Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
  • Android
  • Windows Phone
  • Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

Prezzo Kindle: EUR 1,99
include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Lo stivale d'oro di Istanbul di [Elsa Zambonini Durul]
Annuncio applicazione Kindle

Lo stivale d'oro di Istanbul Formato Kindle

4.5 su 5 stelle 18 recensioni clienti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle, 13 lug 2014
"Ti preghiamo di riprovare"
EUR 1,99

Lunghezza: 189 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Descrizione prodotto

Sinossi

LO STIVALE D’ORO DI ISTANBUL (Potere, amore e morte fra Italia e Turchia)

Sullo sfondo di una città esotica e accattivante, Lo stivale d’oro di Istanbul mette in scena un intreccio di colpi di scena, amore e avventura, ma soprattutto il percorso di crescita di una donna che deve imparare a fare i conti con il passato, tragico, della sua famiglia. Il genere tende al giallo, anche se non risponde tanto alla domanda:”Chi è il colpevole?”, quanto piuttosto: ”Qual è veramente l’entità della sua colpa ?”.
È il retaggio familiare a spingere Lisa ad accettare un posto come insegnante di lettere nel prestigioso liceo italiano di Istanbul, sfidando l’opposizione del padre che ha sempre cercato di tenerla lontana da quella città. Il suo scopo è raccogliere informazioni sulla madre che lì è vissuta e morta, ma di cui lei non sa nulla.
Da quanto riesce a sapere, Lisa scopre una donna molto più fragile di quella che ha immaginato per tanti anni, così fragile da aver bisogno di un supporto psicologico. Su questa pista Lisa si avvia per approfondire le indagini su di lei, con l’aiuto di qualcuno e la fredda ostilità di altri. Alla storia della ragazza si intreccia quella dei suoi genitori con una quotidianità di violenza psicologica.
Nella nuova città dove lavora, e di cui presto si innamorerà, la protagonista frequenterà italiani, turchi e levantini, a cominciare dai suoi alunni, con cui intreccerà rapporti che finiranno per cambiare le sue prospettive e il suo destino. Nello stesso tempo sarà costantemente occupata a risolvere i misteri che incombono sulla sua famiglia, che non presentano certo facili soluzioni.
Il bandolo della matassa sembra essere un prezioso manufatto chiamato Lo stivale del sultano, nel cui nome sono riassunti simboli italiani (stivale) e turchi di potere maschile (sultano). Istanbul è coprotagonista.



 

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 2859 KB
  • Lunghezza stampa: 189
  • Editore: Elsa Zambonini Durul (13 luglio 2014)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B00LS3E05Y
  • Word Wise: Non abilitato
  • Screen Reader: Supportato
  • Miglioramenti tipografici: Abilitato
  • Media recensioni: 4.5 su 5 stelle 18 recensioni clienti
  • Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: #62.656 a pagamento nel Kindle Store (Visualizza i Top 100 a pagamento nella categoria Kindle Store)
  • Hai trovato questo prodotto a un prezzo più basso?

Recensioni clienti

4.5 su 5 stelle
Condividi la tua opinione con altri clienti

Principali recensioni dei clienti

Acquisto verificato
Ma che bella sorpresa questo libro! E' davvero scorrevole, originale nella trama, avvincente. L'autrice ha un occhio molto preciso e acuto nel descrivere ambienti, situazioni, comportamenti e persone. Coglie anche piccole sfumature o momenti che sanno creare atmosfera. Istanbul non è uno sfondo, ma entra a far parte dei personaggi e chi l'ha visitata abbastanza bene ci si ritroverà con piacere! Per quel che mi riguarda, anche se siamo su due piani letterari decisamente diversi, meglio questo di 'Istanbul' di Pamuk.
Il thriller o 'giallo' in sè non è del tipo 'who did it?', nel senso che ben prima della protagonista avevo intuito l'intreccio misterioso, va anche detto a onor del vero che alcune soluzioni e situazioni sono un po' inverosimili, però i fatti sono così ben intessuti con Istanbul e con i vari personaggi (come un tappeto turco!) che si lascia da parte questo particolare per lasciarsi avvincere!
Il finale poi... POSSIBILI SPOILER
E' prevedibile fino alle ultimissime poche righe, che rimangono come 'mozze' (ma mi pare di capire sia pronto un sequel che sperò pubblicheranno prestissimo!), ma poi a rileggerle hanno un senso e sono uno di quei finali che vanno di moda negli horror americani, cioè si capisce che si è 'punto a capo' e che la protagonista è di nuovo nei pasticci, insomma smentisce quello che fino a pochi secondi dalla fine sembrava un lieto fine.
Nello specifico: Emre è una replica del padre della ragazza? Ha la 'sindrome del sultano'? E stavolta lei, trovandosi nei panni della defunta madre, riuscirà a rendersene conto e venirne fuori? E' un finale che lascia di stucco!
E' un romanzo che davvero consiglio a chi ama Istanbul alla follia come me, ma anche a chi vuole qualcosa di diverso dal solito. Mi stupisce che non sia stato pubblicato da una casa editrice prestigiosa.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Acquisto verificato
Ho finito di leggere proprio in questi giorni il romanzo “Lo stivale d’oro di Istambul” di Elsa Zambonini e devo dire che, vuoi per la mia predilezione per le storie thriller, vuoi per il mio inveterato amore per i viaggi, mi è piaciuto molto. In questo romanzo le due componenti, il thriller ed il viaggio, si uniscono e si contaminano in un mix ben dosato ed estremamente piacevole.
In una Istambul che non si accontenta di fare solo da sfondo alla narrazione ma che si apre al lettore con i suoi vicoli e i suoi mercati, con i profumi delle spezie, con la sua storia, la sua musica e, soprattutto la sua gente, prende vita una storia, scritta in modo semplice e molto efficace, con una tensione costante e vari colpi di scena.
Lisa, la protagonista, è una giovane donna che accetta, contro il parere del padre, l’incarico di insegnare in un liceo italiano a Istambul, città dove ha vissuto in passato la sua famiglia.
Inizia così la disperata e caparbia ricerca di notizie della madre, morta in circostanze mai chiarite.
È un viaggio a ritroso nel tempo che la metterà più volte di fronte a verità sconcertanti sul passato della sua famiglia, un passato che si svelerà in un crescendo di tensioni, dispiaceri, delusioni, paure. Lisa non indietreggia e non si perde d’animo, così le luci calde dei tramonti sul Bosforo che da sempre illuminano quella città leggendaria, a poco a poco getteranno i loro riverberi su verità nascoste e ricordi offuscati dal tempo, su umiliazioni, tradimenti e uccisioni ma, soprattutto, rischiareranno il percorso intimo, spirituale e affettivo della protagonista.
Un romanzo ben scritto, convincente, che diverte e fa riflettere. Lo consiglio a tutti.
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso
Sono appena tornata da un viaggio meraviglioso, che mi ha portato in Turchia, nella magica città di Istanbul, dove ho conosciuto una ragazza che è diventata mia amica e che mi ha appassionato e commosso con le sue vicissitudini. Questa è la sensazione che ho provato leggendo l’ultima riga de “Lo stivale d’oro di Istanbul” di Elsa Zambonini Durul, mentre il mio cuore si ribellava portandomi ad emettere un’esclamazione di protesta per la fine arrivata troppo presto. Appassionante, avventuroso, travolgente … Anche se inizialmente leggermente noioso. Mi spiego meglio … Nei primi capitoli l’autrice descrive minuziosamente Istanbul e ciò porta ad una narrazione lenta, che a volte potrebbe risultare un po’ “ferma”. Ma presto gli eventi travolgono, tanto da far dimenticare la lentezza iniziale e anzi, a volte ho avuto veramente la sensazione di trovarmi in quella stanza, lungo quella strada o tra quei vicoli … Lisa, la protagonista, è nata ad Istanbul , ma si è trasferita in Italia in tenerissima età con il padre italiano, dopo la morte della madre, che si dice sia stata causata da un incidente. La ragazza decide di tornare alle origini e di trasferirsi quindi ad Istanbul, per fare chiarezza sulla scomparsa della giovane madre, dato che il padre, nonostante la sua insistenza , non le ha mai voluto raccontare nulla e , anzi, ha sempre cercato di tenerla lontana dal passato. Lisa mi ha coinvolta nelle sue ricerche, con lei ho sperato, pianto e litigato. Mi hanno affascinato il suo coraggio e la sua caparbietà e sono stata letteralmente travolta da ogni sua scoperta … Non voglio rovinarvi il gusto della lettura raccontandovi troppo , per cui vi lascio assicurandovi che questa storia vi appassionerà. Elsa Zambonini Durul scrive in modo impeccabile, a volte fastidiosamente perfetto. Ho apprezzato la sua abilità nel coinvolgere il lettore e ho amato i suoi personaggi. Complimenti all’autrice e buona lettura a voi!
Commento Questa recensione ti è stata utile? No Invio feedback...
Grazie del feedback.
Spiacenti, non siamo stati in grado di registrare il voto. Provare di nuovo.
Segnala un abuso

Le più recenti tra le recensioni dei clienti

click to open popover

Dove è il mio ordine?

Spedizioni e resi

Hai bisogno di aiuto?