLOY e’ sobria ma stupenda a livello estetico, una libidine di precisione, illuminazione e compattezza .. a mio avviso insomma un vero MUST HAVE per chi gioca.

Spero che questa recensione possa aver contribuito nel chiarirvi le idee rispetto al prodotto!
0Commento| 5 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 500 RECENSORIVOCE VINEil 16 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
 Sono innamorato delle tastiere meccaniche, ho proprio un'attrazione esagerata... Per questo sono anche molto esigente e attento a quelle che compro. Ho avuto, con questa, tre tastiere meccaniche: Steelseries 6GV2, 1stPlayer Firerose MK3 e questa. Tutte hanno dei pregi e dei piccoli difetti. La Steelseries aveva i Cherry Black, erano piuttosto duretti e la sensibilità molto elevata creava molti errori di battitura, ma era comunque una grande tastiera. La Firerose faceva un casino pauroso, ogni tasto sembrava un tacco di scarpa sul legno... Questa HyperX è la più equilibrata, è davvero molto molto bella.

La scatola è molto ben dettagliata, è un particolare che adoro, quando dalla confezione si capisce esattamente ciò che c'è all'interno, ricca di informazioni. In dotazione la tastiera, cavo usb, tasti metallici colorati, custodia, estrattore. Il design è quanto di più bello si possa avvicinare ai miei gusti: semplice ma molto ben rifinito, aggressiva ma elegante allo stesso tempo, minimalista.

Una volta collegata si accende la retroilluminazione, che potrà essere fissa o dinamica, in base ai gusti. La luminosità è regolabile, e può essere spenta. Presente la funzione per disattivare i tasti Windows durante le sessioni di gioco. Telaio in acciaio, rende la tastiera pesante quanto basta per non muoversi neanche nelle fasi di gioco più concitate. Presente una porta USB per la ricarica di eventuale smartphone, ma solo ricarica. Nessuna periferica attaccata sarà riconosciuta dal pc. Con questa tastiera potrete premere quanti tasti vorrete contemporaneamente, non ci saranno mai errori sul sistema, saranno riconosciuti tutti senza la minima interferenza. Non so se esistano altre versioni, quella che ho preso è Cherry MX Blue.

Esistono vari tipi di interruttori meccanici, i migliori appunto sono i Cherry MX:

CHERRY MX BLACK: i più "pesanti", e con corsa lineare, senza scalino
CHERRY MX BROWN: pressione media, presenza di scalino che dà un feedback sulla pressione
CHERRY MX RED: simili ai black, ma più leggeri come pressione, sempre senza scalino
CHERRY MX BLUE: praticamente come i BROWN, forse leggermente più morbidi e con un suono più marcato durante la digitazione

Il costo è giustificato dalla qualità del prodotto, non vi resta che provarla. Me ne sono innamorato ed è diventata la mia compagna quotidiana.
review image review image review image review image review image review image review image review image
0Commento| 4 persone l'hanno trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 100 RECENSORIil 27 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
I termini "tastiera gaming" presuppongono elevati standard qualitativi e particolari funzioni integrate per migliorare la nostra esperienza di gioco...in questo prodotto ho ritrovato tutto questo e le mie aspettative sono state soddisfatte in pieno! Di seguito cercherò di elencare i motivi di questo mio giudizio:

- il design è curato ma semplice e le dimensioni sono davvero contenute (44,3 x 13 cm) pertanto non sottrae spazio utile alla superficie di lavoro;
- il telaio è realizzato in materiale metallico pertanto questa tastiera è nel complesso abbastanza pesante (992 g - peso da me verificato): questo aspetto può causare qualche problema durante il trasporto ma durante l'utilizzo rappresenta senza dubbio un valore aggiunto in quanto assicura massima stabilità ed evita fastidiosi cambi di direzione durante l'utilizzo;
- è possibile regolare l'altezza su due livelli e sono presenti dei gommini antiscivolo;
- è equipaggiata con gli switch Cherry MX in grado di assicurare un perfetta risposta ad ogni pressione ed una lunghissima durata di vita (la casa costruttrice parla di oltre 50 milioni di pressioni per switch!);
- è presente un porta USB per poter comodamente ricaricare il nostro smartphone mentre usiamo il pc;
- il cavo è removibile ed è realizzato interamente in tessuto di colore nero e rosso; importante sottolineare la presenza di ben due connettori USB da collegare al nostro computer al fine di fornire l'energia necessaria per alimentare anche la porta USB della tastiera;
- sono presenti dei copri tasti di colore rosso per i tasti: 1 - 2 - 3 - 4 - W - A - S - D; gli ultimi quattro presentano inoltre una superficie ruvida per poter essere facilmente individuati durante il gioco. Da segnalare inoltre la presenza dell'apposito utensile per la sostituzione dei tasti;
- attivando la modalità GAME viene disabilitato il tasto di Windows per impedire interruzioni accidentali durante il gioco;
- è del tipo N-key Rollover e anti-ghosting pertanto può riconoscere anche pressioni multiple simultanee di molti tasti...nelle prove da me svolte non ha perso mai un colpo!
- è presente una magnifica retroilluminazione rossa con varie possibilità di personalizzazione, molto utili durante il gioco;
- è presente una comoda custodia per il trasporto al fine di evitare graffi o ammaccature.

Unico aspetto da segnalare è il layout US (che determina una diversa disposizione dei vari tasti per la punteggiatura) pertanto dobbiamo configurarla diversamente dalle tastiere che usiamo abitualmente:
> Lingua di input: Inglese (Stati Uniti)
> Layout di tastiera: Americano Internazionale.
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 50 RECENSORIVOCE VINEil 25 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
Questa Alloy è la prima tastiera di HyperX ed è specificamente progettata per il gaming e più specificamente per gli FPS.
Dovrebbe essere resa disponibile in tre differenti versioni, ognuna con una variante diversa degli swith Cherry (Blue, Brown o Red). Al momento però sembra esserci sul mercato solo la versione oggetto di questa recensione, quella cioè con gli MX Blue.
Gli swith Blue hanno la caratteristica di avere un “clic” deciso nel punto di attuazione che li rende un po’ rumorosi, sicuramente più dei Red che in generale sono considerati la scelta migliore per gli FPS ma anche dei Brown.
In generale vengono invece considerati una buona scelta per la battitura testi. In effetti anche il suono che generano sembra tanto quello delle vecchie macchine da scrivere.
Hanno una corsa abbastanza corta (2 mm) ed una forza di attivazione pari a 50 grammi.
La scelta di questo tipo di switch comunque resta una scelta personale e a molti piacciono proprio per le stesse caratteristiche che invece li fanno odiare ad altri.
La tastiera è davvero minimal, compatta e con pochi fronzoli. Perfetta per chi ha problemi di spazio sulla scrivania ma anche per chi ha l’esigenza di portare con se la tastiera. Per questo specifico motivo, HyperX include nella confezione una comoda custodia imbottita da trasporto che ad essere onesti, è la prima volta che mi capita come accessorio.
Gli switch non sono incassati nel corpo della tastiera e sono come “poggiati sulla base in metallo. L’effetto visivo è bello, ma la cosa più importante è che la pulizia della tastiera diventa davvero facile e no si accumulerà niente sotto.
Pur essendo una compatta, dispone di tastierino numerico mentre mancano tasti macro aggiuntivi nonché la comodissima rotella per il volume presente su altri prodotti di questa fascia ma di dimensioni ben maggiori. Il cavo USB è staccabile, cosa utile in caso di rottura, e presenta all’estremità da collegare al PC due USB standard. Si collega poi alla tastiera mediante miniUSB. Nella parte posteriore della tastiera è presente una porta USB, peccato che però serva solo per ricaricare e non funzioni come porta dati. Tra le altre cose i connettori USB sono abbastanza grandi ed ho avuto qualche difficoltà nell’inserirli in due prese contigue della piastra madre.
Pur essendo piccola, sembra decisamente robusta con la parte superiore in metallo. La parte inferiore è invece ben gommata e dispone di piedini per rialzarla.
L’illuminazione è solo con led rossi. Se siete appassionati di effetti speciali, questa tastiera non fa per voi. È possibile scegliere tra 6 diverse modalità di illuminazione oltre a quella personalizzata in cui si possono scegliere i tasti da illuminare. A differenza di altri prodotti di questo tipo, non è disponibile alcuna applicazione per PC per la configurazione della tastiera.
I tasti funzione comunque possono essere utilizzati per il volume, per la luminosità o per le tracce audio.
Sono disponibili 8 tasti di colore rosso con una serigrafia che dovrebbe permettere di riconoscerli meglio anche al tatto. Nelle sessioni più impegnative comunque tendono a diventare come tutti gli altri. Se non altro sono carini da vedere.
Il layout è inglese, ma del tipo QWERTY, il che significa che è uguale ad una tastiera con layout ITA tranne che per il fatto che mancano le vocali accentate.
È possibile scegliere una modalità Game che disabilita i tasti che non servono e che se premuti per errore possono interrompere il gioco come il tasto Windows. Si può poi scegliere tra le modalità 6KRO e NKRO che in pratica permettono alla tastiera di riconoscere la pressione contemporanea di 6 tasti (più quelli funzione) oppure addirittura tutti i tasti.
Alla prova pratica in game, testata a lungo con Overwatch, la tastiera si è mostrata ben reattiva e rapida e non affaticante. Il rumore tutto sommato è trascurabile, soprattutto se giocate con le cuffie, mentre la sensazione tattile del “clic” si sente e devo ammettere che non è affatto spiacevole. Rispetto ai RomerG della Logitech G910 Orion Spectrum in effetti si guadagna qualcosa in termini di velocità e sensazione di precisione.
A conti fatti, una tastiera sobria ed elegante (quanto può esserlo comunque una tastiera da gaming, davvero minimal per chi ha poco spazio o per chi intende portare in giro la tastiera. A me gli switch Blue piacciono particolarmente, proprio per la sonorità e per il feedback preciso e definito, non solo nelle sedute di gaming ma anche nella battitura di testi, per cui a mio parere sono i più adatti in assoluto.
Se però non avete problemi specifici, nella stessa fascia di prezzo si trovano prodotti ben più ingombranti ma che dispongono di tasti macro programmabili, della fantastica rotella del volume (una volta provata è difficile farne a meno) e di molte più possibilità di personalizzazione.
review image review image review image review image review image review image review image review image review image
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 500 RECENSORIVOCE VINEil 20 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
Una tastiera di questo tipo, della Kingstone Tecnology Corporation, farà la gioia dei giocatori appassionati di gaming e specificatamente di quelli identificati come FPS (dall'inglese First Person Shooters) cioè sparatutto in prima persona, perché una tastiera meccanica di alta qualità costruttiva e di valida risposta alla pressione dei tasti è quello a cui più aspirano.

Viene consegnata nella sua scatola in cartone che riproduce esternamente il prodotto e la sintesi delle sue caratteristiche tecniche in diverse lingue, italiano compreso.
Troviamo all’interno, opportunamente imballata con la gommapiuma:
• la tastiera meccanica HyperX Alloy FPS;
• 8 copritasti meccanici per gaming;
• lo strumento per la rimozione dei copritasti;
• la custodia da viaggio;
• cavo mini USB/USB con ulteriore derivazione USB scollegabile lungo m. 1,80;
• guida rapida d’uso.
La differenza tra le varie tastiere la fa quello che sta SOTTO i tasti e in questo caso sotto i tasti ci sono gli switch Cherry MX di Cherry Corporation (azienda americana oggi di proprietà di un’azienda tedesca) leader mondiale nel settore dei tasti meccanici, che vengono progettati, sviluppati e prodotti in Germania e che dal 1967 si occupa di tastiere.
Ci sono tipologie diverse di Cherry MX, adatte a differenti stili di digitazione che vengono identificate da un colore:
• Cherry MX Black (corsa lineare senza scalino)
• Cherry MX Red (corsa lineare senza scalino)
• Cherry MX Brown (corsa con scalino senza click)
• Cherry MX Blue (corsa con scalino con click pronunciato)

Inoltre accanto a queste principali famiglie esistono anche altri tasti con opzioni e caratteristiche diverse.

La tastiera che ho modo di recensire dispone dei tasti Cherry MX Blue che sono molto popolari tra i digitatori più veloci, perché sono considerati i più tattili e scattanti ma, per contro, anche abbastanza rumorosi a causa della solida resistenza che pongono quando vengono premuti (60 grammi è la pressione tattile da esercitare, 15 in più della serie Red), comunque eccellenti per il feedback che rilasciano, veramente importante visto che a quello tattile aggiunge un udibile clic.

Questa tastiera HyperX Alloy FPS è compatta, non particolarmente ingombrante (dimensioni cm. 44 x 13 x 3,6 e peso di 1 kg.), adatta ad essere trasportata grazie al cavo Mini USB/con doppio connettore USB, a trama intrecciata, robusto e scollegabile e alla custodia protettiva semi imbottita, traspirante con laccio di chiusura, fornita anche di tasca, con chiusura velcro, dove riporre gli accessori.

Il telaio con cui è costruita è in acciaio per una maggiore durabilità e stabilità. Quest’ultima viene garantita oltre che dal peso, anche dai supporti gommati posti sul retro e dai supporti a scatto, anch’essi “gommati”, che permettono di inclinare la tastiera facilitandone la digitazione.
I contatti sono in oro autopulenti e molto resistenti alla polvere e allo sporcizia. I tasti sono dotati di molle in lega di metallo per migliore resistenza alla pressione. Ogni tasto è garantito per 50 milioni di pressioni, senza che perdano sensibilità per garantire ai giocatori massima precisione e nessuna perdita di affidabilità.

La tastiera è retroilluminata in rosso con sei modalità LED preimpostate inclusa una modalità personalizzata attivabile con la pressione del tasto FN + freccia sx/freccia dx/freccia su/freccia giù (effetto intermittenza, luce sui tasti di gioco, aumento o diminuzione luminosità etc.). Per tale motivo la tastiera si adatta a sessioni sia diurne sia notturne con gli effetti desiderati.
In essa troviamo anche una porta di ricarica USB a cui poter collegare il telefono/tablet (il secondo connettore USB va comunque inserito in una porta USB del computer), un tasto Game (che disabilita il tasto Windows al fine di evitare interruzioni involontarie).
Inoltre sono disponibili le funzioni Anti-Ghosting e N-key Rollover che permettono di premere tutti i tasti contemporaneamente, eseguendo con immediatezza il comando associato a ogni singola combinazione di tasti.
In dotazione la tastiera offre i copri tasti di colore rosso WASD/1234 (e uno strumento per rimuoverli), facilmente individuabili e caratterizzati da elevata ruvidezza per aumentare il controllo dell’azione esaltando l’esperienza di gioco (peraltro illuminabili in modo esclusivo con la combinazione FN + freccia sx).
Il layout della tastiera è USA ed è quindi importante impostare correttamente su Windows il tipo di tastiera utilizzato e, pur se QWERTY, la punteggiatura o i caratteri speciali sono posizionati in modo diverso rispetto alla tastiera italiana.
I tasti CAPS LOCK e CAPS NUM se bloccati, sono segnalati tramite l’accensione di apposito LED posto in alto a destra (A e 1 ).
Per ogni dettaglio sulla combinazione dei tasti e sul layout della tastiera si rimanda alla “Quick Start Guide” molto ben fatta, sintetica e con le indicazioni anche in italiano.

Questa tastiera destinata in primis ai gamers sarà apprezzata quando la utilizzeranno, ad esempio, con giochi della serie Call of Duty o altri FPS altrettanto coinvolgenti. Può, peraltro, essere destinata anche ad un uso più tradizionale per gli amanti delle tastiere meccaniche.

Il rapporto qualità/prezzo (€ 118,99 a febbraio 2017), in relazione all’oggetto e alla indiscutibile qualità della meccanica dei tasti, è decisamente valido.

Infine, di seguito, le mie considerazioni di sintesi.

Cosa mi piace:
• design essenziale;
• materiali;
• qualità meccanica dei tasti (cherry blue);
• stabilità e cura dei dettagli;
• ingresso USB per ricaricare smartphone/tablet;
• possibilità di combinare l’illuminazione a LED;
• dotazione accessori.

Cosa non mi piace:
• la tastiera con standard English US.

Spero che quanto ho scritto possa esservi di aiuto, resto disponibile ad eventuali domande o richieste che mi verranno rivolte e soprattutto, se con l’uso si dovessero evidenziare problemi o difetti, tornerò ad aggiornare la recensione.

Infine, di seguito, le mie considerazioni di sintesi.

Cosa mi piace:
• design essenziale;
• materiali;
• qualità meccanica dei tasti (cherry blue);
• stabilità e cura dei dettagli;
• ingresso USB per ricaricare smartphone/tablet;
• possibilità di combinare l’illuminazione a LED;
• dotazione accessori.

Cosa non mi piace:
• la tastiera con standard English US.

Spero che quanto ho scritto possa esservi di aiuto, resto disponibile ad eventuali domande o richieste che mi verranno rivolte e soprattutto, se con l’uso si dovessero evidenziare problemi o difetti, tornerò ad aggiornare la recensione.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 1000 RECENSORIVOCE VINEil 21 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
DOVEROSA PREMESSA:
Da oltre vent'anni costruisco ed assemblo PC, ed il mondo delle periferiche di input è cambiato nel tempo come tecnologia pur mantenendo sostanzialmente il tradizionale metodo di inserimento e gestione. Per tastiere e mouse il punto critico è sempre stata l’efficienza e la durabilità dei tasti che nel tempo hanno considerevolmente mutato di aspetto, design, tempi di risposta e tecnologia. La moda che ruota attorno al PC ha avuto periodi ben definiti, ma chi usa il PC per il Gaming non segue le mode, paradossalmente anche se potrebbe sembrare una moda definita, in realtà non lo è, perché il videogiocatore segue la potenza di un’eccellente CPU, le performance di GPU sempre più potenti, Ram in abbondanza e MOBO estreme ed è la soluzione più dispendiosa in assoluto per l’assemblaggio dei PC. Non c’è nulla da fare, per i fanatici del PC come me, vige la regola del “C’è sempre qualcosa di meglio”, e le periferiche di input giuocano un ruolo fondamentale e decisionale nel Gaming, arrivando a costare cifre importanti, ma che in fin dei conti chi ama moddare il PC, le acquisterà ad ogni costo, apprezzandone l’elevata scenografia dell’atmosfera che creano durante le sessioni di gioco estremo. Robustezza e tempi di risposta immediata durante il gioco sono la direttiva da seguire e per il vero giocatore da PC, poco importa per la cifra…o quasi. Normalmente ai miei clienti che non vogliono spendere tanto su un PC, consiglio una consolle per giocare, sicuramente più pratica e meno costosa, ma il videogiocatore vero che vuole un PC da Gaming sa benissimo quali cifre ruotano attorno ad un PC estremo ed alle periferiche accessorie.
Kingston è leader nei componenti Hardware delle memorie di massa e archiviazione ed HyperX è la nuova frontiera estrema con cui Kingston da pochi anni ha immesso nel mercato periferiche di fascia alta e di enorme qualità costruttiva, degne del nome conquistato negli anni. Sicuramente la tastiera Gaming HyperX Alloy FPS gioca un ruolo fondamentale nel “Gaming estremo” e rende all’utente una sessione di giuoco scenografica a dir poco meravigliosa oltre a tempi di risposta immediati e tasti cherry sostituibili. Vediamo in dettaglio questo prodotto Gaming unico e spettacolare dallo stile retrò, ma ben concepito.
PRIMO IMPATTO:
Il primo impatto sulla tastiera HyperX Alloy FPS lascia senza fiato sin dalla confezione esterna; un robusto monolito Nero avvolto da un cartoncino semi-rigido con una grafica accattivante, caratterizzata da flash Rossi attorno ai copri tasti che richiamano l’illuminazione di HyperX Alloy FPS, oltre ad un marchio dirompente sulla barra spaziatrice che di per sé ha un impatto estremo che non lascia spazio a fraintendimenti. Si capisce subito con che cosa abbiamo a che fare e che tra le mani c’è un prodotto di elevata qualità per il Gamer estremo. Io che utilizzo prevalentemente il PC in potenza di calcolo con CPU estrema, causa il lavoro che faccio, ho optato per la costruzione di una macchina altrettanto estrema, ma non ho dato, almeno inizialmente, spazio ad una tastiera da Gaming, bensì uso una comune tastiera WiFi, visto che il giuoco passa in secondo piano rispetto al mio lavoro di grafica e animazione 3D. Non nascondo di avere tra le mani due schede grafiche potenti in Crossfire che in ogni momento mi consentirebbero sessioni di giuoco estremo, ma purtroppo quello che manca per farlo, è sempre il tempo. Per sopperire alla routine del lavoro, per le brevi sessioni di gioco che mi capita di fare ogni tanto, presi una Gigabyte Aivia Osmium con tasti cherry red, ma devo dire che questa HyperX, nonostante abbia i tasti cherry blue, tiene bene il passo in tutto e per tutto con la Gigabyte in mio possesso. Per la linea HyperX Alloy FPS e per le tastiere meccaniche da gaming in generale, trattandosi di periferica da gioco è bene specificare, per chi non è adepto, che si tratta di una tastiera a Filo, perché per il gaming i tempi di risposta sono fondamentali e attualmente, non c’è nulla di meglio sul mercato delle periferiche di input meccaniche a filo.
DESCRIZIONE PRODOTTO:
Questa tastiera, è la prima FPS MX Cherry Blue meccanica nata in casa Kinston divisione HyperX, che ha continuato a seguire il successo delle periferiche gaming Cloud Revolver ed è una periferica di gioco estrema per la quale la scelta da parte della casa costruttrice, è stranamente caduta sui tasti Cherry Blue, anziché i Cherry Red o Black (analoghi tra loro per tattilità e funzione) nonostante che i tempi in risposta sono prerogativa dei tasti MX Cherry Red. La tastiera riprende un design Americano in cui il tasto enter è il classico lineare a differenza delle tastiere per il mercato italiano/europeo che normalmente hanno questo tasto come una sorta di “L” rovesciata, purtroppo in Italia viene commercializzata soltanto con i tasti cherry Blue al contrario del mercato estero in cui si possono reperire anche tasti cherry Red, Brown e Black anche se quest'ultimi sono stati sostituiti ormai dai Red avendo sostanzialmente il medesimo meccanismo. Nonostante questo, è bene dire che dopo averla provata, trovo questa tastiera veramente eccellente, rapida nella risposta ed estremamente solida. Gli switch BLUE, sono altrettanto validi per il giuoco e si conformano bene anche come uso comune del PC avendo di fatto uno switch tattile scattante a prova di errore di battitura.
Facciamo adesso “un attimo di chiarezza” in merito alla diversificazione tasti cherry MX delle tastiere tipo meccanico:
Attualmente in commercio le tastiere Meccaniche sono la migliore soluzione in assoluto per i videogiocatori estremi, perché ogni singolo carattere della tastiera è caratterizzato da un tasto meccanico indipendente e questo si traduce in termini pratici con una precisione assoluta e certezza di combinazione tasti in caso di sessioni di giuoco. Può sembrare assurdo avere una tastiera meccanica oggi, specie per l’enorme rumore che fanno i tasti switch di questo tipo, ma questo aspetto nonostante possa essere incentivo di impedimento nell’acquisto, è prerogativa assoluta di accuratezza e precisione per i videogiocatori. Non esiste sul mercato nulla di più affidabile di una tastiera meccanica perché evita errori di battiture e perché ogni tasto è indipendente e sostituibile in caso di rottura. Un tasto meccanico garantisce sempre la riuscita di battitura ed evita errori accidentali di pressione. A seconda degli switch utilizzati nelle tastiere, cambia il rumore, il tempo in risposta e la tattilità della tastiera. Nel caso di questa HyperX Alloy FPS l’azienda Kingston ha optato per gli switch MX cherry Blue. Trattandosi di switch meccanici, la differenza si traduce non a livello di tecnologia tra i vari tipi di cherry MX, ma in forza tattile di pressione, rumore di innesco e velocità di utilizzo; questa differenza viene sostanzialmente data da una molla meccanica interna allo switch. A seconda dello switch montato nelle tastiere presenti sul mercato, possiamo trovare i tasti CHERRY MX: BLU, RED (o Black dipende dal produttore) e BROWN. Indipendentemente dal tasto switch, le KEYCUP con numeri, lettere e simboli, sono del tutto “moddabili” ed intercambiabili. Per essere precisi occorre dire che oltre a questi tasti switch esistono anche altri colori di Cherry MX, ma il loro uso non è diffuso poiché principalmente non cambia la tecnologia, ma soltanto la forza di pressione ed il rumore quindi da dopo il 2008 esistono in larga diffusione principalmente 3 colori (RED BLUE BROWN) oltre allo storico MX BLACK del 1984.
Gli switch Cherry MX sono in dettaglio:
Cherry BLU: Sono tasti il cui rumore tipico in pressione è un fastidioso “click” tipico delle tastiere primitive stile Commodore 64, ma è uno switch molto tattile e scattante che garantisce una accuratezza ed un feedback tattile che altri tasti non hanno.
Cherry RED/BLACK: Sono tasti del tutto lineari, in cui la pressione del tasto è costante ed occorre una forza lineare di pressione per attivare lo switch. Questa peculiarità, si traduce in un click sordo e silenzioso, che offre una precisione tattile estrema. In questo tipo di switch è indifferente il colore dato che i red ed i black hanno praticamente la stessa funzione poiché la diversificazione colori è avvenuta successivamente con l'introduzione dei colori blue e brown. I tasti black risalgono al 1984 mentre i red al 2008 e la differenza tra i due stà nella forza di pressione per il resto sono identici.
Cherry BROWN: Sono tasti ad innesco bilanciato che non offrono una resistenza costante, sono una via di mezzo tra i RED e i BLU e questo aspetto si traduce in un feedback tattile intermedio che bilancia in modo equilibrato rumore, tempo di risposta ed accuratezza.
Questa tastiera HyperX Alloy FPS, dispone di tasti MX cherry blue con led indipendenti di colorazione rosso, in grado di retro illuminare le KEYCUP durante l’uso del PC e rendere le sessioni di gioco piacevoli e rilassanti dato che la luce rossa ha un effetto stimolante ed energetico oltre che decongestionante per il corpo. In questa tastiera si possono settare a piacimento alcuni parametri secondo le esigenze personali tra cui: intensità luminosa, area dei tasti di gioco, effetti speciali o personalizzare le KEYCUP principali di movimento dei tasti programmabili per il giuoco. In dotazione sono presenti 8 Keycup giuoco, caratterizzati da un color ciliegia vivido. In dettaglio troviamo:
4 Lettere di movimento W, A, S, D in stile metallico con segni in rilievo
4 numeri 1,2,3,4 di color ciliegia senza segni di rilievo
Questo, per avere un’idea precisa e tattile di cosa stiamo toccando durante il gioco senza distogliere lo sguardo dallo schermo. I tasti possono essere facilmente rimossi attraverso la comoda pinza in dotazione assieme ai Keycup.
A corredo con la tastiera c’è una pratica sacca forata in morbida tela di nylon imbottita ed accogliente, che dispone di una tasca con chiusura a velcro per contenere il cavo USB/mini-usb di connessione. Essendo una tastiera meccanica, il cavo non ricarica alcun tipo di batteria, ma è dotato di doppia presa USB da collegare a due porte del PC, perché il corpo della tastiera dispone di una presa USB aggiuntiva dalla quale è possibile ricaricare i dispositivi esterni come smartphone, tablet etc. etc. Il cavo usb di collegamento è telato, di ben 1,80 metri di lunghezza e molto robusto, ma non ha le estremità di connessione dorate, a mio avviso uno svantaggio specie quando il cavo è rimovibile.
L’uscita in ampere della porta di ricarica non è specificata, dato che è soltanto una porta la cui corrente erogata dipende esclusivamente dalla potenza erogata dalle porte del PC a cui connetterete la tastiera.
Gli effetti LED selezionabili attraverso il tasto funzione FN, sono sostanzialmente 6 di seguito elencati:
1- Keycup spenti
2- Keycup con effetto led sempre accesi
3- Keycup con effetto led a respiro su tutta la tastiera
4- Keycup con effetto led sul singolo tasto che si illumina con la pressione e torna nero gradualmente
5- Keycup con effetto led Onda che si dirama in ogni direzione
6- Keycup con effetto led memoria che illumina i tasti premuti i quali rimangono accessi fino alla successiva pressione
Queste modalità di illuminazione dei LED sono chiamate: led fissi, led a respiro, led a pressione, led a esplosione, led a onda e led personalizzato.
A seconda poi delle scelte fatte possiamo anche decidere di illuminare solamente i tasti di area giuoco, selezionando l’apposito tasto gaming, che esclude il tasto Windows onde evitare l’accidentale ritorno al desktop durante la sessione di giuoco. È una tastiera massiccia, dal peso di oltre 900 grammi, robusta e ben concepita, è dotata di piano superiore in alluminio anodizzato, e coperchio posteriore in ABS. È blindatissima ed i tasti switch cherry sono sostituibili in caso di rottura, ma vi assicuro che per rompere un tasto meccanico occorreranno molti anni di pressioni. Presenti assieme alla tastiera HyperX, un piccolo foglietto di ringraziamenti per l’acquisto ed un breviario in multilingua per l’uso con descritti i principali settaggi. La tastiera HyperX Alloy FPS, dispone di due piedini reclinabili e gommati con i quali è possibile inclinare l’angolo di battitura della posizione del polso a 4 ed 8 gradi. Se si ritraggono i piedini verso l’interno abbiamo un angolo di 4 gradi, se si estraggono i piedini gommati l’angolo diventa ad 8 gradi.
CONCLUSIONI:
Dopo un’accurata sessione di gioco ed uso intensivo, posso confermare che questa tastiera HyperX Alloy FPS è ottima per il gioco, la risposta tattile è discretamente buona, il feedback eccellente e nonostante che la scelta di Kingston per il gaming sia ricaduta sugli switch blue, si è dimostrata valida sia in ambiente gaming che in uso quotidiano. La battitura dei caratteri è impeccabile e non lascia spazio ad errori. Il rumore dei tasti riporta alla mente il mio vecchio Commodore 64 e riconosco ahimè di avere ormai un’età per ricordare molto bene lo stile retrò. Nonostante il prezzo possa non rientrare nell’ottica di cifra spendibile per una tastiera da parte dell’utente medio che usa il PC, va detto che per i giocatori rientra nell’ottica di spesa ed è del tutto in linea con il costo delle periferiche da gaming, la consiglio per i giocatori attenti ed esigenti, è un’ottima tastiera da gaming estremo, ma sono sicuro che con il tempo calerà di prezzo come è accaduto per la mia vecchia Gigabyte Osmium che adesso è reperibile ad un’ottima cifra qui su Amazon e comunque molto più bassa di quello che la pagai a suo tempo. Non la consiglio agli utenti che utilizzano il PC in ufficio, perché il rumore dei tasti potrebbe innescare nervosismo, così come non la consiglio agli utenti medi che utilizzano il pc per lavorare; è una tastiera prevalentemente da gioco ed è indirizzata ai videogiocatori. Buona la dotazione accessori, molto pratica la tasca di trasporto, robusto il cavo di collegamento. Il logo HyperX sulla barra spaziatrice è sobrio ed elegante ed ogni volta che mi capita di osservarlo me ne innamoro. L’unico deficit che ho riscontrato per il prezzo proposto, è la mancanza di connettori dorati nelle estremità del cavo USB. Per un prodotto di questa fattura, così curato e ben fatto, Kingston avrebbe potuto sforzarsi ed inserire un cavo USB con connessioni dorate. Segnalo inoltre la mancanza di poggia polsi. Nonostante questa pecca, non posso che dare 5 stelle piene al prodotto, ottimo in tutto.
AGGIORNAMENTO:
Da pochi giorni su amazon è possibile reperire differenti tipi di tastiere kingston HyperX Alloy FPS (del tutto identiche negli switch MX cherry), la differenza sostanziale è nel prezzo. Attualmente (ad oggi 24/02/2016) quella da 118,90 è la tastiera da me recensita, con il design dei tasti US cioè con il tasto enter lineare e switch MX cherry blue. La tastiera HyperX alloy FPS UK da 145,20 ha il design del tasto enter ad “L” rovesciata con cherry Black, mentre la versione tedesca si trova in differenti prezzi ha il design con il tasto enter ad “L” e switch black per quella da 170 euro e black per quella da 160 euro.
Consiglio la kingston con layout US se non si hanno particolari preferenze sul tasto enter.

Come sempre nelle mie recensioni, i PRO e i CONTRO:

PRO:
- Robusta
- Ottima dotazione accessori
- Keycup dedicati per il gaming
- Effetti led personalizzabili
- Intensità luminosa selezionabile
- Tasti cherry MX sostituibili singolarmente
- Tasto gaming che esclude il tasto Windows per le pressioni accidentali
- Risposta immediata ed accurata sulla pressione singola e sulla multi pressione
- Cavo USB telato rimovibile
- Porta USB di ricarica aggiuntiva
- Chassis anteriore robusto e blindato
- Piedi orientabili e gommati
CONTRO:
- Mancanza connettori dorati sul cavo USB di connessione
- Mancanza poggia-polsi
- Chassis posteriore in plastica e non in alluminio come la parte superiore.
review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image review image
0Commento| Una persona l'ha trovato utile. Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso
I PRIMI 10 RECENSORIil 26 febbraio 2017
Dimensione: Alloy FPS|Stile: Interruttore Cherry Blue|Recensione Vine di un prodotto gratuito( Cos'è? )
Il titolo scopre l'acqua calda: difficile che una tastiera per gamers possa essere apprezzata dall'utente occasionale, visto che alcune delle sue caratteristiche (corsa del tasto, rumore assordante se paragonato alle tastiere anche più economiche, prezzo...) sono considerate come difetti e non come peculiarità. Lasciamo poi perdere il fatto che avendo un layout US è fastidiosissima da usare per chi è abituato a quello nostrano.

Eppure chi gioca, specie a certi livelli, conosce bene lo stress a cui una tastiera è sottoposta, per non parlare di alcuni fattori (dal peso che deve essere di un certo tipo onde evitare spostamenti alla resistenza degli switch, nonché al feedback degli stessi) che fanno la differenza.

Prima di decantare le lodi di questa tastiera, che si apprezza perché è palese sia studiata per appassionati (che credo siano gli unici acquirenti di una tastiera dal costo così elavato) e che rivela tale studio in piccoli/grandi particolari, vorrei dedicare due parole su un aspetto a mio parere importante, che costituisce la seconda parte del titolo, ossia la mia preferenza per gli switch Romer-G (che si trovano nella Logitech G910 Orion Spectrum rispetto ai Cherry MX Blue.

Attenzione, parliamo del pelo nell’uovo, ma avendo avuto modo di testare entrambi si capisce perché la Logitech abbia scommesso su una tipologia di switch - completamente ridisegnati anche a livello ingnegneristico - che non solo va a sopperire a vari difetti dei Cherry ma che produce un feedback meno eclatante (basti vedere il click sommesso, a confronto del frastuono del Cherry Blue) e assicura una longevità dei tasti decisamente più lunga (70 milioni di pressioni contro i 50 di questi).

Donde la valutazione di quattro stelle. Perché per il resto, ci si trova davanti una signora tastiera che punta molto su un target di un certo livello, inclusi giocatori che preferiscono portarsi dietro il proprio dispositivo (vedi anche la presenza di una custodia e la possibilità di scollegare il cavo, vera chicca per intenditori...) e che ne prediligono la compattezza così da avere più spazio per il mouse, mantenendo una posizione di gioco più naturale. Aver ancor di più limitato il target ai giocatori di FPS (anche se la può usare chiunque, chiaro), con tanto di tasti ruvidi in corrispondenza dei tasti principali WASD è un modo chiaro e diretto per far capire all’acquirente che difficilmente si pentirà della scelta perché alla base c’è gente che gioca proprio come lui. Dico, chiunque gioca sa bene quanto possa essere frustrante tornare al desktop premendo per sbaglio con il palmo il tasto Windows...e non a caso c’è la possibilità di attivare la modalità gioco che lo rende inattivo.

Vi sono poi varie chicche, alcune delle quali non ho trovato chissà quanto meritevoli di attenzione (ivi inclusa la porta USB posteriore per caricare il cellulare...bah, trovo più utile quella della mia lampada USB da scrivania, per dire...giusto se vai in giro per fare i tornei può risultare utile) mentre alle varie pecche mi sono sforzato di trovare una giustificazione in vario modo: l’assenza di un supporto per i polsi col fatto che portarla in giro sarebbe risultato più complicato per via delle dimensioni maggiori (potevano però farlo rimovibile…) è una di queste.

Della stessa tastiera ne esistono più versioni (dipende dal layout US, UK, GE…) con oscillazioni di prezzo anche di 60 incomprensibili euro. Quindi date un’occhiata in giro anche negli Amazon esteri per trovare il prezzo più basso.
0Commento|Ti è stata utile questa recensione?NoSegnala un abuso

Domande? Ottieni risposte rapide dai recensori

Per favore, verifica di aver inserito una domanda valida. Puoi modificare la domanda oppure pubblicarla lo stesso.
Inserisci una domanda.
Visualizza tutte le 2 domande con risposta


Hai bisogno del servizio clienti? Clicca qui